lunedì 14 maggio 2018

Salvini: "No a patti un

tanto al chilo. Ci sono

distanze sul programma".



"Abbiamo chiesto qualche altra ora per vedere se su alcuni temi si trova l'accordo", ha detto Salvini a Mattarella. "Il governo parte se è in grado di fare cose".







Dopo Di Maio è la volta di Matteo Salvini varcare il portone del Quirinale per parlare con il Presidente della Repubblica.










Al termine del faccia a faccia il leader della Lega spiega che "non stanno questionando sui nomi ma stiamo molto più costruttivamente discutendo anche animatamente sull'idea di Italia". La trattativa tra le due forze politiche, dunque, va avanti e, ad oggi, non si vede ancora la parola fine. "Capisco che appassioni i giornalisti il candidato premier e il calcio mercato, ma stiamo banalmente discutendo, anche animatamente, sull'idea di Italia".

"Stiamo facendo uno sforzo enorme - prosegue Salvini - perché se dovessimo ragionare per convenienza politica non saremmo qua da tempo, se dovessimo dar retta ai sondaggi saremmo i primi a dire chi ce lo fa fare di trovare una quadra lasciamo tutto nelle mani di Mattarella con l'ipotesi di andare al voto il prima possibile". La delegazione della Lega comprendeva, oltre a Salvini, i capigruppo in Parlamento Giancarlo Giorgetti e Gianmarco Centinaio.

"Sono in questa veste non solo di segretario della Lega - ha precisato Salvini - una mia precondizione perché il governo partisse era che non si rompesse l'alleanza di centrodestra. E quindi ringrazio sia il presidente Berlusconi che il presidente Meloni per la possibilità di tentare di dar vita a questo governo senza spaccare la coalizione con cui abbiamo preso 12 milioni di voti e a cui continuo a far riferimento". Poi ha ribadito che "gli accordi un tanto al chilo non fanno per me". A sottolineare che la Lega non intende andare al governo a tutti i costi, mandando giù qualunque condizione.

In tema di immigrazione "le posizioni di Lega e M5S partono da una notevole distanza e nel rispetto dei diritti umani, dei trattati, della solidarietà, lo dico da padre di famiglia, però mi rifiuto di pensare all'ennesima estate/autunno degli sbarchi, del business dell'immigrazione clandestina in saldo. E quindi su questo la Lega deve avere mano libera per la tutela della sicurezza dei cittadini e smantellare il business sulla pelle di queste persone".

"Gli italiani sicuramente ci hanno votato per riportare a Bruxelles e a Strasburgo la centralità del tema italiano del lavoro, della difesa dell’agricoltura, del made in Italy, della pesca. Oggi è caduto il soffitto dell’ennesima scuola e per fortuna senza i ragazzi inclasse. Io devo sbloccare la possibilità di spendere i soldi bloccati da vincoli esterni perché i nostri figli devono poter andare a scuola senza chei soffitti gli cadano in testa. Ad oggi ho dei vincoli esterni che non me lo permettono. O riesco a dare vita a un governo che ridiscute questi vincoli esterni oppure è un libro dei sogni. Il governo parte se può fare le cose, altrimenti non cominciamo neanche. Per questo abbiamo chiesto al presidente qualche altra ora". -


Nessun commento:

Posta un commento