sabato 12 maggio 2018

Cartelle esattoriali: 

procedura e tempi 

della nuova rottamazione.

 




Scade il prossimo 15 maggio il termine ultimo per aderire al piano di rottamazione delle cartelle esattoriali la cui riscossione è affidata ad Agenzia delle Entrate e Riscossione. La definizione agevolata si rivolge alle somme affidate all’Agente della riscossione dal 1 gennaio 2000 al 30 settembre 2017 e consente il solo pagamento dell’imponibile, dunque escludendo le sanzioni e gli interessi di mora. Per le multe stradali, invece, non si pagheranno gli interessi di mora e le maggiorazioni previste dalla legge.
Per accedere al beneficio della rottamazione vi sono almeno tre diverse modalità. Innanzitutto, la via telematica: il contribuente potrà compilare il modello DA 2000/17 direttamente dal sito istituzionale di Agenzia delle Entrate-Riscossione. Chi preferisce avere un contatto diretto con l’ente, potrà consegnare brevi manu il modello compilato, rivolgendosi agli sportelli dell’Agenzia, ovvero potrà essere recapitato tramite Pec, rinvenendo le pec regionali nell’allegato del modello DA 2000/17 o più semplicemente sul sito istituzionale.
L’Agente della riscossione entro il 30 giugno 2018 provvederà ad inviare al contribuente che ha presentato richiesta di adesione, una comunicazione di rigetto o accoglimento della domanda. In quest’ultima ipotesi, verranno comunicate le somme dovute, l’eventuale rateizzazione e i relativi bollettini. In caso di rigetto, invece, la comunicazione conterrà le motivazioni della bocciatura. Sarà, poi, possibile effettuare il pagamento in un’unica soluzione oppure in un massimo di 5 rate di pari importo, la prima delle quali entro il 31 luglio 2018 e l’ultima, entro il 28 febbraio 2019.-

Nessun commento:

Posta un commento