mercoledì 2 agosto 2017

OLIVERI: L'EX ASSESSORE DOTT. SERGIO LEMBO RIPRESENTA LA RICHIESTA DI RIDEFINIZIONE DEL CENTRO STORICO E P.R.G. AD AMMINISTRATORI SORDI E MIOPI. ATTENTI SOLO ALLE ESIGENZE DELLA FIERA-MERCATO.







Al Sindaco e RAT del Comune di Oliveri

All’Assessore all’Urbanistica del Comune di Oliveri

Al Consiglio Comunale del Comune di Oliveri








Oggetto: Centro storico da ridefinire e P.R.G.

Il sottoscritto Sergio Lembo, ex Assessore del Comune di Oliveri e membro provinciale dei Giovani di Alternativa Popolare, con la presente manifesta l’urgente necessità di ridefinire l’area del centro storico limitandola esclusivamente al contorno del Castello e degli immobili pertinenziali.

Il provvedimento più volte auspicato dalla mia persona, durante il breve percorso di Assessore e anche successivamente, consentirebbe di zonizzare il centro urbano “zona B“ secondo il D.M. 2.aprile.1968 n° 1444, incentivando l’attività sugli immobili con la conseguente rivitalizzazione economica e sociale.

L’inerzia del Sindaco sull’argomento provoca un danno economico e notevoli disagi ai cittadini i quali sono frenati ad intraprendere qualsiasi iniziativa edilizia a causa della ristrettezza degli interventi  edilizi consentiti e riconducibili ai soli interventi di manutenzione e/o ristrutturazione e/o volti ad assicurare le minime condizioni statiche e di sicurezza degli immobili; interventi, peraltro, obbligati a rispettare caratteristiche edilizie più dispendiose ( tipologia di infissi, copertura etc. ) e una procedura amministrativa più lunga e più costosa  per l’acquisizione dell’obbligatorio parere della Soprintendenza.

A seguito del terremoto del 1978, quasi tutto il centro urbano è stato demolito e ricostruito con moderne strutture in cemento armato a tre elevazioni fuori terra di tipo economico e con variegate soluzioni estetiche.

A quanto pare, inesitate le mie precedenti richieste, il Sindaco vuole mantenere quanto prescritto dal P.R.G. che ad oggi per altro, presenta da dieci anni i propri vincoli scaduti.

L’intervento di ridimensionamento del centro storico alla sola perimetrazione del Castello e delle antiche casette baronali che attorno ad esso gravitano, è vitale per l’edilizia locale.

Per la risoluzione del problema, lo scrivente propone le seguenti due strade:

1.    Adoperarsi attivamente e seriamente a procedere con un progetto di revisione generale del P.R.G. che comprenda non solo la rivisitazione di quanto realizzato in questi 15 anni dalla sua vigenza e la riproposizione o meno dei decaduti vincoli, ma anche la riperimetrazione del centro storico così come sopra designata;

2.    Deliberazione di Consiglio Comunale con un atto di indirizzo rivolto a manifestare tale volontà e, con documenti, dimostrare all’ARTA e alla Soprintendenza BB.CC.AA. e P.I. di Messina, l’insussistenza dei requisiti per una classificazione così ampia dell’attuale centro storico; proporre, quindi, agli organi competenti la sua riperimetrazione supportata:

-      Da adeguati elaborati grafici con profili regolatori dell’attuale nucleo urbano (post terremoto);

-      Analisi delle caratteristiche tipologiche e compositive degli edifici esistenti (aggetti, prospetti, infissi, coperture, coloriture etc.);

-      Rappresentazione fotografica.



La seria analisi del territorio, così come sopra indicata, potrebbe essere esaustiva al raggiungimento dell’obiettivo in tempi brevi.
Tra le due possibilità la seconda è sicuramente la più percorribile, meno dispendiosa e con tempi di approdo decisamente più brevi. -
L’occasione è gradita per porgere distinti saluti.

Oliveri, lì 01/08/2017                                                

DOTT. SERGIO LEMBO


                                                                           

10 commenti:

  1. L'ignavo movimento cirano di Oliveri non commenta su un argomento vitale per l'economia del Paese. Saranno tutti a godersi le immeritate ferie.

    RispondiElimina
  2. No. Sono impegnati nelle Universiadi . Scusate Oliveriadi: un, due, tre STELLA. Forza Ciccio che ce la fai! Hahaha

    RispondiElimina
  3. Con il comunicato stampa del 26 luglio u.s., Ciccio, dopo essersi scusato coi lettori per averli trascinati in una sterile polemica, si è impegnato pubblicamente a non perdere altro tempo utile a cose più costruttive. Ciccio si è anche scusato col suo numeroso gruppo perché avrebbe dovuto risparmiarlo da banali questioni personali. Quindi, Ciccio sarà impegnato a costruire cose importanti.... per chi???? Chi campa vedrà.

    RispondiElimina
  4. Ciccio è un creativo. Sempre impegnato a costruire nuovi programmi ... ad elaborare nuovi progetti finalizzati al progresso del suo movimento e dei suoi soci.

    RispondiElimina
  5. Certo Ciccio stava preparando da 8 mesi i giochi olimpici vinti da Librizzi. Ora inizia a preparare quelli del prossimo anno. Mica si può interessare della casa abusiva della cugina o dell'Ipar dell'altra cugina o del centro storico di Oliveri, o dei terreni comunali o del bilancio falso del comune. Minkia Ciccio sono scemi questi? Con tutte le cose importanti che devo fare! !! E ti dicono Ignavo. Ciccio Cirano non lo sanno che sei peggio jihijiji Iiiinutile!

    RispondiElimina
  6. Ciccio dai fagli vedere come fai: Un due tre.....Stella! Ciccio che te ne fotte se tua cugina si frega lo stipendio. Deve campare la famiglia! E Pasqualina? Che me ne frega la difende Bagnato. Tu non litigare Ciccio mi raccomando. Resta Ignavo. Ciccio un due tre .... ..stella

    RispondiElimina
  7. Siamo sicuri che abusiva è solo casa di assessora? Ciccio la palestra associazione non è abusiva? Sicuro ciccio?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Associazione è per non pagare tasse. Ma ci sono irregolarità più gravi. Ì tutti abusivi

      Elimina
  8. Ci sono molti abusi che interessano tutta la famiglia. Ciccio lo sa. E pure Ciccia.

    RispondiElimina
  9. Diciamolo SONO TUTTI ABUSIVI . Hanno tanti canali di vetro e sono ricattabili. In tutti i settori. Palestra Fisio ed altro. Vero Ciccio Cirano?

    RispondiElimina