mercoledì 9 agosto 2017

Migranti,

aperta un'indagine sul

prete amico della Boldrini.

Padre Zerai è indagato dalla procura di Trapani per favoreggiamento dell'immigrazione clandestina nell'inchiesta Ong.


Colpo di scena nell'indagine della procura di Trapani sulle Ong e i presunti rapporti con gli scafisti.


Un avviso di garanzia è stato notificato al sacerdote eritreo Mussie Zerai, accusato dalla Procura di Trapani di "favoreggiamento dell’immigrazione clandestina". L’apertura del fascicolo risale al novembre 2016 e le indagini sono eseguite dalla squadra mobile della città siciliana. Gli investigatori avrebbero approfondito le attività di padre Zerai, candidato al Nobel per la pace nel 2015, fondatore e presidente dell’agenzia di informazione Habeshia, definita "il salvagente dei migranti", con la quale offre assistenza telefonica ai migranti in partenza, stimolando l’intervento delle autorità nei luoghi in cui si trovano imbarcazioni in difficoltà. "Ho saputo soltanto lunedì dell’indagine - dice Mussie Zerai - e voglio andare a fondo in questa vicenda. Sono rientrato a Roma dall’Etiopia di proposito. In passato - aggiunge - ricevevo moltissime telefonate ogni giorno. Oggi ne ricevo molte meno, non saprei dire perche,’ ma il mio intervento è sempre stato a scopo umanitario". L’indagine, secondo ambienti giudiziari, si riferisce a presunte pressioni svolte dal prelato presso gli organi competenti nel soccorso in mare. Come aveva anticipato  il Giornale, il prete avrebbe "avvisato in chat" le Ong per i salvataggi dei migranti. "Prima ancora di informare le Ong - dice il religioso -, ogni volta ho allertato la centrale operativa della Guardia Costiera italiana e quella maltese. Mai ho avuto rapporti con la Iuventa ne aderisco a chat segrete. Ho sempre comunicato attraverso il mio telefono cellulare".-

Nessun commento:

Posta un commento