domenica 16 luglio 2017

OLIVERI: LA PROPOSTA DELL'ON/LE BENINATI E' CONDIVISIBILE PERCHE' I COMUNI GOVERNATI DA AMMINISTRATORI IMPREPARATI E/O MAFIOSI RISCHIANO IL FALLIMENTO.

_____________________________


Nino Beninati:

"Ai Comuni servono organi di controllo sugli atti"



L'ex assessore regionale, oggi coordinatore provinciale di Noi con Salvini, propone l'istituzione di organismi analoghi alle ex Commissioni provinciali di controllo.


Sabato, 15. Luglio 2017 - 9:49
Pubblicato da www.tempostretto.it


“ I Comuni siciliani, hanno bisogno di un organo che garantendo imparzialità e terzietà, sia pronto a verificarne l’operato e a dare consiglio sulle strategie e le politiche da attuare”.


Nino Beninati, coordinatore di Noi con Salvini, ripropone l’idea avanzata già qualche anno fa, di costituire degli enti di controllo che possano essere diretti interlocutori dei Comuni ed elemento di garanzia per i cittadini “per evitare  - continua - che decisioni infauste possano causare un danno organizzativo o finanziario a spese della gente che è la diretta destinataria dell’operato delle giunte e dei consigli comunali. Si tratta di una proposta che avevo avanzato già due anni fa, ma che purtroppo è rimasta inevasa”.


Organismi del genere non sono nuovi all’esperienza istituzionale siciliana, infatti prima del 1999 erano costituite le cosiddette Commissioni provinciali di controllo, organi politici che verificavano gli atti di delibera dei Comuni. In quell’anno durante il Governo D’Alema a livello nazionale e quello di Capodicasa in Sicilia si decise di sopprimere tali enti.


“Ora, invece – commenta Beninati - la circostanza che la maggior parte dei Comuni siciliani vive una situazione di stallo ed il rischio default per debiti, a volte scientificamente causati, altri quali conseguenza di scelte infelici fatte per via di scarsa conoscenza delle materie deliberate, rende l’istituzione di organi di controllo più che mai necessaria. Non voglio auspicare un semplice ritorno al passato, sarebbe da incoscienti, considerando che va dato atto che le Commissioni del ’99 erano diventate enti fin troppo politicizzati, ma istituire a livello di ogni provincia un organo super partes (quindi non politico) che verifichi l’operato dei Municipi almeno uno volta l’anno, ed ogni volta che i Comuni o loro membri ne facciano richiesta, potrebbe rivelarsi uno strumento utile per garantire un miglior governo del territorio”


Secondo Beninati gli organismi andrebbero pensati come enti di supporto ai Comuni e non come “organi di polizia”. Potrebbero fungere da ufficio legale, senza essere costretti a supportare gli ingenti costi che normalmente richiede la consulenza esterna, ed allo stesso tempo sarebbero di ausilio alle opposizioni in Consiglio comunale.


“Dopo il 1999, le minoranze politiche non hanno avuto alcun altro strumento per rivendicare l’illegittima di un atto, che non quello lungo e costoso del ricorso al Tar. Ebbene, l’istituzione di un ente del genere permetterebbe alle minoranze di far sentire la propria voce, presentando le proprie osservazioni senza dover ricorrere al Tribunale amministrativo, rendendo l’iter più celere, snello ed economico. Il coordinamento provinciale di Noi con Salvini- conclude Nino Beninati - si impegnerà presto a convocare una riunione di tutti i Sindaci e rappresentanze dei Comuni ad un incontro per confrontarci su questa necessità, fermo restando che l’istituzione di tali enti verrà inserita nel programma politico del Movimento, perché possa assicurare un’esperienza di governo più stabile, lecita e vicina ai cittadini”. -

5 commenti:

  1. Il movimento Cirano di Oliveri non è interessato ai controlli sugli atti dei Comuni. Anzi, rivendica l'assoluta libertà di azione dei Sindaci, degli Assessori e dei Consiglieri. Questo movimento VENDE, VENDE, VENDE ... fumo a tutti i suoi soci e a tutti i compaesani.
    BEATA IGNORANZA O ECCESSIVA FURBIZIA ???

    RispondiElimina
  2. È solo una minuscola associazione locale di basso livello.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. che crea il suo movimento "Cirano Giovani" costituito da ragazzi ambiziosi di diventare adulti senza crescere culturalmente e senza quella gradualità che è figlia di una necessaria esperienza di vita. Questi ragazzini non possono rappresentare il movimento giovanile di Oliveri, impegnato a giocare a calcetto fino alla senilità, vuoi perché non hanno il dovuto riconoscimento istituzionale, vuoi perché non hanno l'età per conoscere le vere necessità dei giovani che, attualmente, non sono uguali a quelle dei ragazzi.

      Elimina
  3. I ragazzi sono in buona fede. I Cirano grandi vorrebbero vivere senza lavorare. Vero Presidente? La palestra della sorella è a norma?è una attività o una associazione? Furboooo evasori

    RispondiElimina
  4. I cirani grandi fanno finta di lottare questa amministrazione comunale. Dicono che non sanno amministrare. Però sono sempre dietro la porta del comune a chiedere favori e raccomandazioni.

    RispondiElimina