venerdì 7 luglio 2017

Il Pd usa il femminicidio

per sdoganare i figli delle

unioni civili.

Malcontento della Boschi dopo il no di Forza Italia al ddl sugli orfani di femminicidio.

"Stupore e dispiacere per la scelta Del gruppo di Forza Italia al Senato di stoppare la legge in favore degli orfani vittime di crimini domestici approvata all'unanimità alla Camera dei deputati.



Forza Italia, negando l'assenso alla sede deliberante per la legge, allunga i tempi per approvarla e mette a rischio il risultato finale".

Sono le parole di Maria Elena Boschi, che ha la delega alle Pari opportunità, a veicolare lo scontento per la decisione presa dal centrodestra e la speranza che "i deputati e le deputate di Forza Italia, a cominciare dalle ex ministre Carfagna e Prestigiacomo, facciano cambiare idea ai loro colleghi del Senato. Perché rimandare una legge che si può approvare subito? Gli orfani delle vittime hanno bisogno di riposte e di averle il prima possibile".

Non appena saranno superate imperfezioni tecniche, capaci però di pregiudicare la corretta applicazione delle norme, e sarà cura e obiettivo primario dei commissari di FI in Giustizia, anche in continuità con il lavoro svolto dai nostri deputati - dice Paolo Romani, presidente dei senatori di Forza Italia -, si potrà tornare in sede deliberante per accelerare l'approvazione di un provvedimento quanto mai urgente".

"Boschi stia serena, lavoriamo per diritti di donne e bambini", ha aggiunto Mara Carfagna.-


Nessun commento:

Posta un commento