lunedì 3 luglio 2017

I Bonu Musai inaugurano la

stagione del Teatro dei 3

mestieri a Messina.



È con il tributo a Pino Daniele dei Bonu Musai che il Teatro dei 3 mestieri inaugura la stagione estiva. Un nuovo allestimento e, come sempre, l’impegno e la passione di Stefano Cutrupi e Angelo Di Mattia, che nello spazio di via Roccamotore hanno realizzato con gusto, e per l’occasione sfoggiato all’interno i lavori di Pietro Mantilla, una sede deputata all’espressione artistica tout court.
Il cartellone è senz’altro di gran pregio. E spalanca nuovi orizzonti nella Messina dei centri commerciali e delle focaccerie.
Com’era prevedibile, tanto calore attorno ai BonuMusai, la band messinese che dal 2014 porta in giro brani del repertorio musicale italiano e in particolare di Pino Daniele, per rendere omaggio al quale il progetto iniziale del gruppo si è via via trasformato in un vero e proprio spettacolo teatrale, incentrato sui primi quattro album del Maestro partenopeo.
La voce è quella di Marcello Fatato, avvocato di professione e per passione cantante. I panni di Pino Daniele addosso gli stanno anche bene. La voce e un attento studio del repertorio scelto permettono senz’altro a Fatato di far rivivere, ed egregiamente, la grande musica dell’artista scomparso nel 2015. Alla chitarra il funambolico Antonello Amante, alle tastiere Umberto Parisi, al sax Salvatore Perrone, al basso elettrico Nello Fatato e alla batteria Nino Pettineo. Membri della band gli ultimi due, insieme al solista, da quando nacque, nel 2014.
Si scherza sul palco, si interagisce con la platea di amici e, malgrado ciò, si mettono sul piatto enorme professionalità e talento.
La migliore ouverture di “Qui è estate” al Teatro dei 3 Mestieri.
Secondo appuntamento il 6 luglio, con “Frida Kahlo: io sono una donna d’acqua”, viaggio nella mente di una personalità complessa, di eccentrica femminilità e di turbamento spirituale che diventa, in una sola parola, arte. -

Nessun commento:

Posta un commento