mercoledì 12 luglio 2017

Ancora incendi al Sud, roghi

a Lipari. Vesuvio, ripresa

attività di spegnimento.

Ieri sono stati registrati oltre 1.100 interventi in Italia per gli incendi boschivi e di vegetazione.




Redazione ANSA ROMA
News

Vesuvio, ripresa attività spegnimento  - Dalle prime ore di oggi sono riprese le attività di spegnimento dei vasti incendi divampati ieri sul versante del Vesuvio. In azione Carabinieri Forestali, Vigili del Fuoco, personale della Regione Campania, e circa 100 volontari della Protezione Civile, mentre dall'alto tre Canadair e un elicottero regionale nelle aree di Ottaviano, Trecase e Torre del Greco, colpite ieri duramente dalle fiamme. Durante la notte sono stati effettuati presidi fissi nei pressi di ristoranti e abitazioni, dopo che ieri, soprattutto nelle prime ore del pomeriggio, si era lavorato per domare le fiamme alimentate dal vento. Nel pomeriggio di ieri, un vasto incendio ha distrutto la caserma della Guardia forestale di Trecase, dismessa da quattro anni. Nello stesso luogo, l'intervento tempestivo di vigili del fuoco e Carabinieri forestali ha evitato che le fiamme raggiungessero una fabbrica di fuochi pirotecnici. Un aiuto per l'intera giornata di ieri è stato fornito dall' elicottero "Erickson S-64 F" di Pontecagnano in grado di gettare sulle fiamme fino a 9 mila litri di liquido estinguente. La Protezione civile regionale ha reso noto il dato comparativo degli incendi in Campania tra il 15 giugno ed il 10 luglio del 2016 (158), con quello del 2017, (927).

Dopo tre giorni nei quali é stata circondata dagli incendi che si sono sviluppati in diverse zone della città a Messina oggi la situazione è sotto controllo. Sono presenti solo piccoli focolai che i vigili del fuoco stanno già domando, ma resta alto l'allarme perché i roghi vengono accesi di continuo. Situazione differente in provincia sia nella zona ionica che tirrenica, incendi si sono sviluppati a Milazzo, Giardini e Gaggi.
Roghi anche a Lipari. Un incendio è divampato la notte scorsa a Monte Rosa dove sono stati impegnati i vigili del fuoco. Poi le fiamme hanno assalito un'altra località dell'isola: Tivoli, nella verde borgata di Quattropani. Bruciati diversi ettari di macchia mediterranea lambendo anche diverse villette ed un residence. Bruciati un serbatoio di acqua, danneggiati pali della luce. Gli inquirenti sono al lavoro alla ricerca dei piromani.

Fiamme nel catanzarese, canadair in azione in Presila  - Un Canadair e un elicottero stanno effettuando dei lanci a Taverna, nella Presila Catanzarese, per spegnere un vasto incendio sviluppatosi nella serata di ieri a monte del paese e che durante la notte ha minacciato diverse abitazioni. Il rogo alimentato dalle alte temperature e dal vento si è distribuito su due fronti e ha fatto vivere momenti di paura e panico tra gli abitanti della zona attraversata dalla strada provinciale che conduce in Sila. Dieci famiglie sono state fatte allontanare per precauzione. Le fiamme hanno interessato anche l'area verde della chiesetta della Santa Spina dove è esposta la statua della Vergine che alcuni fedeli sono riusciti a mettere in salvo. L'effigie è stata portata al riparo in paese. L'incendio ha distrutti ettari di macchia mediterranea, frutteti e campi coltivati. Danni notevoli ad un capannone e altre strutture di allevare conigli e altri animali domestici, che non hanno avuto scampo. Sul posto sono intervenute diverse squadre di vigili del fuoco con autobotti provenienti dal comando provinciale di Catanzaro e dai distaccamenti di Lamezia Terme e Sellia Marina con autobotti. Al lavoro le squadrette e i mezzi Aib di Calabria Verde, volontari della Protezione civile, carabinieri e forestali, amministratori e personale del Comune di Taverna. Un altro rogo ha interessato la frazione S. Elia di Catanzaro. Alcuni residenti per precauzione hanno lasciato le loro case per precauzione. Fiamme anche in altri comuni della provincia. Emergenza incendi anche in provincia di Vibo Valentia. I roghi hanno interessato i territori di di Drapia, Briatico Vibo Valentia e Sant'Onofrio. La Prefettura ha reso noto che, a titolo precauzionale, è stata mantenuta attivi l'unità di crisi antincendio e il centro coordinamento soccorsi. I focolai sono in atto controllati da squadre dei vigili del fuoco, di Calabria Verde e della protezione civile.
Ancora roghi nel Sud d'ItaliaAlle ore 18 di ieri sono stati registrati oltre 1.130 interventi in Italia per gli incendi boschivi e di vegetazione. Più di 350 automezzi antincendio a supporto degli 800 Vigili del fuoco dispiegati sul territorio nazionale.
Ancora una volta è la Sicilia a confermarsi come la zona in cui sono stati effettuati il maggior numero di operazioni di spegnimento, 458. Seguono la Puglia con 241 interventi, la Calabria con 226, la Campania con 221 e il Lazio con 214.
E anche nel Lazio sono divampati roghi: circa 80 gli interventi dei vigili del fuoco di Roma, il 60% per incendi di sterpaglie. "Dal primo giugno a oggi il numero degli incendi boschivi si è quasi quadruplicato rispetto all'anno scorso. E questo anche a causa della siccità eccezionale", ha scritto su Fb la sindaca di Roma Virginia Raggi. (ANSA)

Nessun commento:

Posta un commento