giovedì 29 giugno 2017

Piraino – Scatta la gara di

solidarietà perchè un’estate

a Gliaca senza la Capannina

è difficile immaginarla.


da www.canalesicilia.it  

Nino Faranda

di Lorenzo Scaffidi C. –
Non era assolutamente il solito bar, è difficile spiegarlo lo so, a chi non lo ha vissuto o a chi c’è mai entrato, ma la Capannina di Gliaca di Piraino aveva quel qualcosa in più che la caratterizzava, rispetto agli altri locali della zona, ed era considerato da tutti residenti e non, il luogo per eccellenza di tutta Piraino.
Quando dovevi portare un amico a prendere un caffè o qualche altro drink, e non volevi far brutta figura, lo portavi alla Capannina da Antonino Faranda, perchè eri sicurissimo del servizio impeccabile e della qualità delle materie usate. Molte volte a Gliaca incontravi degli amici dei comuni limitrofi, che ti raccontavano che erano venuti sino a Piraino, semplicemente per consumare in questo delizioso locale conosciuto in tutta la provincia per l’estrema eleganza e la sofisticata cura dei dettagli.
Ormai da parecchio tempo era diventato anche un caffè letterario e cercava di dare insieme all’editore Armenio e a tanti amici, quell’importanza che la cultura merita nella nostra piccola realtà. Il premio letterario la Capannina arrivato già alla sua quinta edizione, era una degli appuntamenti più attesi durante il periodo estivo da tutta la comunità ed in poco tempo era diventato una fucina di nuovi talenti culturali.
Dopo il rogo di ieri sera, ci si augura che questo locale in tempi brevi riapra i battenti deliziando i suoi avventori con la solita cortesia ed eleganza. E’ lo stesso Nino Faranda che, nonostante i danni economici ingenti subiti, scrive su FB: “voglio ringraziare tutti quelli che sono intervenuti ad evitare danni peggiori. Sperando di riaprire al più presto, infinitamente grazie”.

Incendio bar "La Capannina"

Ed intanto a Piraino, paese troppo spesso bistrattato, ma dal cuore tenero, parte la gara di solidarietà affinchè tutto torni come prima di quel maledetto rogo. Dopo la solidarietà espressa dall’amministrazione locale, fioccano gli attestati di vicinanza e stima che cercano di infondere forza e coraggio a quest’imprenditore che ha fatto dell’accoglienza, della professionalità e del servizio d’eccellenza uno dei punti di forza del suo locale. Come quella del Movimento Piraino Giovane & Solidale che ha lanciato l’iniziativa social #SosteniamoLaCapannina: “A seguito dell’incendio avvenuto ieri sera e che ha coinvolto una parte dei locali del famoso bar di Gliaca di Piraino, abbiamo deciso, scrivono in una nota, di lanciare questa iniziativa a sostegno di Nino e dei suoi ragazzi. A breve saranno disponibili dei ticket da 10€ acquistabili presso diverse attività commerciali di Gliaca di Piraino e non solo e spendibili nel giro di pochi giorni quando La Capannina riaprirà i battenti. Un modo rapido e concreto per dimostrare la nostra vicinanza e assicurare l’appoggio della nostra comunità a Nino Faranda e a tutto il suo staff. #sosteniamoLaCapannina”.
Insomma a Piraino e non solo, desiderano che questo locale simbolo riapra al più presto, perchè un’estate a Gliaca senza la Capannina è difficile immaginarla…

Nessun commento:

Posta un commento