mercoledì 28 giugno 2017

Papa: le pensioni d'oro sono

un'offesa al lavoro.

Udienza alla Cis. Rinnova appello a patto sociale per il lavoro. 'Meno ore lavoro anziani, per creare lavoro giovani'.




Redazione ANSA CITTA' DEL VATICANO
News

CITTA' DEL VATICANO - "Le 'pensioni d'oro' sono un'offesa al lavoro non meno grave delle pensioni troppo povere, perché fanno sì che le diseguaglianze del tempo del lavoro diventino perenni". Lo ha detto il Papa nella udienza ai delegati della Cisl, guidati dal segretario generale signora Furlan, ricevuti in occasione del XVIII congresso nazionale, intitolato "Per la persona, per il lavoro".
Per il Papa è "urgente un nuovo patto sociale per il lavoro, che riduca le ore di lavoro di chi è nell'ultima stagione lavorativa, per creare lavoro per i giovani che hanno il diritto-dovere di lavorare". Lo ha detto alla Cisl, aggiungendo che "è una società stolta e miope quella che costringe gli anziani a lavorare troppo a lungo e obbliga una intera generazione di giovani a non lavorare quando dovrebbero farlo per loro e per tutti"
"Questo è un peccato grave: non dobbiamo parlare di economia di mercato, ma di economia sociale di mercato, come ci ha insegnato Giovanni Paolo II". Lo ha detto il Papa nella udienza alla Cisl. Nel passaggio precedente papa Francesco ha rilevato che "il capitalismo del nostro tempo non comprende il valore del sindacato, perché ha dimenticato la natura sociale dell'economia, dell'impresa, della vita, dei legami e dei patti. Ma forse la nostra società non capisce il sindacato - ha detto il Papa - perché non lo vede abbastanza lottare nei luoghi dei 'diritti del non ancora': nelle periferie esistenziali".
"Come dimostra anche la grande tradizione della Cisl, - ha detto il Papa nella udienza ai delegati Cisl con il segretario generale Furlan - il movimento sindacale ha le sue grandi stagioni quando è profezia. Ma - ha aggiunto - nelle nostre società capitalistiche avanzate il sindacato rischia di smarrire questa sua natura profetica, e diventare troppo simile alle istituzioni e ai poteri che invece dovrebbe criticare. Il sindacato col passare del tempo ha finito per somigliare troppo alla politica, o meglio, ai partiti politici, al loro linguaggio, al loro stile. E invece, se manca questa tipica e diversa dimensione, anche l'azione dentro le imprese perde forza ed efficacia". Questo passaggio del discorso del Papa è stato molto applaudito dai presenti all'udienza, che si è svolta nell'aula Paolo VI alle 9, prima che il Papa andasse in piazza per la udienza generale. "Grazie per la visita, grazie - ha detto il Papa prima di congedarsi, adesso vado in piazza al bagno turco" (alludendo alla cappa d'afa che avvolge Roma, ndr.
"Quando nella Chiesa facciamo un messaggio, per esempio per le parrocchie - ha detto il Papa congedandosi dai delegati della Cisl - perché tutta la Chiesa si converta, dia un passo in meglio, diciamo 'convertitevi', allora dico a voi 'convertitevi", nel vostro lavoro, per fare un passo in meglio". La frase del Papa ha suscitato un applauso, e il Papa ha aggiunto: "pregate per me, perché anche io mi converta nel mio lavoro, per fare un passo in più"
"Ripugna ai cristiani - ha detto il Papa in udienza generale - l'idea che gli attentatori suicidi possano essere chiamati 'martiri: questi non sono martiri, non c'è nulla nella loro fine che possa essere avvicinato all'atteggiamento dei figli di Dio". "Mai la violenza. - ha detto in un passaggio precedente - Per sconfiggere il male, non si possono condividere i metodi del male". Il Papa, davanti a oltre 12mila persone, tiene in piazza San Pietro l'ultima udienza generale prima della pausa estiva, e riflette sul tema "La speranza, forza dei martiri". (ANSA)

Nessun commento:

Posta un commento