giovedì 15 giugno 2017

OLIVERI: SECONDA EDIZIONE DELLE "OLIVERIADI 2017".




Tutto pronto per la seconda

edizione delle “Oliveriadi

2017 – Giochi senza confini”.


Oliveri – Con l’imminente arrivo della stagione estiva, archiviate le elezioni amministrative di Domenica 11 Giugno, la macchina organizzativa della Cooperativa “Acqua Marina” è  all’opera per riproporre per il secondo anno consecutivo le “Oliveriadi 2017 – Giochi senza confini- Giochi tra comuni”.


Rivolte ai comuni del comprensorio tirrenico e nebroideo, hanno visto nella prima edizione la vittoria straordinaria di Librizzi, che ha scritto una pagina bellissima nella storia del proprio comune e ha dato una lezione di “condivisione”, “lealtà”, “appartenenza” e “aggregazione” a tutti i Comuni in gara.

Anche quest’anno, abbiamo rivolto l’invito ai Comuni di : Falcone, Furnari, Patti, Librizzi, San Piero Patti , Montagnareale, Basicò, Montalbano, Tripi e naturalmente Oliveri , che, da Comune ospitante, parteciperà di diritto alla manifestazione. Gli altri  che entro e non oltre il 26.06.17, dovranno inviare la propria adesione all’indirizzo email: acquamarina1@outlook.it. Per motivi organizzativi verranno scelti i primi 5 Comuni che aderiranno all’iniziativa.

Sarà considerata valida l’iscrizione giunta alla sopra citata posta elettronica.

I Comuni partecipanti si “sfideranno” tramite giochi di strada e giochi d’acqua, sulla falsa riga dei più famosi “giochi senza frontiere”. Ogni comune dovrà nominare un “responsabile dei giochi “ al quale spetterà il compito di rappresentarlo nelle varie fasi organizzative (sorteggi, conferenze stampa, regolamenti, ecc…) .

I giochi creati, pensati e costruiti perle “Oliveriadi 2017- Giochi senza confini” giochi tra comuni, hanno l’obiettivo di far divertire divertendosi .Questa iniziativa si pone, inoltre, lo scopo di fungere da aggregante fra le comunità.

L’idea è di mettersi in gioco non per vincere ma per riconoscersi nel proprio avversario dichiarano gli organizzatori. -



4 commenti:

  1. Amodeo tranquillo stia. Ci salva Cirano. Ci salva il suo ex nipote . Che non è ex di un suo zio già sindaco e cugino di una assessora in gambissima. Iarrera cirano salvaci tu. A manciti du banani che é megghiu.

    RispondiElimina
  2. Iarrera padri, tutti onesti lavoratori. Persone serie e affidabili. Iarrera figli, tutti disorientati e disastrati. Non degni dei loro padri. Sono inaffidabili.

    RispondiElimina
  3. L'ex zio, l'ex zio sindaco e la cugina assessora in gambissima, sono tutti rami dello stesso albero, sono tutti cosa nostra.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un antico proverbio ammonisce: "CHI E' CAUSA DEL SUO MAL PIANGA SE STESSO". Antonio Amodeo

      Elimina