venerdì 30 giugno 2017

La fuga perfetta di Igor.

E un pm ha distrutto il

Dna del killer sparito.


Nessuna speranza di ritrovarlo. E ora non si potrà più contare neppure sulla pista genetica.


Pubblicato da www.ilgiornale.it

L' è andè via d'un pez: non c'è più, ha tagliato la corda. Igor Vaclavic non è più a Budrio, non è a Molinella né a Campotto né a Comacchio, ha lasciato la grande pianura tra Bologna e l'Adriatico dove per settimane lo Stato gli ha dato la caccia.



La caccia è fallita. Lascia dietro di sé delusioni e polemiche. E la domanda se davvero lo Stato abbia fatto tutto il possibile per proteggere la gente di queste terre dalle imprese del guerriero-ninja.
Ebbene: non tutto è stato fatto. Errori sono stati commessi negli ultimi tre mesi, quelli iniziati con l'assassinio a Riccardina del barista Davide Fabbri. Ma errori più marchiani sono stati commessi prima, quando le imprese di Igor sono state sottovalutate a lungo: al punto che le prove di uno dei delitti più brutali di Igor, il sequestro e l'aggressione a un artigiano di Villanova di Denore, sono state distrutte su ordine del magistrato che indagava. Lì, per la prima volta, c'erano impronte e Dna di Igor. Da lì si poteva partire per dare almeno una identificazione certa al bandito, che continua a chiamarsi Igor Vaclavic per una Procura e Norbert Feher per un'altra, russo per la prima, serbo per la seconda. Tutto è stato buttato in discarica.
È il 26 luglio del 2015 quando Alessandro Colombani ritorna da una serata con gli amici nella sua casa a Villanova, tra Ferrara e il delta del Po. Lo aspettano in quattro, lo legano e lo massacrano di botte. «Più di una volta ho pensato: questi qua mi ammazzano», racconta oggi. È la prima impresa di Igor, uscito da pochi mesi dal carcere dove ha scontato otto anni per una prima serie di imprese. Con lui ci sono Ivan Pajdek e Patrik Ruszo. «Tutto questo è iniziato quando è uscito dal carcere Igor», racconterà poi Pajdek, «prima eravamo solo dei ladri da due soldi. Igor invece voleva fare qualcosa di più grosso, e ci ha portato in quella prima rapina a Villanova».
Sull'aggressione a Colombani viene aperta una inchiesta che non arriva da nessuna parte. E che non viene messa in collegamento con l'altra sfilza di imprese che subito dopo la banda inizia a mettere a segno. Quattro colpi, uno dopo l'altro. L'ultimo, il 9 settembre ad Aguscello: il pensionato Pier Luigi Tartari viene catturato nella sua casa, tenuto prigioniero per due giorni, seviziato ininterrottamente. Quando sono stufi, Igor e i suoi compari lo buttano ancora vivo in un fosso. Muore così, una agonia lenta e terribile.
Il prossimo 13 luglio si apre il processo ai complici di Igor in quelle imprese. Ed è nelle carte di quel processo, come ha raccontato ieri la Nuova Ferrara, che emerge la incredibile storia dei reperti fatti distruggere dopo che l'indagine era stata archiviata «a opera di ignoti», senza far confluire tutto in un unico fascicolo. Eppure tra Villanova e Aguscello ci sono solo diciassette chilometri, e le analogie tra le due imprese sono impressionanti.
Prima e dopo, altre inefficienze hanno segnato la saga di Igor. Le prime quando viene liberato a pena scontata e né il decreto di espulsione firmato dal questore di Rovigo né la pena accessoria disposta dal giudice di Ferrara vengono eseguite: e su queste sta scavando Giorgio Bacchelli, l'avvocato di Maria Fabbri - la vedova del barista di Budrio - per capire se chiedere i danni allo Stato che ha fatto finta di espellerlo. A valle ci sono le magagne dei mesi scorsi, quando dopo il delitto di Budrio parte la caccia all'uomo, in modo così maldestro che Igor torna ad uccidere: una caccia gestita come una operazione militare anziché investigativa, cercando Igor tra gli argini e non nella sua rete d'appoggio, tra i complici che gli stessi inquirenti oggi sono sicuri che l'abbiano aiutato.-

Nessun commento:

Posta un commento