martedì 13 giugno 2017

Fmi rialza stima Pil,

+1,3% in 2017.

Rischi incertezza politica.

Debito espone a shock. Bene cuneo.




Redazione ANSA ROMA
News

Il Fmi rivede al rialzo le stime di crescita per l'Italia: nell'Article IV scrive che "la ripresa continuerà", ma avverte che "ci sono rischi significativi".
PIL +1,3% NEL 2017 Il Pil quest'anno salirà dell'1,3% (contro il +0,8% delle ultime stime) e rallenterà "attorno all'1%" nel 2018-20. La crescita "potrà sorprendere verso l'alto a breve", tuttavia pesano le incertezze politiche, le fragilità finanziarie, eventuali rallentamenti alle riforme e il possibile ritorno dei rischi di credito legati alla normalizzazione della politica monetaria.
DEBOLEZZE DA DEBITO  "L'alto debito pubblico - aggiunge l'Fmi - lascia l'Italia esposta a shock, con poco margine per rispondere al rischio di una correzione brusca e pro-ciclica". Sulle tasse il Fondo spiega: "le aliquote fiscali sui fattori produttivi potrebbero essere diminuite gradualmente, la tassazione spostata verso proprietà e consumi e la platea dei soggetti interessati ampliata".
BANCHE CREINO PIANI PER TAGLIO NPL "le strategie e i target delle banche per ridurre i crediti deteriorati (Npl) devono essere ambiziosi e credibili". (ANSA)

Nessun commento:

Posta un commento