venerdì 30 giugno 2017

Charlie, concesso più tempo

ai genitori.

L'appello di Papa Francesco.


I genitori accusano, 'abbandonati lungo l'intero percorso'.



"Difendere la vita umana, soprattutto quando è ferita dalla malattia, è un impegno d'amore che Dio affida ad ogni uomo". E' il tweet diffuso questa sera da Papa Francesco in cui, senza citarla esplicitamente, fa chiaro riferimento alla vicenda del piccolo Charlie Gard.
Non è quindi chiaro quando sarà staccata la spina al neonato di dieci mesi ricoverato al Great Ormond Street Hospital di Londra per una rara malattia che secondo i medici è incurabile e lo fa soffrire troppo. Lo hanno annunciato i suoi genitori, Chris Gard e Connie Yates, che hanno perso la battaglia legale arrivata fino alla Corte europea dei diritti umani per portare a proprie spese il bimbo negli Usa e sottoporlo a una cura sperimentale. Sconvolti e addolorati hanno lanciato uno straziante grido d'accusa contro le autorità giudiziarie.
"Noi e soprattutto Charlie siamo stati terribilmente abbandonati lungo tutto il processo - hanno dichiarato i Gard su Facebook - non ci è stato permesso di scegliere se nostro figlio potesse vivere e nemmeno quando e in che luogo dovesse morire". Hanno invece ringraziato i tanti comuni cittadini che hanno dato sostegno allo loro causa, ad esempio donando soldi per raggiungere ben 1,4 milioni di sterline che sarebbero serviti per portarlo negli Stati Uniti e tentare di salvarlo.



Ma non è stato possibile perché uno dopo l'altro i giudici britannici prima ed europei dopo hanno dato ragione ai medici del Regno che di fatto hanno deciso della sorte del piccolo, nonostante l'opposizione dei genitori, e stabilito che deve morire per non soffrire più. I Gard vogliono ora trascorrere le ultime preziose ore con il neonato: "Ci lascerà sapendo di essere stato amato da migliaia di persone". Mentre un portavoce dell'ospedale di Londra ha risposto con un freddo linguaggio burocratico che cercheranno di assistere i familiari in questo difficile momento e che da mesi si preparavano all'evenienza di dover staccare la spina al piccolo.



Intanto cresce la polemica nel Paese, con un portavoce della chiesa cattolica in Inghilterra e Galles che critica una decisione "straziante" e prende le difese dei Gard che "comprensibilmente hanno tentato in tutti i modi di salvare il loro figlio". E perfino dall'Italia si sono levate accuse alla linea draconiana adottata dai dottori: "Il caso rappresenta un inquietante salto di qualità di quella cultura della morte che affligge la nostra società", ha affermato in una nota il Forum delle Associazioni Familiari di Milano. "La stessa Corte europea, abituata a intervenire ogni due per tre per sostituirsi alla legittima sovranità nazionale dei Paesi membri - si legge ancora nel comunicato - laddove si tratta di sancire nuovi diritti civili, questa volta dice di non potersi intromettere nelle decisioni dell'autorità britannica". (ANSA)

Nessun commento:

Posta un commento