mercoledì 28 giugno 2017

Ammutinamento Pd.

Pure Prodi molla Renzi.

E Matteo rimane solo.

Il Professore: la mia tenda lontana dai dem E Franceschini l'avvisa: «Non essere divisivo».


A metà pomeriggio, è una dichiarazione di Romano Prodi a far capire che la caccia a Matteo Renzi è davvero iniziata.


«Leggo che il segretario del Pd mi invita a spostare un po' più lontano la tenda. Lo farò senza difficoltà: la mia tenda è molto leggera. Intanto l'ho messa nello zaino». Prodi, un po' come il suo emulo Bersani, parla per oscure metafore: quello ha la «mucca in corridoio», questo la «tenda nello zaino». L'ex premier dell'Ulivo si è offeso perché Renzi, dopo le amministrative, ha liquidato il suo progetto di rifare una «larga coalizione», un camping modello Unione, rinunciando alla «vocazione maggioritaria» del Pd e rimettendo insieme i molteplici Turigliatto che si agitano a sinistra. Renzi ha fatto notare che alle amministrative, da Genova in giù, si è perso proprio con quel modello di coalizione: «E' stato ancora una volta dimostrato che quelli che invocano una coalizione di centrosinistra larga il più possibile fanno il gioco del centrodestra, e non del Pd». Prodi gli replica stizzito che allora lui se ne va, con la sua tenda. Pronto a spostarsi «un po' più lontano», lontano da quel Pd che (l'accusa stavolta è di Walter Veltroni) sembra una «prosecuzione della Margherita». Non abbastanza di sinistra, insomma.
L'assedio si materializza nel giro di poche ore, e stringe Renzi da vicino. Perchè stavolta non è la solita compagnia di giro bersanian-dalemiana: stavolta sono «padri nobili» e supporter renziani che scendono in campo contro il segretario, all'indomani della batosta amministrativa.
Comincia - sia pur con garbo - Veltroni, fondatore e primo leader del Pd, quello della «vocazione maggioritaria», che invita Renzi a «cambiare passo». E a superare quella vocazione, perchè «serve un campo largo» e «questa è la fase dell'inclusione». Poi spunta Dario Franceschini: su Twitter, il ministro pubblica un grafico che rappresenta il calo elettorale del Pd in alcune città dove si è votato e chiosa: «Bastano questi numeri per capire che qualcosa non ha funzionato? Il Pd è nato per unire il campo del centrosinistra non per dividerlo». Dunque un alleato interno di Renzi che si smarca e si mette in scia coi suoi avversari. Seguono a ruota altri comprimari: Nicola Zingaretti, Gianni Cuperlo, Andrea Orlando. Che spiega l'intento del pressing contro Renzi: la coalizione non gli piace perchè «mette in discussione il tema della candidatura alla premiership».
Al Nazareno non si aspettavano un attacco concentrico così scoperto, e guidato da Prodi, il quale «ha preso a pretesto una frase non detta da Renzi per sfilarsi», dice un dirigente renziano. Obiettivo? «Far saltare Renzi», e impedirgli di essere il futuro candidato premier del Pd. Lasciando intendere che, a cominciare da Prodi, sono pronti a dare la loro benedizione da padri nobili ad operazioni alternative al Pd come quella di Giuliano Pisapia, in modo da far saltare gli equilibri interni al partito. Per poi candidare Pisapia? A questo non crede quasi nessuno. Del resto proprio Prodi, zaino in spalla e tenda al seguito, sembra attendere con ansia che qualcuno invochi il suo ritorno sulla tolda di una nuova Unione. -

Nessun commento:

Posta un commento