venerdì 5 maggio 2017

Pil: Istat, segnali positivi ma

in decelerazione.

Dinamicità da offerta e export stenta a rafforzarsi




Redazione ANSA ROMA
News


L'indicatore anticipatore sull'andamento dell'economia italiana messo a punto dall'Istat nel mese di aprile "rimane positivo ma evidenzia una decelerazione". Secondo quanto si legge nella nota mensile dell'Istituto di statistica, "i segnali di dinamicità provenienti dal lato dell'offerta e dal commercio estero stentano a rafforzarsi. L'occupazione è in una fase di stabilizzazione mentre i prezzi registrano un nuovo aumento".

A febbraio, ricorda l'Istat, il settore manifatturiero ha registrato variazioni positive dell'indice di produzione e di fatturato dopo la caduta segnata a gennaio. Nella media del trimestre dicembre-febbraio la produzione industriale è aumentata dello 0,7% rispetto al trimestre precedente, trainata dall'andamento positivo dell'energia e dei beni intermedi (+2,7% e +1,3% rispettivamente). Il fatturato dell'industria, misurato a prezzi correnti, nel trimestre dicembre-febbraio è aumentato (+2,6%) con una intensità simile sui mercati nazionali ed esteri (+2,5% e +2,9%). Tutti i raggruppamenti hanno registrato variazioni positive ad eccezione dei beni di consumo (-0,2%). Nello stesso periodo si rileva una forte crescita per la componente estera degli ordinativi (+6,1%) e un aumento più contenuto di quella interna (+3,5%). Prosegue il miglioramento degli scambi con l'estero. Nel trimestre dicembre-febbraio sono aumentate sia le esportazioni (+3,7%) sia le importazioni (+5,6%) sostenute dalla vivacità dell'interscambio con i paesi extra-Ue (+4,9% le esportazioni).
Le esportazioni nel mese di febbraio sono diminuite dopo quattro mesi di continua espansione. A marzo è proseguita la crescita dei flussi commerciali con i paesi extra Ue, con un incremento più marcato per le esportazioni (+6,5%) rispetto alle importazioni (+0,5%). I beni strumentali hanno mostrato un aumento significativo (+15,1%), caratterizzato dalla vendita di mezzi di navigazione marittima.
Il settore delle costruzioni mostra ancora difficoltà nell'avvio della fase di ripresa. A febbraio la produzione nelle costruzioni ha segnato un aumento del 4,6% rispetto al mese precedente in recupero dopo la flessione di gennaio (-4,0%). Nella media del trimestre dicembre-febbraio la produzione è migliorata rispetto ai tre mesi precedenti (+1,0%).
Ad aprile le attese sull'evoluzione dell'occupazione per i successivi tre mesi risultano moderate con un lieve peggioramento nei servizi, una stabilità nella manifattura e un miglioramento nel commercio e nelle costruzioni. Secondo i dati della rilevazione sulle forze di lavoro la crescita dell'occupazione, nel primo trimestre del 2017, è proseguita anche se in misura moderata (+0,2%, 35 mila occupati in più rispetto al quarto trimestre 2016). In particolare, prosegue la crescita degli occupati dipendenti a tempo indeterminato (+0,3%, 40 mila unità in più) e i dipendenti a termine (+1,3%, +33 mila). Gli occupati indipendenti hanno, invece, subito una diminuzione (-0,7%, 38 mila unità in meno). A marzo, il tasso di disoccupazione si è attestato all'11,7%, valore distante da quello dell'area dell'euro (9,5%). Nella media del primo trimestre, l'indicatore segnala una lieve diminuzione (un decimo di punto rispetto al quarto trimestre). (ANSA)

Nessun commento:

Posta un commento