sabato 6 maggio 2017

LEGAMBIENTE LONGANO

Liquami fognari nel Torrente

Patrì.



            


La nuova segnalazione di Legambiente del Longano.

Da sopralluogo effettuato con alcuni volontari lungo il corso del Torrente Patrì in direzione mare /monte ricadente in territorio del Comune di Rodì si è  potuto appurare  uno stato di degrado dell’ambiente relativo allo sversamento di liquami fognari in diversi tratti del Torrente.

cof

e precisamente in relitto d’alveo  e altri direttamente  in alveo con evidente  elevato stato di degrado ambientale riconducibile  seguendo il percorso di essa   alla condotta fognaria che proviene dall’abitato di Milici. Da analisi si percepisce che i liquami di origine organica  sversano da molti  mesi  nel Torrente  mischiandosi alle acque bianche con un inquinamento inevitabile e gli odori nauseabondi derivati dagli scarti sono ben sopra la soglia della tollerabilità umana. Il fenomeno crea notevoli disagi e problemi di natura igienico-sanitaria, favorendo altresì la proliferazione di insetti molesti e fastidiosi (mosche, zanzare, moscerini). Dal sopralluogo, abbiamo potuto appurare inoltre la presenza lungo tutto il tratto da noi percorso, di cumuli di rifiuti (speciali e non) di ogni sorta, costituiti in prevalenza da materiali di risulta da lavori edili, eternit, sfalci di potature, pezzi di lamierato di auto etc.,   nonché da rifiuti solidi urbani di chi si ostina a non fare la raccolta differenziata. -

cof

Nessun commento:

Posta un commento