mercoledì 24 maggio 2017

L'ACCELERATORE LHC DI NUOVO AL LAVORO.


Nuova stagione di esperimenti.

Redazione ANSA

E' di nuovo al lavoro l'acceleratore più grande del mondo: dopo la pausa tecnica invernale il Large Hadron Collider (Lhc) del Cern di Ginevra sta cominciando una nuova serie di esperimenti basati su collisioni tra protoni. E' un inizio graduale e l'obiettivo è raggiungere la cifra impressionante di oltre un miliardo di collisioni al secondo nel giro di poche settimane. Lo ha reso noto il Cern e a questa nuova avventura della fisica l'Italia continua a partecipare con l'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (Infn).

Comincia così un'altra stagione promettente, dalla quale si attende un 'raccolto' ancora più generoso rispetto a quello del 2016, basato sulla cifra record di 6,5 milioni di miliardi di collisioni. L'obiettivo per il 2017 è arricchire ulteriormente i fasci di particelle per ottenere lo stesso numero di collisioni in tempi più rapidi. I nuovi dati permetteranno di consolidare le conoscenze finora acquisite, relative alla teoria di riferimento della fisica contemporanea, il Modello Standard, e nello stesso tempo aprire una finestra verso fenomeni inediti, inaugurando la cosiddetta "nuova fisica". E' il compito dei quattro principali esperimenti condotti nell'acceleratore Lhc, chiamati Cms, Atlas, Alice e Lhcb.

Per il vicepresidente dell'Infn e fisico dell'esperimento Atlas, Antonio Zoccoli, "l'inizio della nuova stagione di presa dati per gli esperimenti di Lhc apre un periodo molto interessante e pieno di attese". Dopo la scoperta del bosone di Higgs, ha proseguito, "la comunità scientifica è ora concentrata sullo studio delle proprietà di questa particella e sulla ricerca di effetti che possano aprire nuovi campi di ricerca". (ANSA)

Nessun commento:

Posta un commento