domenica 28 maggio 2017

Gli italiani chiudono ai

migranti: solo uno su 5

vuole accettarli tutti.

Crollano i buonisti: -6% in un anno. Cambia il vento: cresce l'area di chi vuole respingimenti ad ogni costo.

Pubblicato da www.ilgiornale.it

La vicenda dei flussi migratori che, ormai da tempo, caratterizzano il nostro Paese, è tornata negli ultimi giorni di grande attualità. Sia per eventi di carattere politico: la manifestazione svoltasi a Milano la scorsa settimana e le polemiche che ha suscitato hanno riproposto decisamente la questione.



Sia, ancor più, a causa degli avvenimenti che si succedono: la frequenza degli sbarchi continua a scuotere l’opinione pubblica ed è di qualche giorno fa la notizia dell’ennesima strage che ha visto la morte in mare anche di numerosi bambini. Al tempo stesso, anche il proseguire degli attentati terroristici spaventa la popolazione di tutto il mondo occidentale, che li ricollega sempre più, a torto o a ragione, alla problematica degli immigrati. L’ultimo sanguinoso episodio di Manchester ha riportato il discorso anche su questa questione e, in generale, sulla problematica dell’accoglienza. Cosa ne pensano gli italiani? Quali politiche dovrebbero essere adottate nei confronti degli arrivi crescenti di immigrati? Al riguardo può essere utile esaminare i risultati di un sondaggio (condotto dall’istituto Eumetra Monterosa intervistando un campione della popolazione del nostro Paese con più di 17 anni di età) effettuato nei giorni scorsi, replicando quesiti già posti esattamente un anno fa, in modo da cogliere l’evoluzione temporale degli atteggiamenti e delle opinioni. Permane tra gli intervistati una quota minoritaria, ma comunque relativamente ampia, pari a poco meno di un quinto del campione (19%), che si dimostra particolarmente «aperta» in questo senso e che propone di «accogliere tutti gli immigrati che arrivano perché spesso sono perseguitati nei loro paesi». Si tratta in particolare di giovani (tra chi ha meno di 24 anni questa posizione è assunta da più di un terzo degli intervistati), specie studenti e di chi possiede un titolo di studio più elevato. Dal punto di vista dell’orientamento politico, la posizione di apertura incondizionata è più frequente tra chi indica un’intenzione di voto per i partiti del centrosinistra. Ma questa tendenza ad accogliere tutti gli immigrati indiscriminatamente è andata rapidamente erodendosi nel tempo. L’analogo sondaggio effettuato esattamente un anno fa faceva infatti registrare una percentuale sostanzialmente maggiore (25%) di coloro che assumevano questa posizione, che mostra dunque una diminuzione di circa il 6% in dodici mesi. Ciò suggerisce come nel tempo - per una pluralità di motivi - il grado di «apertura» verso gli immigrati sia andato restringendosi, anche tra i giovani e tra gli elettori dei partiti di centrosinistra. Non a caso, sul fronte opposto, si accresce nel tempo la percentuale di chi manifesta l’opinione esattamente contraria, vale a dire che bisognerebbe respingere tutti gli immigrati incondizionatamente. Lo dice più di un terzo del campione oggi intervistato (36%), con un’accentuazione, al contrario, tra i meno giovani (tra quanti hanno più di 65 anni, questa opinione è sottolineata dal 41%) e tra chi possiede un titolo di studio medio-basso. Sono di quest’idea in particolare coloro che esercitano professioni meno remunerative, forse sottoposti maggiormente alla concorrenza lavorativa degli immigrati. E ancor più coloro che si trovano in una posizione sociale più marginale, come pensionati o casalinghe, specie se vivono in comuni di piccole dimensioni. Sul piano dell’orientamento politico, l’opposizione all’arrivo di nuovi immigrati appare decisamente più sentita tra gli elettori di Forza Italia e, in misura ancora maggiore, da coloro che optano per la Lega Nord. Guardando nuovamente ciò che è accaduto negli ultimi dodici mesi si nota, come si è detto, rispetto a maggio 2016, un incremento (sia pure di entità più modesta, pari al 3%) di questo atteggiamento, segno di una più accentuata «chiusura» relativa nei confronti degli immigrati. Ma la maggior parte degli intervistati, oggi ancor più di un anno fa, si schiera su una posizione intermedia, volta a consentire l’accesso solo di una parte degli immigrati, «accettando solo i profughi e respingendo chi arriva da noi per motivi economici» distinguendo dunque in relazione alle motivazioni dell’arrivo nel nostro Paese. Manifesta questo orientamento il 43% (era il 39% un anno fa), con una accentuazione tra chi vive nelle grandi città sopra i 100.000 abitanti, ove le problematiche dell’accoglienza sono certo diverse che nei centri di più piccole dimensioni. Insomma, la maggioranza degli italiani non appare del tutto ostile, in modo magari preconcetto, all’accoglimento dei nuovi immigrati. Ma chiede regole chiare sui criteri di accesso nel nostro Paese. Al tempo stesso, tuttavia, si manifesta, da parte di un’area crescente di popolazione una posizione di «chiusura» totale agli immigrati e al loro afflusso. È un segnale di disagio che non può essere sottovalutato da chi deve progettare gli interventi in quest’ambito. -

Nessun commento:

Posta un commento