Comincia la settimana del G7 e Taormina è già blindata. Oggi è il giorno della conferenza stampa di presentazione con la sottosegretaria alla presidenza del Consiglio, Maria Elena Boschi, il commissario straordinario per le opere del G7, Riccardo Carpino, il capo delegazione, Alessandro Modiano, e il sindaco di Taormina, Eligio Giardina.
La città è presidiata dalle forze dell’ordine, in base alle misure di sicurezza definite dalla prefettura di Messina nei giorni scorsi. Le vie d’accesso alla città, presidiate dai soldati dell’esercito, non sono accessibile se non con il pass e, di fatto, l’accesso è chiuso ai non autorizzati.
Dalla giornata di oggi e fino al 27 maggio sono state istituite un’Area ad accesso riservato e una Zona di massima sicurezza, alle quali potranno accedere, sono agenti e persone in possesso dell’apposito badge. La prima area ricopre praticamente tutta Taormina. La seconda coincide con la zona dove si svolgerà il vertice e saranno alloggiati i leader.
Nelle strade interessate dalla riunione, tra oggi ed il 28 maggio, è vietato il trasporto di armi, munizioni, esplosivi e sostanze esplodenti, nonché di gas tossici. Dal 25 al 28 stop all’accensione di fuochi d’artificio a Castelmola, Giardini Naxos e Taormina. Dal 22 al 28 chiusa la funivia Taormina-Mazzarrò e dal 25 al 28, sbarrato il cancello del cimitero di Porta Pasquale e studenti a casa.
Dal 25 al 26 non si potrà depositare l’immondizia di qualunque tipo all’interno della Zona di massima sicurezza.
Misure di sicurezza anche in mare, dove sono state istituite la Zona di massima sicurezza, l’Area ad accesso controllato e l’Area di sorveglianza ed allarme. Nella prima, costituita dallo specchio acqueo immediatamente prospiciente il promontorio di Taormina, compreso tra l’Hotel San Pietro di Letojanni a nord e lo stabilimento balneare Lido Recanati Beach a Giardini Naxos a sud, sarà interdetta qualsiasi tipo di attività, venendo consentita esclusivamente la balneazione, purché ci si mantenga ad una distanza inferiore ai 50 metri dalla battigia.
Per il G7, tra i reparti speciali schierati dai carabinieri per il G7 si sono anche le Squadre operative di supporto (Sos). Sono unità antiterrorismo, messe in campo dal Comando Generale dell’Arma, composte da uomini appositamente addestrati ed in grado di fronteggiare situazioni particolari. I militari sono dotati di un equipaggiamento speciale e di attrezzature in uso all’élite dell’antiterrorismo.
Nel frattempo a Catania proseguono senza sosta i lavori per accogliere al meglio mogli e mariti dei potenti del mondo che venerdì 26 visiteranno la città insieme al sindaco Enzo Bianco. Prevista anche una ‘gita’ sull’Etna per far conoscere ai consorti dei presidenti le meraviglie del nostro vulcano. -