lunedì 29 maggio 2017

Draghi al Parlamento Ue:

"Ripresa più forte, ma la

politica monetaria va

ancora sostenuta".

Audizione del presidente della Banca centrale europea davanti agli eurodeputati membri della commissione Problemi economici e monetari.

29 maggio, 18:53


Mario Draghi
Mario Draghi

"Rimaniamo fermamente convinti che una quantità straordinaria di supporto alla politica monetaria è ancora necessaria per riassorbire l'attuale livello di risorse non utilizzate e perché l'inflazione rientri e si stabilizzi in modo duraturo intorno al 2% nel medio termine". Lo ha detto il presidente della Bce Mario Draghi in audizione davanti al Parlamento europeo.

Ecco i punti principali dell'intervento:

Ripresa più forte,ma target inflazione lontano - "La ripresa sta diventando sempre più solida e continua ad ampliarsi", la "disoccupazione è scesa al livello più basso dal 2009", la fiducia di consumatori e imprese è salita. Ma "le pressioni sull'inflazione" e quelle domestiche dagli stipendi, sono ancora "insufficienti a sostenere una duratura convergenza sull'inflazione verso l'obiettivo di medio termine" e quindi "abbiamo ancora bisogno di condizioni del credito molto accomodanti".

Prospettive migliorano ma serve più crescita  - "Le prospettive economiche della zona euro stanno migliorando e i rischi al ribasso sono moderati, ma questi segni positivi non devono distrarre dalla necessità di un crescita economica strutturale più ferma e ed elevata": "Serve una maggior produttività", che a sua volta ha bisogno di innovazione, per questo le riforme strutturali "sono essenziali".

Sosterremo riorganizzazione banche post Brexit  - "Siamo pronti a sostenere le banche a riorganizzare le loro attività nella zona euro" in seguito alla Brexit, ma è "necessario che le banche si preparino in tempo". "Molti dei rischi del processo di Brexit hanno a che fare con come il processo viene gestito, se viene gestito bene i rischi potrebbero non materializzarsi", ha aggiunto.

Paesi con alto debito pensino a crescita - "E' chiaro che mentre l'inflazione converge verso il nostro obiettivo e la convergenza diventa autosufficiente, i Paesi con alto debito e poca crescita affronteranno un conto degli interessi più alto. Servono quindi politiche di bilancio ma soprattutto politiche che aumentino la crescita".

Elezioni Italia opportune? non sta a me dirlo - "Ci sono elezioni dappertutto, difficile dare un giudizio, certamente non sono io quello che può dare un giudizio migliore sulla data delle elezioni": così il presidente della Bce Mario Draghi parlando al Parlamento Ue risponde a un eurodeputato italiano che gli chiedeva se fosse un momento opportuno per avere elezioni in Italia. (ANSA)

Nessun commento:

Posta un commento