Il truffatore dello specchietto pensava di colpire ancora, ma stavolta si è trovato un militare dell’Arma e non è riuscito a farla franca.
Il fatto si è verificato ieri pomeriggio nel viale Rapisardi di Catania, dove i carabinieri della Stazione di Librino hanno arrestato Vincenzo Restivo, 29 anni, di Adrano (CT), già sottoposto all’avviso orale e di divieto di ritorno nel comune di Catania, per tentata truffa e tentata estorsione.

Vincenzo Restivo

Ieri intorno alle ore 17  l’uomo, alla guida della propria autovettura, ha simulato un contatto con un altro mezzo che viaggiava nel senso opposto mettendo in atto la scenetta dello specchietto laterale rotto.
Il 29enne ha bloccato il proprietario dell’altro mezzo pretendendo la somma di 300 euro a titolo di risarcimento del presunto danno minacciandolo perché si rifiutava di adempiere alla sua richiesta. A quel punto la vittima – un militare dell’Arma  – si è qualificato bloccando il malvivente e richiedendo subito dopo il supporto dei colleghi. L’arrestato è stato associato nel carcere di Piazza Lanza, come disposto dall’Autorità Giudiziaria. -
Redazione