sabato 20 maggio 2017

Brolo – «Se credi in quello

che fai, riesci!».


da www.canalesicilia.it  

Dipendenze

Mesi fa nell’immotivato scetticismo di molti, su invito di questo movimento, è nato un tavolo tecnico sulle dipendenze che si è posto come obiettivo quello di porre in essere iniziative dirette, di volta in volta, a diverse rappresentanze di giovani e/o di adulti per svolgere nel paese un’attività di prevenzione primaria su tutte le dipendenze.

A tal proposito, ieri mattina, si è concretizzata la prima iniziativa in tal senso con un convegno dal tema: “Droghe e Ludopatia”, tenutosi alla sala Rita Atria e rivolto agli studenti delle terze medie dell’Istituto comprensivo di Brolo. Questo convegno è frutto di una nostra idea presentata al tavolo, ma sposata da tutti ed infatti, ne abbiamo curato l’organizzazione con il patrocinio del Comune – rappresentato al tavolo tecnico dall’assessore ai servizi sociali Marisa Briguglio – con il patrocinio della Parrocchia Maria SS Annunziata, la partecipazione dell’Istituto comprensivo di Brolo, dell’Associazione Caleidoscopio , Sakbe e di tanti altri componenti del tavolo che non menzioniamo e ce ne scusiamo, solo perché numerosi.


Dipendenze

La cosa più emozionante di ieri per noi, è stata vedere la partecipazione attiva degli studenti che non si sono lasciati andare a quella stanchezza normale per uditori così giovani innanzi a tematiche serie ed impegnative come quelle affrontate dal Dott. Nicolò Schepis pedagogista, dirigente Sert di Milazzo, da Andrea Turco scrittore del libro: "Non fate il loro gioco" e da Antonio Farinella che coordina la comunità Incontro, fondata da Don Pierino Germini. Alla fine del convegno – dopo che i relatori hanno risposto a qualche curiosità dei ragazzi – abbiamo provveduto come movimento a donare ai ragazzi e a tutti i presenti, una maglietta simbolica contro le droghe e la ludopatia che si rifaceva alla locandina dell’evento, quindi, con la stampa dei Minios e la scritta: “ La vita non dipende”.

La scritta non è stata scelta da noi a caso, ma perché – già usata da studenti in una campagna umana contro le dipendenze – vuole essere una sorta di inno alla vita. “La vita non dipende” infatti, significa che la vita va vissuta liberamente, senza ridursi ad essere schiavi di droghe, alcool, cellulari o altro, perché qualsiasi dipendenza rende bruttissima la nostra vita e quella delle persone che ci amano. L’incontro si è concluso con una foto di tutti presenti. A breve inoltre, faremo distribuire alle famiglie un opuscoletto informativo sulle dipendenze – trattate ieri al convengo – che abbiamo fatto curare da tre psicologhe del nostro paese: la Dott.ssa A. Beneficio, la Dott.ssa S. Insana e la Dott.ssa G. La Galia.

Ringraziamo tutti sperando di poter fare sempre meglio, chi pensa di non poter migliorare il proprio impegno perché già massimo, è solo un presuntuoso! -

Cambia-Menti a 360°per Brolo

2 commenti:

  1. Le assessore del comune di Oliveri e tutte le associazione collegate, compiacenti, vivono nell'ombra dell'astuto Sindaco che l'utilizza, a sua discrezione, per tutte le sue esigenze politiche.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ..... politiche e non.

      Elimina