lunedì 1 maggio 2017

BARCELLONA, IL RADUNO SICILIANO DEGLI ARALDINI DELLA FAMIGLIA FRANCESCANA.


Araldini 3




Araldini 1



Autore: Tindaro Natoli. Pubblicato il 1 maggio 2017


da www.24live.it



Grande festa nel quartiere di Sant’Antonino che ieri ha avuto il piacere e l’onore di ospitare numerosi Araldini, i più piccoli della famiglia francescana, provenienti da tutta la Sicilia. Nella città del Longano sono infatti giunti, da Adrano, Bagheria, Messina, Termini Imerese, San Filippo del Mela, Santa Lucia del Mela, Ragusa, Palermo, Paternò, Caltanissetta, Augusta, circa 350 bambini dai 6 ai 13 anni con un centinaio di animatori che, insieme a molti altri Araldini della fraternità ospitante di Barcellona P.G., hanno partecipato ad Araldinfesta 2017.
L’evento si configura come un importante momento annuale di fraternità, condivisione, conoscenza, gioco, testimonianza e preghiera tra piccoli francescani ed è organizzato dai ragazzi della Commissione Regionale Araldini.“L’Araldino sull’esempio di Francesco d’Assisi, è l’araldo del Gran Re, Colui che annunciando il lieto messaggio di Dio si impegna a conoscere Cristo e a servirlo portando pace gioia in famiglia, a scuola, in fraternità, in parrocchia e per le strade, contribuendo alla costruzione di un mondo più giusto e più bello. Proprio da questo vogliamo ripartire – affermano gli animatori – per far vivere ai nostri amati piccoli il segreto e il gusto della festa, occasione legata alla consapevolezza di incontrare e amare Cristo, scoprirlo, annunciarlo e insieme testimoniarlo. Ecco perché gli Araldini possono avere l’opportunità di fare festa! Una sola parola? ARALDINFESTA”
La prima parte della giornata si è svolta all’interno del palazzetto Aia Scarpaci, dove i bambini sono stati accolti con balli e canti. Sempre all’interno del palazzetto si è svolta la catechesi a cura di Fra Alberto Foti. L’evento dal titolo “IL SI DI FRANCESCO’’ ha come riferimento il brano delle Fonti F.F. 1419, la scelta e il SI di Francesco caratterizzato dal suo totale donarsi al Signore. La sua scelta di spogliarsi è segno di abbandono delle cose terrene e comode per iniziare un nuovo viaggio, una nuova avventura in Lui, vivendo in fraternità. Successivamente i bambini, con una breve, ma animata marcia per le vie del quartiere di Sant’Antonino, sono giunti nella piazza antistante il convento, dove le campane in festa li hanno accolti calorosamente. Il resto della mattinata e della giornata si è svolto dunque nei locali del convento, dove i bambini, divisi poi in squadre, hanno avuto modo di sfogare tutta la loro gioia e grinta, attraverso vari giochi ed attività, aventi sempre come filo conduttore la vita del Santo poverello di Assisi. Si è svolto durante la mattinata, nei locali del convento anche un’attività a cura dell’OFS – Ordine Francescano Secolare – di Sicilia dedicata ai soli genitori, per rafforzare sempre più il senso di Famiglia, cuore del carisma Francescano.
Subito dopo il pranzo a sacco, i piccoli araldini hanno vissuto l’ultimo momento di animazione, con musica canti e balli. Nella chiesa di Sant’Antonio di Padova, è stata celebrata la Messa dallo stesso Fra Alberto, con una chiesa gremita di bambini che tenendosi per mano, come segno di appartenenza ad un’unica grande famiglia, hanno recitato il Padre Nostro. Per la Fraternità di Barcellona è stato veramente bello aver avuto la possibilità di ospitare un evento di questa portata. La gioia contagiosa dei piccoli araldini di Sicilia ha riempito il cuore di tutti. -



Nessun commento:

Posta un commento