giovedì 18 maggio 2017

A Milano marcia per gli

immigrati. Gasparri:

"È contro gli italiani".

Sbarchi record, infiltrazioni islamiste e scandali legati alle Ong. La marcia "Milano senza muri" per chiedere più diritti agli immigrati è una provocazione. E il centrodestra non ci sta.


La manifestazione pro immigrati, che si terrà sabato prossimo a Milano, rischia di dividere ulteriormente il Paese.



La sinistra, guidata dal sindaco Beppe Sala, sfila con richiedenti asilo, centri sociali e comunità islamica. Un'iniziativa che è un vero e proprio schiaffo a quegli italiani che stanno pagando il prezzo di un'invasione incontrollata. "È una manifestazione contro gli italiani", tuona il senatore Maurizio Gasparri accusando la sinistra di "marcerà per avere più immigrati".
La marcia "Milano senza muri" laciata per il 20 maggio dal sindaco Sala porterà nel capoluogo lombardo migliaia di immigrati che chiedono più diritti. Ci si aspetta almeno 10mila persone. Oltre al Pd, che ha fortemente voluto questa manifestazione in favoare dell'accoglienza indiscriminata degli extracomunitari, sabato parteciperanno una miriade di sigle, associazioni, partiti di sinistra, sindacati, cooperative sociali e, ovviamente, centri islamici. "L'arrivo di tante persone da realtà diverse non sarà un fenomeno transitorio e non può essere solo il Paese-ponte, quale siamo noi, a farsene carico - commenta al Corriere della Sera l'ex sindaco Giuliano Pisapia - Per queste persone bisogna immaginare un progetto di vita, nel loro Paese o in Europa, non bastano un letto e un pasto. E questo è qualcosa che chiede una risposta a tutta l'Europa in grado di contribuire non solo all'integrazione ma anche alla democrazia e allo sviluppo nel Paese di provenienza". Sala ci andrà con la madre, che ha 86 anni.
La marcia di sabato, però, già divide. La sinistra sfila, infatti, in un momento difficile per l'Italia che, anche quest'anno, si trova a dover gestire sbarchi con numeri da record e un'immigrazione che non è più possibile integrare.
L'aumento della criminalità legata agli extracomunitari, le infiltrazioni degli islamisti e gli obiettivi delle Ong per "destabilizzare economicamente" il Belpaese gettano un'inquietante ombra sul fenomeno.
Per questo la marcia "Milano senza muri" suona quasi una provocazione. "Mentre emergono scandali in serie nei centri di accoglienza dei clandestini, con coinvolgimenti di mafia e 'Ndrangheta, mentre si quantificano in quasi 5 miliardi le spese per gli stranieri che arrivano in Italia, mentre si negano mezzi a poveri anziani, disabili e pensionati italiani, mentre nel Mediterraneo sedicenti organizzazioni non governative, spesso poco trasparenti e mosse da intenti ideologici, alimentano con i loro traffici i guadagni degli scafisti e la morte dei clandestini nel Mediterraneo - accusa Gasparri - a Milano c'è chi marcerà per avere più immigrati".
Anche Forza Italia scenderà in piazza. Ma lo farà per difendere i diritti degli italiani e, al tempo stesso, contestare un modello che non è di integrazione ma di degrado.
Un modello le cui prime vittime sono proprio gli stranieri che arrivano nel nostro Paese. "L'Italia ha già accolto milioni di extracomunitari facendo ampiamente la propria parte - ricorda lo stesso Gasparri - nessuno può quindi darci lezioni".
La sinistra, invece, preferisce sfilare con organizzazioni, che hanno rapporti ambigui con il fondamentalismo islamico e con i Fratelli musulmani, e con le quelle Ong che nel Mar Mediterraneo stanno svolgendo un ruolo di favoreggiamento all'immigrazione clandestina. -

Nessun commento:

Posta un commento