giovedì 27 aprile 2017

TORRENTI: IL DIRIGENTE PALIZZOLO CHIARISCE LE COMPETENZE DEL GENIO CIVILE.




Sulla Gazzetta ufficiale regionale del 21 aprile è stato chiarito l’ambito delle competenze che residuano, in materia di corsi d’acqua e demanio idrico fluviale, agli uffici dei Genio civile dell’Isola.


Giovedì, 27. Aprile 2017 - 10:11
Pubblicato da www.tempostretto.it

Con la legge regionale 15 maggio 2013, numero 9, sono state riscritte le competenze in materia di demanio idrico fluviale. In particolare: – il comma 6 bis dell’articolo 11 dispone che “Al rilascio delle concessioni di attraversamento ed occupazione del demanio idrico per qualsiasi uso, comprese le linee elettriche e gli impianti elettrici, provvedono gli uffici del Genio civile competenti per territorio, fatti salvi i pareri di rito previsti dal Testo unico sulle acque e sugli impianti elettrici”.

Conseguentemente agli uffici del Genio civile, strutture periferiche del Dipartimento regionale tecnico, residuano esclusivamente le competenze concernenti l’espletamento di tutte le attività amministrative inerenti al rilascio delle concessioni di attraversamento ed occupazione del demanio idrico per qualsiasi uso, mentre tutte le altre attività inerenti al demanio idrico fluviale sono state trasferite al Dipartimento regionale dell’ambiente.

PUBBLICITÀ

E' quanto pubblicato nella Gazzetta ufficiale regionale del 21 aprile a firma del dirigente generale del Dipartimento Regionale Tecnico, Vincenzo Palizzolo. 

"Con D.A. n. 274/GAB del 18 giugno 2015, sottoscritto dall’Assessore per il territorio e l’ambiente e dall’Assessore per le infrastrutture e la mobilità - si legge ancora nell'atto di indirizzo -, è stato approvato l’Accordo interdipartimentale, già sottoscritto in data 5 maggio 2015, tra il Dipartimento regionale dell’ambiente, il Comando del Corpo forestale e il Dipartimento regionale tecnico in materia di demanio idrico fluviale. In particolare, l’articolo 1 di tale Accordo interdipartimentale dispone che: il Dipartimento regionale tecnico, avvalendosi degli uffici del Genio civile, fornirà, compatibilmente con i compiti istituzionali assegnati, supporto tecnico al Dipartimento regionale dell’ambiente per gli adempimenti in materia di demanio idrico fluviale”. 

Per quanto riguarda il Piano di gestione del rischio alluvioni della Sicilia, le attività di competenza del Genio Civile riguardano esclusivamente il rilascio dei pareri sugli studi di compatibilità idraulica e sui progetti di opere pubbliche.

Dall’analisi del quadro delle norme e disposizioni statali e regionali discende l’ambito delle competenze che residuano, in materia di corsi d’acqua e demanio idrico fluviale, agli uffici dei Genio civile dell’Isola e che riguardano esclusivamente: – il rilascio delle concessioni di attraversamento ed occupazione del demanio idrico per qualsiasi uso comprese le linee elettriche e gli impianti elettrici ai sensi dell’articolo 11, comma 1, della legge regionale 15 maggio 2013, n. 9; – i pareri di compatibilità idraulica sui progetti ai sensi degli articoli 4 e 6 delle Norme di attuazione del Piano di gestione del rischio di alluvioni, adottato con decreto presidenziale 18 febbraio 2016 e pubblicato l’11 marzo 2016 nella Gazzetta Ufficiale della Regione siciliana n. 11 parte I.  -

Nessun commento:

Posta un commento