mercoledì 12 aprile 2017

Sindacati incontrano i vertici

Autorità Portuale, un coro

unanime: “Non depotenziare

Messina”.




Nino Di Mento della Fast Consal e Guglielmo Pellegrino della Ugl, stamane hanno incontrato i vertici dell’Autorità Portuale di Messina. Il dialogo si é concentrato sulla riforma di Accorpamento dell’Autorità Portuale di Sistema, affinchè Messina e la sua portualità non venga depotenziata. “Proprio per questa motivazione -affermano i sindacalisti- occorre piena  cooperazione, dobbiamo tutelare chi lavora giustamente supportando chi nel porto stesso  ha interessi commerciali”.
I rappresentanti dei lavoratori marittimi ritengono che bisogna difendere il porto di Messina per evitare di depotenziare l’economia della provincia. “Siamo consapevoli -proseguono Di Mento e Pellegrino- che la politica possa aprire e far fronte comune per migliorare questa decisione che se rimarrà così, com’è umilierà ulteriormente questo territorio”.
Sull’avvio invece dell’apertura dei cantieri per l’ampliamento del Porto di Tremestieri sia De Simone che Di Sarcina hanno mostrato fiducia, anche se guardano con particolare attenzione e forse un po’ di preoccupazione alla fase degli espropri in questo momento in capo al comune ed al trasferimento della Stazione Appaltante. Nei prossimi giorni l’Autorità Portuale ha calendarizzato una serie di riunioni appunto per sveltire tutto l’iter.
In merito al servizio concernente l’autorizzazione al trasporto di merci pericolose via mare, si stanno adottando e adeguando tutti i parametri necessari per adeguare le autorizzazioni alla nuova circolare ministeriale per la quale subito dopo Pasqua presso il ministero dei trasporti sarà convocato un’incontro per definire e strutturare il servizio. -

Nessun commento:

Posta un commento