mercoledì 12 aprile 2017

MESSINA: OPERAZIONE TEKNO.


Bufera Cas, sospensioni e arresti per 12

tra dirigenti e dipendenti.


Ulteriori dettagli dopo la conferenza stampa che si svolgerà stamani, alle 10.30, alla Sezione Operativa della DIA di Messina. Saranno presenti il Procuratore Vincenzo Barbaro, l’Aggiunto Sebastiano Ardita e il Sostituto Stefania La Rosa.


Mercoledì, 12. Aprile 2017 - 8:00
Pubblicato da www.tempostretto.it

E’ una nuova e pesante bufera giudiziaria quella scattata stamani per il Cas, il Consorzio per le Autostrade Siciliane già finito più volte nel mirino della magistratura peloritana. Sono ben 12 le persone, tra dirigenti e dipendenti, finite nel calderone dell’operazione Tekno coordinata dalla Procura di Messina. I reati ipotizzati sono, a vario titolo, falso, abuso d'ufficio e truffa.
Gli investigatori della Direzione Distrettuale Antimafia hanno eseguito le misure cautelari alle prime luci dell’alba, insieme al Centro Operativo di Catania diretto da Renato Panvino. L'inchiesta, durata più di due anni, conta una cinquantina di indagati e ruota attorno ad appalti truccati e progetti inesistenti per alcune opere dei tratti autostradali della A18 e della A20.

La Procura torna quindi a puntare i fari sul Consorzio che, in Sicilia, gestisce le autostrade Messina-Catania-Siracusa, Messina-Palermo e Siracusa-Gela. Già nel 2014 gli investigatori avevano passato al vaglio numerosi bandi e gare di appalto risultate “anomale”, finite poi nella prima tranche dell'inchiesta Tekno.

Pubblicità

Il presidente del Cas, Rosario Faraci, ha voluto specificare che i fatti risalgono al 2012 e al 2013 e ha annunciato che il Consorzio adotterà ogni conseguente provvedimento nei confronti dei dipendenti in servizio destinatari delle misure interdittive.

Ulteriori dettagli dopo la conferenza stampa che si svolgerà stamani, alle 10.30, alla Sezione Operativa della DIA di Messina. Saranno presenti il Procuratore Vincenzo Barbaro, l’Aggiunto Sebastiano Ardita e il Sostituto Stefania La Rosa.

Veronica Crocitti.

Nessun commento:

Posta un commento