giovedì 13 aprile 2017

Garofalo: “Stop alle

chiacchiere, si affidi

ad Anas e Fs la fattibilità

del Ponte sullo Stretto”.


“Non è più tempo degli studi ma quello dei fatti. Esistono progetti che attendono di essere tramutati in opere. Ci sono proposte interessanti che si basano su studi approfonditi già effettuati e che consentirebbero di fare le scelte più opportune”. Così il deputato di Alternativa Popolare, Vincenzo Garofalo.
“Da tempo sostengo, e non sono l’unico, la necessità di recuperare il tempo perduto per realizzare tutte quelle infrastrutture che renderebbero competitivo il territorio, al passo con il resto del Paese.  Il Mezzogiorno -prosegue Garofalo- necessita di alta velocità ferroviaria, di aree per la logistica, di aeroporti efficienti, di tutto ciò che renda il territorio attrattivo per i giovani, i turisti, le imprese e che offra ai residenti, che sono contribuenti alla stessa stregua di tutti gli altri italiani, le stesse opportunità offerte nel resto d’Italia.
Il problema del Mezzogiorno non è del Sud contro il Nord. Il problema del Mezzogiorno è un problema di tutto il Paese e lo sviluppo del Mezzogiorno è lo sviluppo dell’intero Paese.  Il Governo abbia il coraggio di fare le scelte che gli competono e non prenda ulteriore tempo. Non possiamo ancora attendere. Non vogliamo più attendere! Ci sono aziende interamente pubbliche in grado di offrire un contributo all’ammodernamento delle infrastrutture e sono: Ferrovie dello Stato e Anas.  Si affidi a loro il compito di verificare la fattibilità economica del Ponte sullo Stretto.  Questo sarebbe un segnale di interesse concreto verso il Meridione da dare al Paese.  A costo zero. Il resto sono chiacchiere e tentativi dilatori ormai non più tollerabili”.-

Nessun commento:

Posta un commento