lunedì 24 aprile 2017

Francia, Renzi: "Sfida

Macron riguarda anche

l'Italia". Calenda attacca.

Leader Lega: 'Messaggio a Renzi-Cav'.

I dem: 'Eurofobia perderà'.




Michele Esposito
News

Il sospiro di sollievo del centrosinistra. L'esultanza della destra euroscettica. Il silenzio del Movimento Cinque Stelle e di Silvio Berlusconi. Il primo turno delle presidenziali francesi arriva al di qua delle Alpi in una veste molteplice, dividendo una politica italiana che guardava con crescente interesse al voto transalpino.

"La vittoria di Macron al ballottaggio francese potrebbe dare molta forza a chi vuole cambiare l'Europa. Chi ama l'ideale europeista sa che gli avversari sono i populismi. Ma sa anche che l'Europa è un bene troppo grande per essere lasciato ai soli tecnocrati". Lo scrive su Facebook Matteo Renzi. "Bravo Macron: la sfida inizia adesso. Una sfida che riguarda anche l'Italia. Avanti, insieme", sottolinea.
"Risultato di Macron fondamentale per la tenuta Ue. La gara italica a chi è più Macron è sintomo di debolezza e provincialismo". Lo scrive su Twitter il ministro dello Sviluppo economico Carlo Calenda.
E se il Pd, a cominciare da Matteo Renzi, conferma il suo endorsement per Emmanuel Macron, il leader della Lega Matteo Salvini accoglie dalla Francia "il vento del cambiamento" e sottolinea come dalle presidenziali giunga un "chiaro messaggio" a Renzi e Berlusconi, quello del tramonto dei partiti tradizionali. Su questa scia Salvini confida nella vittoria finale di 'madame Frexit'. "Si metteranno tutti contro di lei? Poteri forti contro il popolo. Vittoria difficile ma non impossibile", scrive il segretario federale leghista dando il suo personale in bocca al lupo a Le Pen: "E' ora di liberarsi dalla gabbia di Bruxelles".

E perfettamente in linea è la più stretta alleata di Salvini, Giorgia Meloni. "Al ballottaggio due proposte di cambiamento, bocciati Ppe e Pse", è il primo commento della leader di Fratelli d'Italia che, subito dopo l'endorsement pro-Macron che arriva dal repubblicano Fillon e dal socialista Hamon, 'entra' già nella battaglia del secondo turno: "Contro le grandi ammucchiate, io sto con la Le Pen. Con il popolo, contro l'establishment".

Un messaggio, quello della destra, che in fondo guarda anche alle elezioni italiane e all'ipotesi, per nulla impossibile, delle grande intese tra Pd e FI. Dalle parti del Nazareno, invece, si respira l'aria di un pericolo scampato, quello di un ballottaggio tutto euroscettico tra Le Pen e Mélenchon. "Tocco ferro ma penso e spero che Macron ce la possa fare ad andare al ballottaggio. E se fossi francese voterei Macron", spiegava Renzi qualche minuto prima della chiusura dei seggi. E alla fine, il 'suo' candidato (leader del partito 'En Marche!' laddove uno degli slogan dell'ex premier per le primarie è "in cammino") accederà al secondo turno.
E' la prova che "oggi l'Europa è viva e forte più che mai", gioisce il sottosegretario agli Affari Europei Sandro Gozi, dicendosi "sicuro" della sconfitta finale di Le Pen "e della sua propaganda basata su paura e rifiuto". Più timido, ma non meno netto, l'endorsement del ministro della Giustizia e candidato alle primarie Pd Andrea Orlando. Macron, è la sua premessa, "non è un candidato propriamente di sinistra" ma "è esplicitamente europeista".
E, è l'allarme di Orlando, "se vince Le Pen l'Ue comincia a traballare e si afferma una forza fascista". A sinistra del Pd, invece, si guarda a Mélenchon e al suo "straordinario risultato". Per Arturo Scotto di Mdp, "il socialismo europeo rischia l'estinzione" e la disfatta di Hamon è "una campana che suona per tutti, anche in Italia". Simile il ragionamento di Sinistra Italiana che, tuttavia, mostra di guardare con maggior convinzione alla radicalità di Mélenchon. "Rinasce la sinistra del popolo, merci Jean-Luc", è il tweet quasi festoso di Stefano Fassina.
"Risultato di Macron fondamentale per la tenuta Ue. La gara italica a chi è più Macron è sintomo di debolezza e provincialismo". Lo scrive su Twitter il ministro dello Sviluppo economico Carlo Calenda. (ANSA)

Nessun commento:

Posta un commento