mercoledì 19 aprile 2017

Ape,

stangata sulla pensione: "Si

perdono almeno 150 euro".

La quota massima per chi vuole anticipare la pensione dipende dal tempo mancante alla maturazione della pensione. Ecco la bozza della riforma.


Il taglio "minimo" della pensione per chi richiede di uscire dal lavoro anticipatamente è di 150 euro al mese, mentre la quota massima dipende dal tempo mancante alla maturazione della pensione.



Insomma: più è vicino, maggiore è la quota dell'anticipo ottenibile. Da quanto apprende Public Policy, il governo starebbe lavorando alla bozza del decreto ministeriale sull'anticipo pensionistico e punterebbe ad avviare la misura contenuta nell'ultima legge di Bilancio per il primo di maggio. "Può accedervi chi ha compiuto 63 anni e matura i requisiti alla pensione di vecchiaia entro 3 anni e 7 mesi dalla data di richiesta di Ape", si legge nel testo che, pur non essendo ancora definitivo, fissa un importo minimo della quota di Ape a 150 euro al mese.

Mentre la quota minima è fissa, quella massima varia. Secondo l'anticipazione di Public Policy, potrebbe dipendere dal tempo mancante alla maturazione della pensione. Questa, infatti, non potrà superare determinate percentuali della pensione maturata nei tempi standard. Il calcolo, alla data di presentazione della domanda di certificazione del diritto all Ape, avverà sulla base dei coefficienti di trasformazione vigenti alla data stessa, relativi all età posseduta alla stessa data per i soggetti con anzianità contributiva dal primo gennaio 1996 e relativi all'età di pensionamento di vecchiaia per i soggetti con anzianità contributiva al 31 dicembre 1995. -


Nessun commento:

Posta un commento