lunedì 31 gennaio 2011

TERRENI COMUNALI: LETTERA DEL SIG. CARMELO GENOVESE AL GIORNALINO "INSIEME"

A pag. 1 del giornalino "Insieme" n. 5, anno 1979, nella rubrica corrispondenza con i lettori, è pubblicata la seguente lettera:

"Cara Redazione, torno a scrivere un'altra volta, però con un altro argomento di discussione.
I giovani di oggi si interessano di foot-ball, di motociclette, di cinema e di discoteca.
Attraverso il giornalino vorrei lanciare un appello a tutti i giovani di Oliveri affinchè si interessino più direttamente ad un loro bene comune: le terre comunali.
Attorno ad esse ultimamente si è fatto un gran parlare; non so fino a che punto i giovani si siano interessati a questa discussione, ma voglio avvertirli che le terre comunali sono un loro patrimonio ed è ora che essi si organizzino e lottino per far giungere in porto la lottizzazione e ripartizione equa di queste terre per le quali i nostri nonni hanno tanto lottato.
Giovani, muovetevi, prima che gli amministratori, man mano che si susseguono, di queste terre ne facciano un "tarallo" !. (= straccetto).
Ringraziandovi per la collaborazione, vi saluto, augurandovi buone feste".-
Genovese Carmelo
_____________________________________

Dopo un trentennio, possiamo affermare e confermare che il Sig. Carmelo Genovese è stato facile profeta. Egli ha visto bene l'indifferenza dei giovani ed il pericolo concreto che quel "patrimonio" comune, col passare del tempo, divenisse un "tarallo" ossia uno straccetto. In tutti i sensi.
I giovani del gionalino hanno risposto a Carmelo Genovese, impegnandosi ad affrontare l'argomento. Ma, malgrado il loro impegno, ancora oggi il problema rimane insoluto.
Principalmente, per gravi omissioni degli amministratori comunali.
Ma anche per complicità di tutti i cittadini di Oliveri.
Perchè, come giustamente affermava il buon Carmelo Genovese, le terre comunali sono un "bene comune" di tutti i cittadini di Oliveri, soprattutto dei giovani che dovrebbero goderselo più a lungo degli anziani. E tutti assieme dovremmo tutelare il diritto su tale "bene comune".
Ma i giovani di oggi, il neo baby sindaco, i neo baby consiglieri comunali e gli attuali amministratori che cognizione e concezione hanno dei terreni comunali ?.

SAREBBE INTERESSANTE SAPERLO ! CHISSA' SE SONO DISPOSTI A FARCELO SAPERE.

Desidero rammentare a me stesso ed a tutti i cittadini di Oliveri, titolari del diritto di uso civico, che un vecchio saggio usava ripetere: "Chi non ha cura delle proprie cose, non è degno di possederle".
Noi, oltre a non essere degni di possederlo, per incuria, rischiamo di perdere il nostro diritto.
Antonio Amodeo

RAFFAELE LOMBARDO RIAFFERMA IL SUO NO ALLA BIT DI MILANO

In merito alla partecipazione della Regione Sicilia alla Bit di Milano, il Governatore Lombardo ha confermato la sua posizione contraria. Egli ha dichiarato:
"La Bit è uno sperpero di denaro ed è un modo come un altro per far arricchire di più il Comune di Milano e l'economia della Lombardia.

Ci sono stato tante volte. Si va lì e si monta un grande stand che costa cifre altissime e chi lo monta sono artigiani locali. Ci sono poi gli stand dei Comuni e delle Province che spendono cifre enormi sottratte ai loro magri bilanci per avere uno stand e il massimo risultato che ottengono è la fotografia del presidente del consiglio comunale o della provincia insieme al sindaco o all'amministratore che sta là.

Stuoli di amministratori partono e stanno tre giorni per farsi una passeggiata nella Galleria, mangiare fuori, andare a fare shopping. Perchè sperperare tanto denaro se poi quando si fa la conferenza stampa ci sono i giornalisti nostri, gli amministratori nostri e viene magari il presidente della fiera o qualche altra personalita?.

Apriamo gli occhi, utilizziamo questo contenitore splendido che è l'Albergo delle Povere in questa meravigliosa città di Palermo in cui si vive meglio e dove ci sono alberghi accoglienti e ottimi ristoranti.

Spendiamo il denaro come Regione per fare i nostri stand e soprattutto per promuovere quì la venuta di grandi tour operator che vengano a conoscere quanto è importante la Sicilia portandoli magari a fare una puntata a Enna, a Siracusa, a Messina, a Taormina e a Catania".-
_______________________________________

Negli anni precedenti, abbiamo potuto sperimentare direttamente quanto affermato dal Presidente Lombardo.
I lettori di questo blog ricorderanno i commenti da me fatti alla foto del nostro simpaticissimo assessore comunale al Turismo. Il quale, col suo indubbio fascino, riusciva a catturare l'attenzione delle visitatrici ottenendo lusinghieri risultati.
Ma non tutti gli amministratori hanno il fascino del cugino Carmelo. E non tutti ottengono gli stessi vantaggiosi risultati. Senza dire che molti approfittano per sbrigare le loro faccende.
E' giusto spendere i nostri soldi in Sicilia per richiamare sul posto l'attenzione degli operatori turistici. Ed è anche giusto che la Regione spenda il denaro per fare i nostri stands.
Come giusto sarebbe che il Comune di Oliveri si attrezzasse di una propria struttura permanente per ospitare l'Expo. Utile anche per il mercato settimanale.
Ma questo è un altro argomento che va seriamente ed urgentemente affrontato.-
Antonio Amodeo

domenica 30 gennaio 2011

GIORNALINO "INSIEME" N. 5 - ANNO 1979

S O M M A R I O

Corrispondenza con i lettori ...............................................................................pag. 1

Cronaca paesana .................................................................................................. " 2

Cresima: Sacramento dello Spirito Santo ....................................................... " 3

Buon Natale ......................................................................................................... " 4

Felice 1980 ............................................................................................................ " 5

Il Papa pellegrino di pace per il mondo ............................................................. " 6

Madre Teresa di Calcutta Nobel per la Pace ................................................... " 7

La Madonnina ....................................................................................................... " 8

Offerte per la Madonnina .................................................................................... " 9

Consiglio Comunale del 03.11.1979 .................................................................... " 10

Realizzazione Acquedotto e Fognature .............................................................. " 12

Estate oliverese 1979 ........................................................................................... " 13

Cucinando insieme ................................................................................................ " 14

Viaggio in America ................................................................................................ " 15

Gli adolescenti e lo sport ...................................................................................... " 16

A.S. Sirio ................................................................................................................. " 17

Bertino Pasquale a INSIEME .............................................................................. " 18

Sport: Squadre partecipanti ................................................................................ " 19

U.S. OLIVERI ........................................................................................................ " 20

Girone d'andata ..................................................................................................... " 20

Giocando tra un argomento e l'altro ................................................................... " 21

_____________________________________________



H A N N O C O L L A B O R A T O:



Antonio Adorno ....................... Nuccia Gitto

Giorgio Adorno ........................ Ninetta Guida

Carmelo Alessandro ............... Rosamaria Guida

Lorenzo Antonuccio ................ Franca Iarrera

Nato Antonuccio ...................... Gianpaolo Iarrera

Anna Bertino ............................ Melina Iarrera

Pina Bertino ............................. Tindaro Lembo

Salvatore Bertino ..................... Dino Luca

Antonietta Clemente ............... Biagio Maiorana

Alessandra Coglitore ............... Carmela Maiorana

Daniele Coglitore ..................... Antonella Pantè

Gianpaolo Coglitore ................. Giuseppe Persano Adorno

Filippa Foresti .......................... Filippo Puliafito

Salvatore Genovese ................ Rosalia Sidoti

Graziella Gitto .......................... Santina Spanò

Don Luigi Lo Presti

________________________________________



Prossimamente pubblicherò alcuni articoli, scelti dal sommario, per offrire ai cortesi lettori,ed agli stessi collaboratori, la possibilità di giudicare, a posteriori, l'attività dei nostri giovani "giornalisti" divenuti, oggi, MATUSA.

Vi inviterei, intanto, ad osservare la varietà degli argomenti trattati e l'interclassismo dei protagonisti, prevalentemente studenti.

Ho tentato di capire, senza riuscirvi, quale sia la sostanziale differenza intellettiva fra quei giovani protagonisti e gli attuali giovani di Oliveri. Personalmente non ne trovo alcuna. Anzi ........

Forse la differenza d'intelletto sta in altre menti.

Gradirei che qualcuno mi chiarisse per quale giustificato motivo i giovani d'oggi non possono svolgere quella meritoria attività esercitata dai giovani del 1979. I quali VOLONTARIAMENTE E GRATUITAMENTE offrivano un servizio di informazione utilissimo per tutta la collettività.

E' una riflessione utile e necessaria per capire se l'Amministrazione comunale è stata costretta, per incapacità e/o indisponibilità dei nostri giovani, a spendere 250 euro mensili per ingaggiare un portavoce forestiero. Oppure sia stata una ingiustificata scelta, dettata da qualsivoglia esigenza personale non coincidente con l'interesse pubblico della collettività.

L'invogliare ed incitare i nostri giovani a cimentarsi in questa importantissima funzione sarebbe stato un modo efficacissimo per valorizzarli e farli crescere in tutti i sensi.

Ma temo che la giovane innovativa Amministrazione (a prevalente colore rosa), comprese tutte le ramificazioni palesi ed occulte, abbia tutt'altro interesse.

PREFERISCE COLTIVARE I BABBY SINDACI !.-

Antonio Amodeo

sabato 29 gennaio 2011

PIANO DI RIPARTIZIONE DEI CONTRIBUTI PER ATTIVITA' CULTURALI ESERCIZIO FINANZIARIO 2008

La Gazzetta Ufficiale della Regione Siciliana n. 5 del 28 gennaio 2011 - parte prima - ha pubblicato il Decreto 5 novembre 2010 dell'assessorato dei Beni Culturali e dell'Identità siciliana.
Con tale decreto il Dirigente Generale del Dipartimento regionale ha approvato l'elenco degli Enti ai quali è stato concesso un contributo per attività culturali eseguite nell'anno 2008.
Fra questi non figura il Comune di Oliveri.
Nella provincia di Messina, il contributo è stato concesso a 39 Enti organizzatori di varie manifestazioni culturali.
I Comuni beneficiari sono i seguenti:
- Alcara Li Fusi - euro 2.000,00 -
- Capo d'Orlando - euro 2.000,00 -
- Unione Comuni Paesi dei Nebrodi - Capri Leone - euro 2.000,00 -
- Castroreale - euro 2.000,00 -
- Patti - euro 2.000,00 -
- San Marco d'Alunzio - euro 5.000,00 -
- San Salvatore Fitalia - euro 2.000,00 -
- Saponara - euro 2.000,00 -
- Savoca - euro 2.000,00 -
- Tortorici - euro 5.000,00.
Hanno ottenuto il contributo le seguenti Associazioni Pro Loco:
- Castroreale - euro 2.000,00 -
- San Salvatore Fitalia - euro 2.000,00 -
- Floresta - euro 2.000,00 -
- Itala - euro 2.000,00.
I nostri amministratori locali, per incomprensibili motivi, sono molto allergici alla Pro Loco.
Associazione che dovrebbe essere ricostituita e valorizzata. Così come prevede il vigente Statuto Comunale. Si preferisce, invece, la proliferazione delle Associazioni per la miope e deleteria logica del "DIVIDI ET IMPERA". Logica che non produce alcun beneficio per la collettività.
Al contrario, genera dispersione e disgregazione a beneficio dei "soliti noti" affaristi.-
Antonio Amodeo

venerdì 28 gennaio 2011

LA REGIONE DA' IL VIA AL REGOLAMENTO PEARS

Un comunicato pubblicato dall'Ufficio Stampa Presidenza della Regione alle ore 17.59 informa che la giunta di governo ha dato il via libera alla strategia di politica energetica individuata dall'assessore Giosuè Marino nel regolamento di attuazione del Piano energetico regionale (Pears), che disciplina il settore dell'energia da fonti rinnovabili in Sicilia.
La Regione concederà maggiori privilegi al fotovoltaico rispetto all'eolico e dedicherà particolare attenzione alle imprese agricole e allo snellimento delle procedure per ottenere le autorizzazioni a realizzare gli impianti.
Con questo provvedimento, la Sicilia si adegua alle direttive comunitarie, promuovendo lo sviluppo dell'energia da fonti rinnovabili, nel rispetto della salute, dell'ambiente, della vocazione turistica, agricola e del patrimonio artistico-culturale del territorio. Senza trascurare ricadute occupazionali.
Il documento introduce procedure semplificate e trasparenti, come l'informatizzazione dell'iter autorizzativo e la disponibilità on line di tutte le informazioni necessarie, a cominciare dalla modulistica per la presentazione delle relative domande.
Sono tutti accorgimenti e criteri che consentiranno, finalmente, di dare risposte veloci agli imprenditori che intendono investire nel settore.
"Questo sistema - spiega l'assessore all'Energia - garantirà parità di condizioni a tutti i soggetti che richiedono l'autorizzazione e scongiurerà il rischio di eventuali discriminazioni".
Le nuove procedure prevedono anche il decentramento, su base provinciale, delle autorizzazioni di piccoli impianti, di potenza fino a 1 MW, agli Uffici del Genio Civile.
E, per quelli di minore potenza, specie se collocati sui tetti di edifici esistenti, viene introdotta la Dia, cioè la denuncia di inizio attività.
L'assessorato, che coordina l'intero procedimento, avrà anche il compito di assistere chi lo richiede, per gli aspetti tecnici.
Il documento passerà alla Corte dei Conti e al Consiglio di Giustizia Amministrativa per l'approvazione definitiva.-
__________________________________

Come ben sanno gli addetti ai lavori, questo provvedimento elimina numerosi ostacoli esistenti nell'attuale iter autorizzativo. Qualcuno dei quali anche insormontabile.
Leggendo questa notizia ho avuto la sensazione di sognare ad occhi aperti, di trovarmi catapultato su un nuovo pianeta.
Temo che questa nuova procedura - tanto attesa - non entrerà presto in vigore.
Specie per quanto riguarda la "semplificazione", la "parità" e la "trasparenza".
Malgrado l'impegno e l'indiscussa capacità del Prefetto Marino.-
Antonio Amodeo

giovedì 27 gennaio 2011

LA SICILIA AVRA' LA SUA BORSA INTERNAZIONALE TURISMO

Si svolgerà a Palermo, all'Albergo delle Povere, dal 19 al 22 maggio 2011.
Lo afferma un comunicato pubblicato oggi alle ore 16.16 dall'Ufficio Stampa Presidenza della Regione Siciliana.
L'assessore regionale al Turismo, Daniele Tranchida, ha dichiarato: "Mira a diventare un importante punto di incontro tra domanda e offerta turistica nell'intera area euromediterranea.
Farà incontrare gli operatori siciliani del settore con i buyer internazionali e sarà una vetrina per le eccellenze culturali, ambientali ed agricole della Sicilia, ma ci sarà spazio anche per i paesi europei e mediterranei. Non si intende realizzare un classico evento fieristico. Sarà una manifestazione aperta alle nuove forme di turismo, per uscire da una impostazione tradizionale".
Si è già insediato, nella sede dell'assessorato al Turismo, il gruppo di lavoro che si occuperà dell'organizzazione.
L'appuntamento è previsto nelle forme di un meeting del turismo euromediterraneo.
Sarà disponibile una superficie di 2.400 metri quadrati, su due piani, con un'area destinata a parcheggio di oltre 2.000 metri quadrati.
E' prevista la partecipazione di circa 200 espositori siciliani, tra albergatori, tour operator, agenzie di viaggio, operatori della convegnistica, del turismo scolastico e religioso, aziende di agriturismo. Saranno ospitate numerose delegazioni di paesi stranieri.
E' prevista la presenza di operatori siriani, che nei giorni scorsi sono stati in Sicilia per incontrare il presidente della Regione.
Saranno allestiti stand per promuovere le eccellenze di quelle province siciliane che intenderanno partecipare.
"E' un evento - dice Tranchida - fortemente voluto dal presidente della Regione, Lombardo, nel quale concentreremo gli sforzi che fino all'anno scorso sono stati profusi per partecipare ad altre rassegne che, pur assorbendo grandi risorse, hanno avuto un ritorno minimo alle imprese del settore. A partire dalla Bit, alla quale, quest'anno la Sicilia non parteciperà. Abbiamo detto basta alle borse generaliste: nel Piano per il 2011, abbiamo previsto la presenza della Sicilia soltanto alle fiere e alle borse specialistiche che si svolgono in Italia ed all'estero".-
______________________________________

E' prematuro affermare se questa scelta del Presidente Lombardo sia stata la più conveniente nell'attuale congiuntura economica.
E' sicuramente una scelta abbastanza motivata e meritevole di sperimentazione.
Desidero rammentare quanto riferito, l'anno scorso, testualmente da Agostino Spataro:
"Nei giorni scorsi, il presidente della regione Lombardo è tornato da Milano giustamente indignato per avere accertato, de visu, la sostanziale inutilità della partecipazione siciliana a quella Bit. Avrà egli constatato l'inconsistenza organizzativa e propositiva dell'offerta turistica siciliana, lo scarso interesse suscitato nella stampa specializzata e no, l'enorme scarto esistente fra spesa effettuata e ritorno economico.
Anche quest'anno si è ripetuto, cioè, un rituale cialtronesco che spreca il denaro pubblico non per promuovere l'immagine turistica della Sicilia, ma quella più improbabile di frotte di assessori, parlamentari, presidenti di provincia, consiglieri, funzionari e sculettanti segretarie".
Forse, molti non codivideranno questa visione. Credo sia utile sperimentare nuove fomule che, quantomeno, hanno il pregio di spendere i nostri soldi nella nostra Sicilia.
Ai gentili lettori locali suggerisco leggere il mio post datato 02.03.2010 intitolato: "Oliveri presente alla Bit di Milano".-
Antonio Amodeo

giovedì 20 gennaio 2011

BANDO DA 125 MILIONI PER RICETTIVITA' ALBERGHIERA IN SICILIA

Sarà prossimamente pubblicato il bando su la linea d'intervento "offerta turistico-alberghiera del PO Fesr 2007-2013".

Per la ricettività alberghiera in Sicilia sono stati destinati 125.057.310,00.

Possono beneficiare delle agevolazioni le micro, piccole e medie imprese che intendono investire in Sicilia. Sono ammesse a finanziamento le seguenti tipologie di attività:

- avviamento di nuova attività ricettiva;

- ampliamento, riattivazione e riqualificazione di una struttura esistente;

- avvio di nuove attività complementari ad una struttura esistente.

Le attività ricettive ammesse sono le seguenti:

alberghi, motels, villaggi albergo, residenze turistico alberghiere, campeggi, villaggi turistici, esercizi di affittacamere, case ed appartamenti per vacanze, case per ferie, ostelli per la gioventù, rifugi alpini, aziende turistico residenziali, turismo rurale.

La misura del contributo è la seguente:

- per le micro-piccole imprese, pari al 50 per cento dell'importo delle spese ammissibili dei progetti presentati.

- per le medie imprese, pari al 40 per cento dell'importo delle spese ammissibili dei progetti presentati.

La domanda di partecipazione al bando dovrà essere presentata dai titolari delle imprese turistiche entro:



120 GIORNI DALLA PUBBLICAZIONE NELLA GAZZETTA UFFICIALE della Regione Siciliana.-



Antonio Amodeo

mercoledì 19 gennaio 2011

PENDOLARI: RICHIESTE RITENUTE AMMISSIBILI DA TRENTALIA

Il Presidente Comitato Pendolari Sicilia-Patto Pendolari Italiani, Giacomo Fazio, ha diffuso l'elenco delle richieste ritenute ammissibili da Trenitalia.
Tale elenco si riferisce alle richieste avanzate dai vari comitati Pendolari nella riunione congiunta tenutasi presso l'assessorato regionale alla Mobilità in data 10.12.2010.

RELATIVAMENTE ALLA RICHIESTA DI INTENSIFICAZIONE DELLE CORSE SULLA LINEA LENTA PATTI - OLIVERI - FALCONE - FURNARI - BARCELLONA

fermo restando che ciò comporterebbe un aggravio degli oneri di produzione, al momento non coperti, a causa della maggiore lunghezza del percorso, la richiesta, comunque, potrà essere presa in considerazione nell'ambito di uno studio di progetto d'orario integrato, da attuarsi d'intesa con gli amministratori locali interessati, che consideri, rispetto alla situazione attuale, secondo una logica di complementarietà funzionale, il ruolo del vettore ferroviario e quello su strada, in modo da evitare duplicazioni di corse, e garentire un riempimento accettabile dei treni.-
_______________________________________

In termini più chiari e precisi, oggi abbiamo, su questa linea, autobus e treni regionali - pagati dal medesimo Ente Pubblico coi nostri soldi - che VERGOGNOSAMENTE VIAGGIANO VUOTI.

QUESTO E' UN LUSSO CHE LE NOSTRE TASCHE NON POSSONO CONSENTIRE.

PERCHE' SONO GIA' VUOTE DI SOLDI. MA SI STANNO RIEMPENDO D'ARIA!.

ATTENTI A NON FARCELE SCOPPIARE!.

I nostri Politici TUTTI - a qualunque livello - non possono permettersi di SPERPERARE il nostro denaro.

DEVONO AL PIU PRESTO VALUTARE QUALE SIA IL MEZZO DI TRASPORTO PIU' ECONOMICO E PIU' UTILE DA FINANZIARE COL DENARO PUBBLICO, ossia NOSTRO.

Non possiamo consentire che ancora oggi vengano spesi su questa linea svariati milioni di euro per una struttura che non viene utilizzata.

CHI SI DEVE SVEGLIARE SI SVEGLI. NON E' PIU' TEMPO DI SONNECCHIARE!

IL DENARO PUBBLICO E' NOSTRO. NON E' DEI POLITICI.

CHI VUOLE SPERPERARE SPERPERI PURE! MA COL PROPRIO DENARO, NON COL NOSTRO.

Cari pendolari, studenti e lavoratori, vigilate attentamente. I nostri Politici sono in tutt'altre faccende affaccendati. Dei nostri problemi gliene frega un .... TUBO!.-

Antonio Amodeo

COMMENTO ANONIMO DEL 18.01.11 ORE 22.53

Un anonimo commentatore afferma che le somme previste per la pulitura della saia Castello e del torrente Elicona non sono state sufficienti all'esecuzione dei lavori.
L'Ufficio tecnico - afferma l'anonimo - "ha chiesto e dato una integrazione una tantum.........".-
Ciò premesso, conclude: "A chi di competenza si demanda il controllo".
_______________________________________

Desidero notificare al cortese anonimo, autore del commento, che questo blog non è autorizzato ad esercitare controlli sugli atti del Comune di Oliveri.
Nè ritengo possa assumere la funzione di portavoce. Già ne abbiamo a iosa!. .................. a pagamento e gratis.
Il mezzo più corretto per ottenere i dovuti chiarimenti sarebbe quello di rivolgersi direttamente, col mezzo più opportuno, all'Ufficio Relazioni col Pubblico del comune di Oliveri, o all'assessore competente, o al Sindaco.
Tuttavia, siccome trattasi di argomento che riguarda un interesse generale della collettività desiderosa di avere chiarimenti su una notizia diffusa - oltre che su questo blog - anche sulla pubblica piazza, ritengo che i nostri amministratori avranno la sensibilità di accertare e comunicare pubblicamente l'esito delle indagini svolte.
Spero che non si voglia preferire la solita generica minaccia di querela che non servirebbe a chiarire alcunchè. Nè tornerebbe utile ad alcuno. E' utile per tutti eliminare i sospetti.-
Antonio Amodeo

COMUNE OLIVERI - PROROGA SERVIZIO SOSTITUTIVO MENSA PER I DIPENDENTI

Al fine di garantire la fruizione del diritto al servizio sostitutivo della mensa, per l'anno 2011, ai dipendenti comunali che effettuano il rientro pomeridiano nei giorni previsti dal vigente orario di lavoro, l'Amministrazione comunale INVITA tutti gli operatori commerciali del settore alimentare interessati a fare richiesta per la stipula di apposita convenzione che consenta l'accettazione dei buoni pasto nei loro esercizi.

LA RICHIESTA DEV'ESSERE PRESENTATA ENTRO IL 01 Febbraio 2011.

Come precisato dal relativo BANDO-AVVISO, possono presentare la richiesta di adesione i titolari di bar, ristoranti, paninoteche, pizzerie, rosticcerie, trattorie, etc.-

Antonio Amodeo

martedì 18 gennaio 2011

RISERVE: TASSELLI DI RILANCIO TURISTICO

Alle ore 15,23 l'Ufficio Stampa Presidenza della Regione Siciliana ha pubblicato il seguente comunicato:

TRAPANI, 18 gennaio 2011 (SICILIAE)

"Le riserve sono uno dei tasselli centrali del rilancio anche turistico di un territorio, che vanno quindi tutelate ma anche valorizzate. Abbiamo sanato la ferita nel bilancio regionale, riportando lo stanziamento per il 2011 a quello erogato nel 2009, prima dei tagli. Gli enti gestori si devono rendere conto però che deve essere instaurato un nuovo regime economico, che prevede per le riserve anche diverse forme di cofinanziamento, o attraverso servizi ai visitatori".
Lo ha detto l'Assessore regionale al Territorio e Ambiente, Gianmaria Sparma, nel corso della visita effettuata alla Riserva delle Saline di Trapani e Paceco.-
__________________________________________

Le dichiarazioni dell'assessore Sparma contengono due innovative concezioni:

1) - Tutelare ma anche VALORIZZARE le riserve, ai fini turistici.

2) - INSTAURARE UN NUOVO REGIME ECONOMICO. O mediante diverse forme di COFINANZIAMENTO, o attraverso SERVIZI AI VISITATORI.

Sicuramente, il cofinanziamento non può interessare ad alcun Ente.

L'istituzione di SERVIZI AI VISITATORI - ovviamente a pagamento - scatena interessi malcelati.

Forse è questo il motivo per cui il nostro Sindaco si accanisce a rivendicare la gestione della riserva orientata "Marinello".
Egli, precedentemante, ha dichiarato: "Se ci daranno la gestione dimostreremo quello che sapremo fare"!. Era un plurale "Maiestatis"?.
Certamente egli - da bravo "BUSINISMAN" - sa benissimo cosa si può fare.
Ha tutto stampato nel suo grande cervello elettronico.
Vorrebbe anche informarci dei suoi piani per convincerci che è conveniente lottare per ottenere la gestione.
Ma non ce li può rivelare perchè altri concorrenti gli ruberebbero le sue idee.
Ed onestamente non è giusto che ciò avvenga.
Pertanto attendiamo speranzosi la pubblicazione dell'intervista rilasciata Domenica scorsa ad "Onda Tv", che andrà in onda alle ore 21,00 di giovedì p.v.-
Ascolteremo con interesse per capire se ci aprirà un qualche spiraglio di speranza al fine di intuire il suo strategico programma.-
Antonio Amodeo

COMUNE OLIVERI: NOMINA DI 2 DIRETTORI DI CANTIERE

Il comune di Oliveri deve nominare due Direttori dei lavori relativi a due cantieri di lavoro per disoccupati finanziati dalla Regione Siciliana.

Gli aspiranti all'incarico devono inviare la manifestazione di interesse, a mezzo raccomandata postale A.R. o presentata a mano, entro le ore 13,00 del giorno
31 GENNAIO 2011, al Comune di Oliveri.

Possono aspirare all'incarico esclusivamente tecnici liberi da rapporti di lavoro subordinato.

Essi devono risultare iscritti all'Albo dei direttori presso i SERVIZI UFFICI PROVINCIALI DEL LAVORO competenti per territorio.

I candidati possono segnalare eventuali esperienze lavorative in precedenti cantieri di lavoro ed ogni altro requisito utile ai fini del conferimento dell'incarico.-

Antonio Amodeo

lunedì 17 gennaio 2011

EXPO OLIVERI: COMMENTO ANONIMO DEL 16.01.11 ORE 19.24

Testo del commento:

"Gentile Amodeo non capisco: lei dice che si dibatte prematuramente sul tipo di gestione Fiera. Ma non ha proposto lei, aprendo l'argomento, che lo deve gestire il Comune?? Poi .. cerca di capire come è stata gestita in passato, NOI LE SPIEGHIAMO COME E' STATA GESTITA E LEI.. COME AL SOLITO.. QUANDO LE TOCCANO L'AMATO........... FA MARCIA INDIETRO COME SE VIVESSE A CANICATTI'-- ALLORA RIBADIAMO: SI E' ARRIVATI ALLA CIFRA DI 18.000 EURO PERCHE' LO HANNO VOLUTO ALESSANDRO ED I SUOI AMICI, ALTRIMENTI ANCORA SI INCASSEREBBE CIFRE IRRISORIE... DETTO QUESTO CONCORDO CHE LA DEBBA GESTIRE IL COMUNE.....IL PASSATO SPESSO LO RIVANGA LEI... E COSI' FACENDO DIMOSTRA CHE ANCORA LO CONDIZIONA MOLTISSIMO".-
________________________________________________

Gentile anonimo,
Non capisco perchè lei non riesca a capire concetti elementari espressi in lingua italiana. Sia pure con qualche imperfezione, è sempre lingua italiana.
Lei è straniero? Non sa leggere l'italiano? O non lo sa capire?.
Mi sforzo di rappresentarle quanto segue:

1) Confermo: ho espresso la mia opinione favorevole alla gestione diretta.

2) In relazione ai commenti ricevuti, ho considerato che sia necessario definire prima il luogo dove ospitare l'expo perchè da esso dipende il tipo di attrezzatura occorrente per la gestione. Solo dopo, ritengo, si possa valutare quale tipo di gestione sia più opportuna e conveniente.

3) Non le ho chiesto di spiegarmi come è stata gestita l'expo in passato.

4) Lei ci ha chiarito che per merito del Presidente Alessandro, che chiedeva il compenso di 21.000 euro, si è arrivati a 18.000 perchè un tizio ha fatto molto casino. Io mi son chiesto come e perchè quel tizio - da solo - abbia potuto imporre la propria volontà a TUTTI gli altri. E lei, senza darmi alcuna spiegazine in merito, mi ripete lo stesso ritornello: gli ALTRI si sono immolati per far ottenere al Comune 18.000 euro. SAREMO ETERNAMENTE GRATI.

5) E' immotivata ed inopportuna la sua affermazione relativa alla mia marcia indietro quando mi "toccano l'amato"......... .-

In merito desidero notificarle:

a) Utilizzo la marcia "indietro" solo quando guido l'auto.
b) Non l'ho mai utilizzata in altre circostanze.
d) Non ho mai amato un burocrate di sesso maschile.
e) Le mie attenzioni sono tutte rivolte al sesso femminile.
f) Non ho mai avuto la necessità, nè la convenienza, nè la volontà di instaurare alcun tipo di compromesso con il burocrate da lei citato.
g) Lei può affermare che molti altri non abbiano avuto motivi per patteggiare?.
h) Se è vero che quel burocrate riesce ad imporre la propria volontà, è censurabile.
i) Non è ammissibile che l'imposizione venga accettata e tollerata da chi la subisce passivamente senza adottare opportuni provvedimenti.
l) In altri tempi quel burocrate non ha potuto esercitare alcuna "prepotenza" perchè gli veniva impedito da chi aveva la CAPACITA' e l'AUTORITA' di fargli rispettare il competente ruolo istituzionale senza sconfinamenti o invasioni arbitrarie.
m) La Pubblica Amministrazione - se vuole usarli - ha gli strumenti legali idonei a rendere innocui i burocrati prepotenti. Ma deve avere la necessaria AUTONOMIA e CAPACITA' di gestione.
n) Ho sempre vangato e rivangato il mio orticello.
o) Non ho mai subito condizionamenti perchè ho preferito vivere di onesto lavoro.

6) Non credo che alle mie deduzioni ed osservazioni si possa correttamente attribuire un signaficato diverso da quello effettivamente espresso.

Coclusivamente, ritengo di potere affermare che lei si è convinto di essere l'unico ed infallibile detentore della verità.
Mi permetta suggerirle di esaminare obiettivamente anche l'altrui opinione.-

Antonio Amodeo

domenica 16 gennaio 2011

"IN CAMMINO" DI GENNAIO 2011: NOTIZIE SU OLIVERI

Il periodico, già in edicola, pubblica importanti notizie. Da segnalare:

- Finanziamento di due cantieri di lavoro.

- Versione invernale della tradizionale colonia.

- Eventi del programma natalizio.

- Oliveri cambia volto.

- Progetto nonno amico.-

Antonio Amodeo

sabato 15 gennaio 2011

EXPO OLIVERI: COMMENTI

Alle ore 23.29 di ieri è stato postato un commento anonimo non pubblicabile integralmente perchè diffamatorio nei confronti di persone individuabili.
L'anonimo che, apparentemente, manifesta obiettività e mi chiede di dire qualcosa, finge di non capire che i fatti da lui riferiti anonimamente non possono essere integralmente pubblicati perchè la pubblicazione costituirebbe reato.
Pertanto, PER L'ULTIMA VOLTA, prego i gentili commentatori di astenersi dal postare commenti anonimi diffamatori.
Al fine di trarre utile contributo per l'argomento in discussione, pubblico stralci del commento con le dovute omissioni:

"Il consiglio comunale con presidente l'Ing. Alessandro ha dato un segno tangibile di preparazione e di come si amministra la cosa pubblica .... purtroppo il solito prepotente, .............. lo ha portato al collasso e senza alcuna programmazione, per incapacità e/o invidia, lui, infatti, odia i cittadini di Oliveri. (per essere chiaro sto parlando ...........................................).
Tutto ciò è successo perchè il buon ........ non ha avuto....... e personalità.
Comunque mi son fatto una ragione e mi do una spiegazione: in questo paese le persone che utilizzano il proprio cervello non vanno bene, teste di ........... ci volunu, tipu ........ . ed anche tipi che fumano ..........!!!!! I nostri figli si vergognano, come possiamo giustificarci????? Sig. Amodeo dica qualcosa!!!!!.-
_____________________________________________

Caro anonimo,
Io non posso dirle nulla. Non so come si può spiegare ai propri figli di non vergognarsi per colpe che non hanno e che, probabilmente, non hanno i genitori.

Lei può rivolgersi a mia moglie. ESSA PUO' SPIEGARLE COME HA POTUTO CONVINCERE I MIEI TRE FIGLI - ancora adolescenti - A NON VERGOGNARSI DEL PROPRIO PADRE ALLORQUANDO I SUOI MIGLIORI AMICI LO ACCUSARONO INGIUSTAMENTE DI AVERE COMMESSO GRAVISSIMI REATI. Questa è l'unica cosa che posso dirle.

MA VORREI ANCHE DIRLE CHE TUTTO CIO' NON RIGUARDA IL DIBATTITO IN CORSO.

Tornando al tema principale, dai commenti ricevuti (pubblicati e non) desumo:

1) - Che vengono sempre richiamate vicende passate da archiviare.

2) - Che dagli errori passati non abbiamo imparato alcunchè.

3) - Che si dibatte prematuramente sul tipo di gestione dell'expo.

4) - Che si continua ad evidenziare i meriti di alcuni ed i demeriti di altri.

5) - Che si continua ad attribuire ogni responsabilità del disastro amministrativo al "solito prepotente".

OSSERVO:

- Tutti i Cittadini siamo responsabili della disastrosa situazione politico-amministrativa esistente ad Oliveri.

- E' prioritario definire l'ubicazine dell'expo: area mercato o campo sportivo?.

- Il tipo di gestione è correlato alla scelta dell'area.

- E' pretestuoso e disonorevole - per tutta la cittadinanza - attribuire al "solito prepotente" tutta la responsabilità della disamministrazione passata e presente.-

Antonio Amodeo

LAVORO: CROLLA ASSENTEISMO, ECORIGEN RESTA A GELA E ASSUME

Alle ore 11.38 il sito Internet dell'Agenzia ANSA Sicilia ha pubblicato la seguente notizia:

SOCIETA' ITALO FRANCESE DECIDE DI NON TRASFERIRE PRODUZIONE.

(ANSA) - GELA (CALTANISSETTA), 15 GEN - Positivi segnali di ripresa si registrano nella difficile realtà industriale di Gela. Una società italo-francese, la Ecorigen, con 44 dipendenti, spacializzata nella rigenerazione di catalizzatori, grazie anche a un crollo dell'assenteismo passato dal 30% a meno del 5%, è tornata ad assumere personale (due ingegneri chimici) dopo avere superato una grave crisi economica ed organizzativa che stava per indurre i proprietari a trasferire la produzione in Germania o in Olanda. (ANSA).
___________________________________________

Lavoratori ed Imprenditori cominciano a rinsavire? Forse.-
Antonio Amodeo

venerdì 14 gennaio 2011

EXPO OLIVERI: COMMENTO ANONIMO

Alle ore 15.48 di ieri, un anonimo ha postato il seguente commento:

"La fiera ha un volume di affari di circa 100.000 (si CENTOMILA EURO) AVETE CAPITO BENE. Anche i 18.000 sono molto pochi se paragonati al volume di affari.
Il Presidente del consiglio Alessandro voleva si pagasse allora 21.000 euro ... poi il solito ...... sempre lui ...... ha fatto casino, molto casino .... Come mai?? ed alla fine si è scesi a 18.000.
La cosa giusta sarebbe che chi vuole fare la Fiera ad Oliveri deve dare il 50% degli utili al Comune. Comune inteso come Comune però!!! E tutto deve essere fatto alla luce del sole, magari rendendo pubblici tutti i bilanci relativi ad essa ... indicando dettagliatamente le spese ed eventuali ditte che hanno beneficiato di pagamenti a qualsiasi titolo.... Lancio questa sfida alla maggioranza ...vogliamo nomi e cognomi di quanti lavorano e quanto percepiscono, di chi fornisce servizi a vario titolo e quanto guadagnano da detti servizi così vediamo se le spese sono congrue e soprattutto a chi fanno riferimento questi cosidetti fornitori di beni e servizi!!!".-
_________________________________________________

Non sono affatto interessato a sapere se nell'amministrazione comunale di Oliveri c'è un tale che fa sempre "casino" .... molto casino. Nè m'interessa sapere "come mai??". M'interessa piuttosto sapere COME MAI gli altri hanno accettato questa imposizione dal solito "casinaro". COME MAI questo "SOLITO", da solo, riesce ad imporre la propria volontà ai "TANTI" altri.
MA SAREBBE COME CERCARE UN AGO IN UN PAGLIAIO ! Nè possiamo pretendere tale chiarimento da un anonimo, bene informato?. Perciò, rinunciamo volentieri.
La sfida lanciata dall'anonimo alla maggioranza, a mio giudizio, costituisce - se accettata - un'ancora di salvezza.
Perchè - per dirla alla "Cannistraci" la Ditta disposta a dare al Comune "COMUNE" il 50% degli "UTILI" riuscirebbe agevolmente a dimostrare che, "fra spisi di carrozza e trenu" ha un passivo di oltre 50.000 euro.
Per cui, il Comune potrebbe incassare circa 25.000 euro (100.000 - 50.000 : 2).
Poco più dei 18.000 che incassa oggi e dei 21.000 chiesti dal Presidente Alessandro.
Ma in virtù dei lacci e laccioli, giustamente posti dallo sfidante, nessuno accetterebbe tale proposta. Perchè nessuno vuole esporre "alla luce del sole" le proprie "parti intime".
Motivo per cui, imperterrito e convinto, continuo a sostenere la GESTIONE DIRETTA da parte del Comune il quale ha la CONVENIENZA e la CAPACITA' di attivare tale tipo di gestione.
Ogni argomentazione contraria è pretestuosa e sospetta.
Il Presidente del Consiglio Comunale ha il dovere MORALE, POLITICO e GIURIDICO di porre in discussione l'argomento alla prossima riunione del civico Consesso.
I Cittadini hanno il DIRITTO-DOVERE di vigilare su questo delicato argomento che riguarda vitali interessi di ciascuno.
Qualora il Presidente non provvedesse ad iscrivere l'argomento nel prossimo ordine del giorno da sottoporre al Consiglio Comunale, potrebbe provvedere il medesimo Consiglio ricorrendo all'autoconvocazione prevista dal vigente Ordinamento.
Contrariamente, saremmo costretti ricorrere al referendum.
Spero che la sensibilità del Presidente scongiurerà il ricorso a questa estrema forma di democratica consultazione popolare.-
Antonio Amodeo

SVILUPPO: VENTURI, CRESCITA IMPRESE PASSA DA INFRASTRUTTURE

Alle ore 13.00 l'Ufficio Stampa Presidenza della Regione Siciliana ha pubblicato il seguente comunicato:

PALERMO, 14 gen 2011 (SICILIAE)

Lo sviluppo e la crescita imprenditoriale della Sicilia passa dagli investimenti per le infrastrutture.
In particolare per l'assessore regionale alle attività Produttive "Fondamentali e strategiche sono: il completamento dell'anello regionale della rete elettrica; realizzazione di una rete ferroviaria di media capacità; collegamenti autostradali tra tutti i 9 capoluoghi; interportualità".
Ma la crescita del tessuto produttivo passa anche dalle scelte strategiche che la Regione farà pure in altri settori: "Ritengo essenziale - afferma Venturi - anche puntare sul riammodernamento della rete di strade interprovinciali che hanno un ruolo fondamentale per il commercio e il trasporto dei prodotti delle nostre piccole e medie imprese, il vero cuore pulsante dell'economia siciliana.
Grazie a questa rete è possibile interconnettere le piccole imprese di ogni paesino al mercato globale.
Purtroppo, bisogna anche dire che lo stato di degrado in cui versano rende spesso problematico il trasporto.
Credo che realizzando un piano di riammodernamento della rete delle strade interprovinciali si avrebbe un duplice beneficio: strade moderne, più sicure da un lato e certamente si attiverebbe il volano del lavoro alle piccole e medie imprese che si occupano del settore della manutenzione stradale".-
_____________________________________

La diagnosi dell'assessore Venturi è pienamente condivisibile. Meno accettabile la terapia.
Il piano di riammodernamento della rete stradale proposto, presuppone l'investimento di ingenti risorse finanziarie. Risorse oggi non disponibili perchè la Pubblica Amministrazione è costretta ad impegnare una marea di soldi per pagare un apparato politico, amministrativo e burocratico parassitario ed improduttivo.
Se la Politica si decidesse a ridurre tali spese - iniziando dalla Regione Siciliana - e trasferisse maggiori risorse dal settore parassitario a quello produttivo, si potrebbe realizzare il piano proposto dall'assessore Venturi con grande beneficio per tutta la collettività.
Ma una tale provvidenziale scelta, presuppone una grande rivoluzione culturale e la consapevolezza di tutti i ceti sociali:
LA DISPONIBILITA' AD ACCETTARE QUALUNQUE TIPO DI LAVORO GIUSTAMENTE ED ADEGUATAMENTE RETRIBUITO. INDIPENDENTEMENTE DAL TITOLO DI STUDIO (MERITATAMENTE ?) POSSEDUTO.
Non dovrebbero esistere lavori di serie A e lavori di serie B o inferiore.
OGNI TIPO DI LAVORO E' UTILE E NECESSARIO PER I NOSTRI BISOGNI.
Ogni discriminazione va abolita. Specie nell'attuale congiuntura sfavorevole che ci vieta di esrcitare preferenze impossibili.-
Antonio Amodeo

giovedì 13 gennaio 2011

IL PONTE SULLO STRETTO DI MESSINA

Stampa e Televisione hanno diffuso oggi la notizia, riportata dal sito di Assange, secondo la quale, per taluni diplomatici americani, "la mafia potrebbe essere tra i principali beneficiari della costruzione del ponte sullo stretto di Messina, che comunque servirà a poco senza massicci investimenti in strade e ferrovie in Sicilia e Calabria".
E' come dire che i diplomatici statunitensi hanno scoperto l'ACQUA CALDA !.
Non sono il primo, nè sarò l'ultimo, siciliano che ha piena consapevolezza di tutti gli affari attualmente gestiti dalla malavita organizzata in genere.
Le cronache quotidiane c'informano di reati commessi giornalmente da malavitosi ed anche da persone apparentemente insospettabili. Talvolta anche da infedeli servitori dello Stato.
Ma questo non è un valido motivo per rinunciare alla realizzazione di una struttura molto necessaria per lo sviluppo economico e sociale del meridione in genere e, particolarmente, della nostra Sicilia.
Abbiamo pure piena consapevolezza del motivo per cui la costruzione del ponte viene avversata dagli oppositori. Quel motivo non è mafia. E' un'altra cosa.
Ma non possiamo, nè dobbiamo, condividere tale motivazione.
Molto ingenua - per non dire infantile - è la considerazione che il ponte "servirà a poco senza massicci investimenti in strade e ferrovie in Sicilia e Calabria.
LO AVEVAMO CAPITO DA SOLI. SENZA L'AUTOREVOLE SUGGERIMENTO DELLA DIPLOMAZIA AMERICANA !.
E', invece, opportuno considerare che sarà uno stimolo, ANZI UNA NECESSITA', per i Sigg. POLITICI TUTTI attivarsi per realizzare quelle infrastrutture se non vogliono vanificare la funzione del ponte. Che effettivamente risulterebbe inutile senza la realizzazione di strade e ferrovie in Sicilia e Calabria.
Occorre minimamente una dozzina di anni per costruire il ponte sullo stretto.
In dodici anni - SE C'E' VOLONTA' POLITICA - possono essere costruite tutte le strade e linee ferroviarie necessarie per rendere funzionale il ponte sullo stretto.
Per quanto riguarda la paventata infiltrazione mafiosa, desidero riportare l'autorevole dichiarazione del Presidente Raffaele Lombardo:
"Va ricordato come parecchie inchieste dell'Autorità giudiziaria abbiano già svelato questi tentativi della criminalità organizzata. Ma questo non è un buon motivo per abdicare.
Sarebbe umiliante immaginare che la forza e l'autorevolezza delle istituzioni non siano in grado di contrastare la mafia. Sarà nostro dovere vigilare, e non solo per quella grande opera.
Il lavoro del governo regionale, nei fatti, va proprio in questa direzione, perchè la mafia si combatte non soltanto con l'eccezionale quotidiano sforzo di magistrati e forze dell'ordine che frutta sempre nuovi successi investigativi, ma anche affermando, con atti e comportamenti esemplari e trasparenti, il rispetto delle leggi e delle istituzioni.
Quello che che stiamo facendo in Sicilia, nella sanità e nel ciclo dei rifiuti, dimostra che è possibile dire no alle infiltrazioni e agli interessi illegittimi".-
Antonio Amodeo

COMUNE CATANIA: INCHIESTA SUL PERSONALE, LOMBARDO TRA INDAGATI

Alle ore 20.52 di ieri, il sito Internet dell'Agenzia ANSA ha pubblicato la seguente notizia:

AVVISI DI GARANZIA A 39 ASSESSORI DI NOVE GIUNTE E DUE SINDACI

(ANSA) - CATANIA, 12 GEN - Sei dirigenti comunali, 39 assessori di sette giunte del centrodestra dell'ex sindaco Umberto Scapagnini, attuale parlamentare nazionale del Pdl, e una, non più in carica, del senatore Raffaele Stancanelli.
Sono i 47 indagati per abuso d'ufficio nell'inchiesta avviata dalla Procura sulla gestione del personale al Comune di Catania, tra i quali figura anche l'attuale presidente della Regione Siciliana, Raffaele Lombardo, in relazione al periodo in cui rivestiva la carica di vice sindaco di Catania. (ANSA).
______________________________________

Gli amministratori di Oliveri, fortunatamente, non corrono simili rischi.
Il Sindaco ha provveduto a piazzare la porta trasparente dotata di un economico maniglione antipanico postumo.-
Antonio Amodeo

martedì 11 gennaio 2011

COMMENTO ANONIMO DELLE ORE 21.51

Sig. Amodeo, Campo sportivo comunale: le sembra corretto che i cittadini debbono pagare la luce dei riflettori per il Topone di patti, tale ......... , che ha in uso la struttura sportiva a gratis come del resto il sig ...........,,,,, che si fa pagare trenta euro per ogni bambino? ........ che c'è sotto ..........
a solita ............ . Purtroppo hanno costretto di pagare questo loro sperpero anche ai nostri pensionati. Mi chiedo altresì può mai amministrare bene un assessore che è accusato di .............
______________________________________

Sono costretto, mio malgrado, a moderare i commenti anonimi per non incorrere in responsabilità penali personali quale amministratore unico di questo blog.
Spesso anch'io non ricesco a contenere il mio istinto di ribellione contro talune palesi forme di prepotenza esercitata, impunita, quotidianamente da talune ben individuate autorità.
Però. io firmo e rischio in proprio. Non trovo corretto denunciare anonimamente generiche accuse non accertabili dalla pubblica opinione.
Nel caso in esame, non so - dovrei accertarlo - se le persone segnalate sono autorizzate all'uso gratuito del campo sportivo. Non so a quale titolo vengono pagati trenta euro per ogni bambino.
E' compito delle Autorità competenti accertare e perseguire eventuali violazioni di legge.
Genericamente posso affermare, senza timore di essere smentito, che questa GIOVANE E INNOVATIVA amministrazione comunale ha dato AMPIA prova di non sapere amministrare.
Ovvero sa amministrare bene a modo suo. Secondo regole molto partigiane, create su misura.
Dovrebbe esistere un regolamento che disciplina l'uso del campo sportivo.
Un tempo veniva consideraro un servizio pubblico a domanda individuale. Come tale bisognava regolamentare la riscossione della relativa tariffa. Ed era possibile prevedere delle esenzioni.
Oggi, forse, questo servizio è denominato: "ARRANGIATEVI", alias: si arrangi chi può.
La giovane amministrazione, a prevalente colore rosa, si occupa di importantissimi argomenti che noi "matusa" non comprendiamo. Forse perchè colpiti da senilità precoce.
Gareggiano fra loro per dimostrare chi è più bravo a confezionare o modificare regolamenti inutili per la collettività. O solo utili per una ristretta utenza.
Le emergenze e le vere esigenze vengono rinviate sine die.
In tale situazione, è perfettamente inutile denunciare anonimamente.
L'avversario si deve affrontare a viso aperto. O si sopporta.
Ricordo a me stesso l'ammonimento di un saggio anziano il quale ripeteva:
"Ricordati che la vipera va colpita alla testa. Se puoi tagliarle la testa, affrontala. Non ti azzardare a pestarle la coda perchè essa si gira, ti morde e ti avvelena".
Prendiamone atto e meditiamo.Tutti. Soprattutto chi può.-
Antonio Amodeo

OLIVERI EXPO 2011

Dall'elenco delle delibere di Giunta pubblicato sul sito ufficiale del comune di Oliveri:

N° 173 del 17.12.10 - OGGETTO: Expo 2011
ESTRATTO: Conferma alla Società Eurofiere dell'autorizzazione ad utilizzare il campo sportivo comunale, i relativi servizi igienici e l'utilizzazione dell'acqua, fruendo dei fari per l'illuminazione a giorno, durante tutto il periodo dello svolgimento della manifestazione di cui all'oggetto.
Approvazione delle condizioni che la Società è tenuta a rispettare.

Malgrado i numerosi inconvenienti verificatesi negli anni precedenti e le reciproche critiche degli opposti schieramenti amministrativi, l'attuale giunta persevera nell'adottare un provvedimento inopportuno, illogico ed antieconomico.
Il comune di Oliveri è dotato di un'area attrezzata appositamente costruita per il MERCATO.
E' dotata di un ampio parcheggio, di acqua, servizi igienici, illuminazione e tutto il necessario per l'uso appropriato del mercato ed anche dell'expo. E' costata un mare di soldi. Il mercato oggi è abbandonato. Viene, saltuariamente, utilizzato per usi impropri. E' totalmente incustodito.
POTREBBE, ANZI, DOVREBBE ESSERE UTILIZZATO PER L'USO CUI E' DESTINATO.
Non vi è un solo motivo che possa giustificare la preferenza per l'utilizzazione del campo sportivo.
Indipendentemente dalle due specifiche destinazioni, occorre considerare l'enorme intralcio alla circolazione stradale causata dall'ingiustificata utilizzazione del campo sportivo.
Che dovrebbe, invece, essere utilizzato per tutte quelle manifestazioni estive congeniali con la destinazione del sito.
Se l'amministrazione comunale avesse avuto maggiore consapevolezza del suo ruolo, avrebbe dovuto tempestivamente organizzare la gestione diretta di una esposizione permanente, quantitativamente e qualitativamente, di gran lunga superiore di quella offerta da Eurofiere.
Alcuni attuali ammininistratori, negli anni scorsi, nella qualità di oppositori o di semplici cittadini,
criticavano la scelta degli amministratori in carica per gli evidentissimi disagi causati ai cittadini ed ai turisti che ci onorano della loro presenza durante l'estate.
Ed affermavano chiaramente che sarebbe stato opportuno ospitare l'expo nell'area del mercato che possiede tutti i requisiti per essere destinata a tale uso.
Qualcuno si spingeva ad ipotizzare indefiniti interessi personali di qualche personaggio locale.
Viva la coerenza!!! Critichiamo tanto per criticare ? O la bramosia del potere ci induce a modificare disinvoltamente le nostre opinioni? Dovremmo essere un tantino più corretti.
Specie quando pretendiamo di essere più bravi e più onesti degli altri!.
La struttura del mercato esistente consente di realizzare, con opportuni adattamenti e modica spesa, circa 50 stands. Raddoppiabili con l'acquisto di nuove strutture.
Abbiamo amministratori comunali espertissimi managers.
Come mai non sanno bene valutare le possibilità che offrono i nostri beni comunali?.
O, quantomeno, sanno valutare le meno convenienti per la collettività?.
Se questi beni fossero stati di loro proprietà, li avrebbero amministrati allo stesso modo?.
Su queste domande i Cittadini di Oliveri devono MOLTO RIFLETTERE.-
Antonio Amodeo

lunedì 10 gennaio 2011

EDILIZIA: ASSESSORE P. C. RUSSO INCONTRA ORGANIZZAZIONI CATEGORIA

Alle ore 20.30 l'Ufficio Stampa Presidenza della Regione Siciliana ha pubblicato il seguente comunicato:

PALERMO, 10 gennaio 2011

L'assessore regionale per le Infrastrutture e la mobilità, Pier Carmelo Russo, ha incontrato le organizzazioni di categoria, imprenditoriali, sindacali e professionali in materia di lavori pubblici, nonchè Anci ed Urps, per affrontare i problemi connessi agli appalti ed ai meccanismi di aggiudicazione delle opere.
Nel corso dell'incontro è stata presentata una prima bozza di documento che, nel rispetto dei principi già affermati dalla Corte Costituzionale in tema di appalti pubblici, indirizzi la Pubblica Amministrazione in Sicilia verso modalità di affidamento che garantiscano il più possibile dai rischi di infiltrazione mafiosa, riducendo, ove possibile, il ricorso al sistema del massimo ribasso.
Le associazioni intervenute, acquisito il documento, si sono impegnate a partecipare al lavoro di perfezionamento della proposta.
Si è, inoltre, concordato l'avvio contestuale di un processo condiviso per la stesura di un idoneo disegno di legge.-
________________________________

Tutti gli amministratori locali onesti che hanno nella scatola cranica un po' di materia grigia si adoperino a suggerire i meccanismi ritenuti più idonei - dalla loro esperienza - a scongiurare la paventata infiltrazione mafiosa.
Il nostro sindaco - quale esperto imprenditore edile - può offrire un valido contributo alla stesura dell'idoneo disegno di legge in discussione.-
Antonio Amodeo

SINDACO ROMA FIRMA REVOCA GIUNTA

Alle ore 17.44 il sito Internet dell'Agenzia ANSA ha pubblicato la seguente notizia:

(ANSA) - ROMA, 10 GEN. - Il Sindaco di Roma ha revocato tutte le deleghe alla giunta capitolina e ai consiglieri. Ha quindi annunciato una nuova fase nel governo della città.
"Si è conclusa una prima fase del governo comunale, che ha ottenuto importanti risultati. Ora - prosegue il sindaco - è necessario che i nuovi poteri di Roma Capitale vengano calati sul territorio con grande attenzione alla qualità della vita dei cittadini e dei quartieri. Per questo è necessario avviare un cambiamento della giunta".-
________________________________

Il sindaco di Roma ha avuto un valido motivo per avviare un cambiamento della propria giunta "che ha ottenuto importanti risultati". Ossia l'esigenza di calare sul territorio i nuovi poteri attribuiti a Roma Capitale.
Il sindaco di Oliveri avrebbe validissimi motivi per cambiare la propria giunta CHE NON HA OTTENUTO ALCUN RISULTATO.
Primo tra tutti, l'inderogabile esigenza di attorniarsi di validi collaboratori capaci di supplire la propria incapacità a condurre una efficace azione amministrativa idonea a risolvere i più urgenti problemi dei cittadini di Oliveri.
Se poi ritenesse più utile tornare ad esercitare uno dei tanti mestieri che egli vanta di saper ben fare, sarebbe un grandissimo sollievo per se, per la sua famiglia e per tutta la comunità.-
Antonio Amodeo

QUALCUNO "PREDICA MALI E RUZZOLA ANCORA PEGGIU"

Questo è il titolo del manifesto pubblicato dai consiglieri del gruppo "Uniti per Oliveri".
Vi sono esposte molte delle accuse già rivolte all'attuale Amministrazione comunale anche dal sottoscritto nei numerosi post pubblicati su questo blog.
A beneficio dei lettori residenti altrove, pubblico un breve riassunto ed alcuni brani scelti.
Il gruppo di opposizione denuncia l'atteggiamento antidemocratico assunto dal Sindaco Pino non solo nei confronti dello stesso gruppo, ma anche nei confronti di singoli cittadini ritenuti dalla sua amministrazione avversari politici e, come tali, nemici da lottare e perseguire.
Ribadisce che nel proprio esposto (già pubblicato da questo blog) non vi è alcuna denigrazione nei confronti della comunità di Oliveri nè alcuna accusa di "mafia" nei confronti dell'amministrazione comunale. Forse, tale ingombrante vestito il Sindaco se lo sente addosso?.
Inoltre, il manifesto critica alcune scelte amministrative ritenute errate e critica alcune spese ritenute inutili e/o eccessive.
Alcuni brani:
- Il Sindaco vuole nascondere "la propria incapacità politica, inettitudine ed inefficienza!!!".
- Ha blindato la casa comunale trasformandola in abitazione privata.
- La nostra nota (leggasi denuncia) non contiene accuse infondate, ma riferisce di atteggiamenti e fatti, tutti circostanziati e documentalmente dimostrabili, allo scopo di ripristinare nel nostro comune i sacrosanti principi di democrazia e trasparenza, calpestati dall'attuale Sindaco, dal Sig. "CA' CUMANNU IO' !!!!".
- Il sindaco Pino da quando è in carica non ha fatto altro che sperperare denaro pubblico!!!.
- Noi vi invitiamo a rendicontare anche la vostra attività e le spese sostenute, a pubblicare gli elenchi relativi agli incarichi ai professionisti, agli affidamenti diretti di lavori, forniture e servizi, nonchè i contributi concessi alle varie associazioni!!!.
- Il gruppo di opposizione non ha mai screditato nè l'immagine di Oliveri, nè quella dei propri concittadini!.
- Il sindaco Pino piuttosto scredita la nostra Comunità ogno qualvolta in televisione e a mezzo stampa SPARA BACCALARATE come la famosa annessione dei laghetti di Marinello o del Pass!!! Come quando, nel famoso comizio di S. Rita, ha offeso tutti i Sindaci del passato, sotto lo sguardo compiaciuto della sua maggioranza, figli e nipoti compresi!!!!.

A TITOLO PERSONALE - QUALE EX SINDACO - VOGLIO EVIDENZIARE CHE DI QUESTA MAGGIORANZA (compiaciuta) FANNO PARTE L'ATTUALE PRESIDENTE DEL CONSIGLIO, DOTT. FRANCO PINO, MIO CONSIGLIERE COMUNALE, COLLABORATORE ED ESTIMATORE. IL CONSIGLIERE BERTINO GIACOMO, MIO ASSESSORE E CONVINTO SOSTENITORE. L'ATTUALE ASSESSORE FRANCA IARRERA, FIGLIA DELL'EX SINDACO GIOVANNI NONCHE' MIO AMICO ED ASSESSORE. Può la sola BRAMOSIA del POTERE arrivare a simili comportamenti ?
O prevalgono altri interessi personali?.

- Il gruppo di opposizione ha solo difeso la collettività, ha tutelato il diritto dell'informazione e la libertà di manifestazione del pensiero.
- Il gruppo di opposizione non taglia alberi, non elimina "viricelli", non mette i sigilli alla casa dei pescatori, non denuncia le persone che la pensano diversamente, non fa litigare le famiglie, non regala profumi al posto di panettoni!!!!!.
- Sindaco cosa ha fatto in difesa dei nostri pescatori, dei quali qualcuno, è finito in Tribunale?.
- Noi dell'opposizione abbiamo costretto la maggioranza a rinunciare a tutti quei discutibili progetti portati avanti con procedure illegittime, quli l'affidamento arbitrario di lotti artigianali, alcuni addirittura ad una neosocietà inattiva per la realizzazione di un criticabile impianto di compostaggio!!!

SU QUESTO PARTICOLARE ARGOMENTO NON PUO' ESSERE IGNORATO IL NOTEVOLE CONTRIBUTO DEI DUE BLOG LOCALI.

- Noi dell'opposizione abbiamo combattuto in Consiglio Comunale affinchè si procedesse ad una riduzione del 30% delle bollette ATO: ma la maggioranza non ha voluto!!!.
- Noi abbiamo proposto che si dichiarasse l'acqua un bene pubblico!!! Peccato che le nostre proposte non vengono portate in Consiglio comunale!!!.

RAMMENTO A TUTTI CHE IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO AVEVA PROMESSO A QUESTO BLOG L'ORGANIZZAZIONE DI UN PUBBLICO DIBATTITO SU QUESTO ARGOMENTO CON INVITO ESTESO A QUALIFICATI ESPERTI. CHI SI OPPONE ALLA REALIZZAZIONE DI TALE AMBIZIOSO PROGETTO? CHI PREFERISCE - COME SEMPRE - SPENDERE I NOSTRI SUDATI SOLDI IN SOLENNI MINCHIATE ? A BENEFICIO DI CHI ? E CON QUALE VANTAGGIO PER LA COLLETTIVITA' ?.

- L'opposizione non ha mai danneggiato, non intende danneggiare e non è nelle condizioni di danneggiare l'immagine di Oliveri e dei nostri concittadini perchè siete voi ad amministrare!!!!.
- I consiglieri di opposizione non hanno mai fatto passare diritti per grossi favori!!.
- Oliveri ha bisogno di una amministrazione seria, preparata, fattiva e collaborativa che risolva i problemi di tutta la comunità!.
- Voi non avete realizzato nulla del vostro programma, voi non avete fatto altro che sperperare denaro pubblico ed istigato gli avversari politici!,
Il Gruppo "Uniti per Oliveri"
__________________________________

E' un buon inizio d'anno. Ma non è sufficiente.
Per ottenere concreti risultati, è necessario organizzare pubblici dibattiti su singoli argomenti.
La comunità, TUTTA, di Oliveri desidera conoscere il pensiero dei suoi amministratori tutti (maggioranza ed opposizione) sui più urgenti provvedimenti, vitali per l'economia locale.
A cominciare dai più urgenti:
- Piano spiaggia;
- Recupero crediti;
- Pagamento debiti;
- Rinnovo contratto alla IPAR;
- Realizzazione dell'opera pubblica progettata ed approvata nel terreno demaniale.
- Ripristino del torrentello a cielo aperto denominato "saia cannitata" del quale una nostra esperta possiede valida cartografia, come dichiarato in una pubblica intervista televisiva.
- Definizione vertenza terre comunali.
- Concessione legittimazione ai richiedenti aventi diritto.
- Delimitazione dei terreni percorsi da incendi dolosi e prescrizione dei relativi vincoli.
- Delimitazione argini saia castello a monte della S.S. 113.
- Ogni altro argomento ritenuto utile ed urgente.-
Chi vuole, assuma iniziative.
Antonio Amodeo

sabato 8 gennaio 2011

SCUOLA: CONTRO VANDALISMI MOBILITAZIONE ISTITUZIONI

Alle ore 13.13 l'Ufficio Stampa Presidenza della Regione Siciliana ha pubblicato il seguente comunicato:

PALERMO, 8 gennaio 2011

"I ripetuti episodi di vandalismo dei quali è vittima la scuola elementare Maneri, impongono, intanto, di manifestare concreta solidarietà al Suo dirigente scolastico, ai docenti e al personale amministrativo.
Rivelano, ancora una volta, come la scuola in Sicilia venga ritenuta, in alcune aree, addirittura un nemico contro cui infierire.
Queste manifestazioni impongono una mobilitazione di tutte le istituzioni per fare in modo che questi atti di vandalismo non vengano vissuti come routine quotidiana impossibile da contrastare".
Lo ha detto l'assessore regionale all'Istruzione e alla Formazione professionale, Mario Centorrino, che nei prossimi giorni si recherà nella scuola dello Sperone, per concordare con il dirigente scolastico le iniziative più opportune per garantire le funzioni e l'integrità della scuola stessa.-
_______________________________________

Il vandalismo nelle scuole è un fenomeno antico ed ancora, purtroppo, attuale.
E non rigurda soltanto "alcune aree". E' generalizzato. Riguarda anche il nostro paese.
E' perfettamente inutile tentare di limitarlo ad alcune aree. E' come volersi nascodere dietro un dito. I nostri amministratori comunali sanno quanti soldini dobbiamo annualmente sborsare per svariati interventi dovuti ad atti di vandalismo.
Anche la ricorrente sostituzione di arredamenti, (RECLAMIZZATA COME ATTO DI EROISMO AMMINISTRATIVO), non è sempre dovuta a "NORMALE" logoramento dovuto al "NORMALE" uso.
Spesso è causata da atti di vandalismo dei fruitori.
E' condivisibile, quindi, l'appello dell'assessore regionale, Mario Centorrino, il quale invoca la mobilitazione di tutte le istituzioni - nessuna esclusa - per contrastare questo incivile ed oneroso fenomeno. Facilmente debellabile, con l'impegno di tutti i protagonisti.-
Antonio Amodeo

venerdì 7 gennaio 2011

CIRCUITO DEL MITO: APPUNTAMENTO DOMANI A MILAZZO

Annunciato dall'Ufficio Stampa Presidenza della Regione Siciliana:

"Domani, 08 gennaio 2011, a MILAZZO, teatro Trifiletti, ore 21.00.
DANILO REA, migliore musicista strumentista jazz dell'anno, presenta il suo "Tributo a Fabrizio De Andre' ". E' prevista inoltre la partecipazione straordinaria di Mario Arcari che a titolo "personale", porgerà anche il suo omaggio "sentimentale" a De Andre' con cui ha lavorato per anni. Arcari e Rea duetteranno per uno o due brani.
Danilo Rea ha suonato con alcuni tra i più grandi solisti statunitensi come Chet Baker, Lee Konitz, Jonh Scofield, Joe Lovano.
Nel 1997 ha dato vita, con il contrabbassista Enzo Pietropaoli e il batterista Fabrizio Sferra ai Doctor 3, un trio jazz che ormai da un decennio calca i più importanti palcoscenici del jazz italiani.
Il suo disco The Tales of Doctor 3 è stato premiato come miglior disco di jazz italiano nel 1998, mentre il lavoro successivo The songs remain the same ha vinto il titolo di miglior disco jazz di Musica &Dischi nel 1999.
In Italia sono numerose la sue performance nell'ambito del pop, come pianista di fiducia di artisti quali Mina, Claudio Baglioni e Pino Daniele e come collaboratore, tra gli altri, di Domenico Modugno, Fiorella Mannoia, Riccardo Cocciante, Renato Zero, Gianni Morandi e Adriano Celentano.
Mario Arcari è stato nella band di Ivano Fossati e recitato la parte da protagonista nelle produzioni di musicisti contemporanei come Louis Andrissen, Piero Milesi, Ludovico Einaudi, Pietro Pirelli, per "Nuova Consonanza" e "Sentieri Selvaggi", nell'orchestra di "Parma Jazz Frontiere" diretta da Roberto Bonati".-

PENDOLARI: LE PROMESSE DEI POLITICI

Per dimostrare l'attenzione dei cossidetti "POLITICI" verso i problemi seri (di facile soluzione) dei numerosi pendolari, pubblico la seguente lettera di Giacomo Fazio:

A S.E. PREFETTO DI PALERMO
per conoscenza:
ASSESSORE REGIONALE TRASPORTI - PALERMO
PRESIDENTE PROVINCIA REGIONALE - PALERMO
SINDACO DI PALERMO
ASSESSORE URBANISTICA - PALERMO
DIRETTORE TRENITALIA SICILIA - PALERMO
DIRETTORE RFI SICILIA - PALERMO
PRESIDENTE AST - PALERMO
AGLI ORGANI DI STAMPA

OGGETTO: Chiusura metropolitana Palermo Centrale - Palermo Notarbartolo.

Sua Eccellenza, purtroppo siamo costretti a disturbarla nuovamente.

Eravamo finalmente giunti ad una soluzione grazie alla Sua intercessione nella istituzione dei servizi sostitutivi in relazione alla chiusura per lavori della metropolitana nel tratto compreso tra Palermo Centrale e Palermo Notarbartolo.

Soluzione limitata ma visti i tempi di crisi pur sempre una ottima soluzione.

Si era fissata la data di partenza dei servizi offerti da AST per giorno 3 gennaio 2011, visto che i primi due giorni erano festivi.

Tutti i partecipanti alla riunione presso la Prefettura nel mese di Dicembre u.s. hanno dato la più ampia disponibilità a far partire il servizio giorno 3. Anzi hanno dato la certezza.

Ast per la sua parte, Trenitalia per gli abbonamenti, il Comune per la segnaletica e la Regione per le necessarie autorizzazioni.

Purtroppo il servizio non sembra sia partito. Ho ricevuto le lamentele di centinaia di pendolari costretti al nuovo esborso per un nuovo abbonamento con l'AMAT.

Abbiamo verificato anche presso l'Ufficio Informazioni di Trenitali a Palermo, ma anche lì sono caduti dalle nuvole. Nessuna notizia presso Palermo Centrale e Notarbartolo.

A questo punto non possiamo che dedurre che il meccanismo si è inceppato da qualche parte.

Certo fa male vedere il servizio del TG1 delle ore 20 di giorno 4 gennaio, dove si parlava della Regione Sicilia e constatare che i soldi per i servizi sostitutivi completi non ci sono mentre per altro.....

Come fanno male i comunicati stampa dell'assessore ai Trasporti che il 23 dicembre si è premurato a dichiarare: "Avvisati del problema derivante dal fatto che non erano stati organizzati servizi sostitutivi contestualmente alla chiusura per lavori della tratta metropolitana, ci siamo impegnati a trovare una soluzione che permettesse di garentire la mobilità e siamo riusciti, in tempi molto brevi, a raggiungere un'intesa che ritengo di potere considerare, nella situazione attuale, la migliore possibile".

Se a 4 mesi dalla chiusura sono tempi molto brevi siamo messi veramente bene.

Ancora una volta non si è tenuto minimamente conto di cosa vuol dire vivere da pendolare.
Ancora una volta ci hanno trattato come consuetudine .....

Quello che fa male è vedere come anche l'intercessione di S.E. sia stata lasciata cadere nell'oblio.

Da troppo tempo ci hanno abituato a questo gioco.

Magari nella speranza dell'oblio, confidando sul fatto che il popolo siciliano è un popolo capace di adattarsi, abituato com'è a sottostare.

Un popolo fiero, dignitoso. Bistrattato.

Mi dica Lei S.E. a chi dobbiamo rivolgerci ora? Al Ministro degli Interni o direttamente al Presidente della Repubblica?.

E' chiaro che non molleremo!!!. Ma è giusto che le responsabilità emergano in modo chiaro ed inequivocabile.

Siamo stanchi che si faccia cadere tutto nel dimenticatoio in questa magnifica terra.

Con l'occasione le invio i più cordiali auguri per un proficuo 2011 e mi scuso nuovamente per averla disturbata.
Distinti saluti.
Palermo, 5 gennaio 2011

Giacomo Fazio - Presidente Comitato Pendolari Sicilia
___________________________________

Occorre commentare? Credo no, ciascuno lo faccia per conto proprio.-
Antonio Amodeo

mercoledì 5 gennaio 2011

6 GENNAIO 1980: VIENE ASSASSINATO IL PRESIDENTE MATTARELLA

Ancora oggi, dopo 31 anni, non riesco a cancellare dalla mia mente l'espressione pensiorosa e triste di Piersanti Mattarella, stimato Presidente della Regione Siciliana.
Nel mese di novembre 1979, mi aveva ricevuto nel suo ufficio assieme alla Giunta comunale di Oliveri ed al Presidente della Pro Loco, Dott. Salvatore Persano.
La nostra Giunta si era dimessa, in segno di protesta, per il mancato inserimento del comune di Oliveri nel programma regionale finanziamento di impianti sportivi.
Il comune amico Totò D'Alia, deputato regionale, interprete del nostro dissenso, chiese ed ottenne dal Presidente Mattarella un incontro al quale egli stesso partecipò.
Introducendo la delegazione, Totò D'Alia commentò il motivo per cui l'intera Giunta di Oliveri si era dimessa.
Apparentemente distratto, il Presidente Mattarella osservò: "Per così poco"!.
Mi convinsi che Egli non aveva compreso a pieno il nostro disagio.
Ciò mi ferì, anche se ci promise, per l'immediato, il finanziamento di un campo di tiro al piattello e, per l'anno successivo, il finanziamento del campo di calcio.
Il campo di tiro al piattello - come già riferito in precedenza - non si realizzò a causa del procedimento intentato dall'affittuario del terreno comunale, destinato a pascolo, sul quale doveva essere costruito.
Del campo di calcio non si ha alcuna notizia, malgrado i numerosi anni trascorsi.
Il giorno 6 gennaio 1980, appresa la ferale notizia dell'assassinio, la mia mente rivide quel volto preoccupato e le mie orecchie riudirono la frase: "Per così poco"!.
In quel momento compresi il suo messaggio. Sicuramente Egli voleva dire a tutti noi:

"SE SAPESTE QUALE CROCE PORTO ADDOSSO"!.

NON POTRO' MAI DIMENTICARE L'ESPRESSIONE DI QUEL VISO.

Nella ricorrenza del 31^ anniversario voglio ricordare questa triste esperienza e riportare l'autorevole commemorazione del Presidente Lombardo e dell'Assessore regionale Piraino.

Raffaele Lombardo oggi ha detto:
"Commemorare Piersanti Mattarella significa rendere onore ad un grande siciliano, ma soprattutto significa ispirarsi alla sua azione istituzionale, al suo impegno per il cambiamento.
La sua colpa più grave agli occhi dei mafiosi e poteri occulti: volere innovare la macchina amministrativa regionale denunciando e scardinando antichi interessi di parte.
Un esempio politico a cui gli amministratori della cosa pubblica devono tendere e un esempio di cittadino che deve essere modello per i nostri ragazzi".-

L'assessore regionale della Famiglia, Andrea Piraino, ha detto:
"L'Epifania del 1980 è ormai una data scolpita nella storia della Sicilia.
Con la tragica morte di Piersanti Mattarella s'infrange non solo un'utopia ma anche un programma intelligente e ambizioso, un lavoro paziente per dare alla Sicilia una prospettiva di benessere, fondato sulla concordia e sulla giustizia sociale.
Il presidente Mattarella resta un punto di riferimento fondamentale per chi, avendo a cuore il futuro di questa nostra isola, vuol dedicarsi alla soluzione dei suoi problemi che sono sempre gravi e numerosi.
Le sue idee - insieme alla sua azione politica e alla sua esperienza umana - si configurano come un magistero morale, culturale e politico per tutti noi e, soprattutto, per i giovani alla cui formazione egli tanto si dedicò.
A me è toccata la fortuna di collaborare con lui e ricordandolo, nell'attuale mia esperienza di governo, avverto ancora più forte il danno subito dalla Sicilia con la prematura interruzione del suo competente ed appassionato servizio".-
________________________________________

Malgrado l'avvento dei sedicenti RINNOVATORI, lo "scardinamento di antichi interessi di parte" non è ancora iniziato. I segnali che giornalmente cogliamo - a tutti i livelli amministrativi locali - ci danno poca speranza di successo.
Spero che i nostri ragazzi vogliano scegliere come loro modello di cittadini e futuri amministratori il Presidente Mattarella.-
Antonio Amodeo

TESTO DELL'ESPOSTO PRESENTATO DAL GRUPPO CONSILIARE "UNITI PER OLIVERI"

L'sposto si commenta da solo. Dimostra ulteriormente la capacità del Sindaco Pino di alterare la verità.
Antonio Amodeo



Oliveri, 18 settembre 2010


A S.E. IL PREFETTO DI MESSINA
(Dott. Francesco Alecci)
Piazza Unità d’Italia
98100 MESSINA

AL SIGNOR PRESIDENTE DELLA REGIONE SICILIANA – Palazzo D’Orleans
(Dott. Raffaele Lombardo)
Piazza Indipendenza n. 21
90129 PALERMO

AL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA REGIONALE DI MESSINA
Piazza Antonello
98100 MESSINA

ASSESSORATO REGIONALE DELLE AUTONOMIE LOCALI E DELLA FUNZIONE PUBBLICA
Viale Regione Siciliana n. 2226
90135 PALERMO

MINISTERO DEGLI INTERNI
Piazza Del Viminale n. 1
00184 ROMA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI
DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA ISPETTORATO PER LA FUNZIONE PUBBLICA
Piazza S. Apollonia, n. 14
00153 ROMA

AL PROCURATORE DELLA REPUBBLICA
c/o il Tribunale di PATTI
via Molino Croce
98066 PATTI

AL COMANDO CARABINIERI
vicolo I° S. Andrea
98051 BARCELLONA P.G.

DIVISIONE INVESTIVIGATIVA ANTIMAFIA via C. Battisti
98100 MESSINA


OGGETTO: Negata autorizzazione pubblico comizio.


I sottoscritti Consiglieri Comunali Salvatore Bertino, Giuseppe Calabrese, Sergio Lembo, Filippo Scardino e Laura Scolaro, tutti del Gruppo “Uniti per Oliveri”, rappresentano di aver chiesto al Sindaco del Comune di Oliveri, Sig. Michele Pino, l’autorizzazione a tenere un pubblico comizio nella piazza Roma del medesimo comune, in data 1.8.2010 alle ore 21.30, con apposita istanza prot. n. 5556 del 21.7.2010 che si allega in copia.

La specificata richiesta, che scaturiva dall’esigenza di rispondere a quanto affermato dal Sindaco Pino in un precedente pubblico comizio del 17.7.2010 (ore 20.00), è stata negativamente riscontrata dallo stesso, il quale, infatti, con nota prot. n. 5769 del 29.7.2010 che si allega in copia, ha concesso per lo svolgimento del pubblico comizio solo l’utilizzo della piazza Stazione in luogo della centralissima Piazza Roma, nell’orario 19.00 – 20.00, dove per altro egli aveva tenuto il pubblico comizio, previa ulteriore comunicazione alle Autorità competenti.
Con riferimento all’autorizzazione a comiziare in Piazza Roma, il Sindaco Pino aggiungeva testualmente che “nulla osta da parte del sottoscritto…, dopo lo svolgimento delle manifestazioni estive, in data da concordare”.
Il Sindaco Pino, nella Sua nota prima richiamata, limita nei termini evidenziati la richiesta inoltrata dai sottoscritti consiglieri “in considerazione che sin dal 17 luglio e fino ai primi di settembre, si svolgeranno nella Piazza Roma eventi vari, di carattere turistico, culturale e di intrattenimento, nelle ore serali … in quanto il personale di vigilanza è impegnato per l’inaugurazione della Fiera “Oliveri Expo 2010”.
Tali motivazioni appaiono assolutamente prive di fondamento, intanto perché dal programma delle manifestazioni estive nessun evento risultava doversi tenere per quella giornata nella piazza Roma di Oliveri e poi perché se il personale di vigilanza è impegnato per l’inaugurazione di una Fiera nel campo sportivo di Oliveri, eventualmente, non può essere presente né in Piazza Roma né in Piazza Stazione.
Appare evidente agli scriventi, quindi, che dietro la nota del Sindaco Pino si nasconda la mal celata intenzione di impedire al gruppo di opposizione di replicare al comizio del 17.7.2010, e ciò soprattutto se si considera che il primo cittadino di Oliveri ha parlato in data 17.7.2010 (indicata dallo stesso quale giorno di inizio della programmazione estiva), alle ore 20.00, nella centralissima Piazza Roma, dove da sempre si tengono i comizi, nel bel mezzo dei festeggiamenti di Santa Rita, immediatamente prima di una manifestazione (sul palco erano già presenti gli strumenti musicali del gruppo che si sarebbe di li a poco esibito).
Il richiamo alle manifestazioni estive, quindi, è un evidente pretesto, strumentalmente adoperato dal Sindaco Pino per impedire ai Consiglieri di opposizione di esporre la propria verità dei fatti.
Prova ne sono gli ulteriori sviluppi della vicenda.
Il consigliere Calabrese, in nome e per conto anche degli altri membri del Gruppo “Uniti per Oliveri”, ritenendo che nulla ostava a comiziare al termine delle manifestazioni estive, comunicava la volontà di tenere il discusso pubblico comizio nella Piazza Roma di Oliveri in data 19.9.2010, dalle ore 19.00 alle 21.00, con nota prot. n. 7117 del 15.9.2010.

Ebbene, il Sindaco, con lettera del 16.9.2010, prot. n. 7176, riscontrava la Nostra del 15.9.2010 semplicemente chiedendo quale Organo avesse autorizzato il gruppo di opposizione a svolgere il detto comizio, pregando di dare risposta entro e non oltre le ore 12.00 del 17.9.2010 per i provvedimenti consequenziali (?).
Lo stesso Calabrese, unitamente al consigliere Lembo Sergio, sempre in nome e per conto di tutto il gruppo “Uniti per Oliveri”, dunque, provvedeva a riscontrare la lettera del Sindaco da ultimo citata con la nota prot. n. 7199 del 17.9.2010, nella quale, chiarito che l’autorizzazione si intendeva già rilasciata, stante il tenore letterale della pregressa corrispondenza sopra riferita (“nulla osta da parte del sottoscritto, per l’autorizzazione in Piazza Roma dopo lo svolgimento delle manifestazioni estive, in data da concordare”), prendevano comunque atto dell’assenza della stessa, come ritenuto dal Sindaco, e ne reiteravano la richiesta per la medesima data del 19.9.2010.
Ebbene, il Sindaco Pino, per l’ennesima volta, con nota prot. n. 7222 del 17.09.2010, dimentico del desiderio di informazione dei cittadini dagli stessi ripetutamente manifestato, impediva ai consiglieri di opposizione di parlare nella pubblica Piazza di Oliveri, adducendo questa volta quale scusa la mancanza dei tempi tecnici per organizzare i servizi di mantenimento dell’ordine pubblico ed emettere le relative ordinanze per la chiusura delle strade, nonché, addirittura, la presentazione della richiesta dopo la Sua nota prot. n. 7176 sopra citata.
Anche questa volta, le argomentazioni addotte dal Sindaco Pino appaiono futili pretesti finalizzati ad impedire il comizio del gruppo di opposizione.
Gli scriventi, dunque, ritengono fortemente lesi tanto la propria libertà di manifestazione del pensiero, quanto il diritto e l’interesse generale all’informazione, tutti costituzionalmente tutelati, poiché un regime democratico implica necessariamente una pluralità di fonti informative, libero accesso alle medesime ed assenza di ingiustificati ostacoli legali, anche temporanei, alla circolazione delle notizie e delle idee.
Replicare ad un comizio, alle stesse condizioni, infatti, costituisce un diritto ineludibile non solo di un consigliere comunale, ma dei cittadini tutti: dalla nostra prima richiesta sono trascorsi due mesi circa.
Anche il Presidente del Consiglio, dott. Francesco Pino, informato dell’intera vicenda, essendogli stata trasmessa per conoscenza l’intera corrispondenza sopra menzionata, asseconda l’atteggiamento ostruzionistico del Sindaco Pino.
Si evidenzia che anche nella pubblica affissione si verifica una grave discriminazione dei consiglieri di opposizione: pagato il bollettino consegnato dai funzionari comunali, gli stessi possono affiggere sempre un numero di manifesti inferiore a quelli del gruppo di maggioranza e, spesso, devono richiamare i Vigili Urbani perché gli stessi, a distanza di poche ore, vengono coperti.

I fatti lamentati, palesemente ostruzionistici ed antidemocratici, si inseriscono in un clima di odio creato dallo stesso Sindaco Pino: mentre i consiglieri di maggioranza sono presenti presso la casa comunale ad ogni ora del giorno, rispondendo talvolta anche al centralino, ad un consigliere di opposizione è stato negato l’accesso alla casa comunale nel corso di una riunione dei capi gruppo, alla quale presenziavano buona parte dei componenti della maggioranza.
Ancora, i consiglieri di opposizione, quindi anche i cittadini, trovano difficoltà nel visionare gli atti pubblicati all’Albo pretorio, essendo gli stessi scritti fronte-retro ed essendo la bacheca che li contiene chiusa a chiave.
Alla richiesta del consigliere Scolaro di aprire la bacheca per consentire la visione completa degli atti, i Vigili Urbani hanno risposto di non sapere dove si trovassero le chiavi della stessa, come da verbale e corrispondenza che si allega: a distanza di mesi, ancora, non è stato comunicato il nome del detentore delle chiavi nei giorni interessati dalla vicenda.
Non si conoscono poi i giorni e l’orario in cui è possibile trovare il segretario comunale, dott.ssa Gaetana Gangemi, in servizio anche presso il Comune di Terme Vigliatore, la quale, fra l’altro, talvolta, nello stilare i verbali delle sedute consiliari, mal riporta integralmente i fatti accaduti e le affermazioni ivi riferite, anche su espresso invito.
I cittadini lamentano atteggiamenti discriminatori posti in essere dal Sindaco e dalla Sua Giunta (per esempio alcuni verbali per illecita occupazione di suolo pubblico vengono elevati soltanto nei confronti dei sostenitori del gruppo di opposizione e non anche nei confronti di chi li ha sostenuti e li sostiene; le integrazioni di ore lavorative sono state disposte a tutti gli articolisti, fatta eccezione per due di essi, unici sostenitori del gruppo “Uniti per Oliveri”).
Il clima di odio descritto si evince non solo dagli atteggiamenti provocatori del Sindaco, quotidianamente tenuti dallo stesso (per esempio incontrando sostenitori dell’opposizione canta “pigliati sta pastiglia”, canzone, peraltro, nella quale lo stesso si è esibito ripetutamente d’estate nella pubblica piazza) ma anche da altri spiacevoli episodi, primo tra tutti quello verificatosi tempo addietro, quando il padre di un consigliere, recatosi presso un ufficio comunale per questioni personali, è stato cacciato dal primo cittadino.
Il Sindaco che si erge a potestà nei confronti dell’intera collettività, non tiene in alcuna considerazioni le altre Autorità, anche a Lui superiori, e ripete “qui comando Io”.
L’atteggiamento ostruzionistico lamentato, il Sindaco lo ha tenuto sin dall’inizio del suo mandato, impedendo ai consiglieri di visionare atti, estrarne copia ed accedere alla casa comunale, installando una porta non conforme ai dettami della sicurezza, introducendo dei pass per i cittadini ed i consiglieri di opposizione (quelli di maggioranza come affermato accedono liberamente al municipio), non riscontrando tutte le note introitate dagli scriventi.
Il sito Internet è conforme ai dettami legislativi solo parzialmente, dietro sollecitazioni del gruppo di opposizione: gli atti dell’area tecnica e dell’area economica, ancora, non sono pubblicati come è giusto che sia.
In questa situazione, dati gli atteggiamenti ostruzionistici ed antidemocratici del Sindaco, solo in parte evidenziati, gli scriventi incontrano gravi difficoltà nell’espletare il loro mandato in maniera serena e proficua, considerato fra l’altro che lo stesso primo cittadino interviene pure nelle sedute consiliari, benché ospite, senza l’autorizzazione del Presidente, anche quando la proposta sottoposta a votazione arreca la firma di altro soggetto (una volta il Michele Pino voleva buttare fuori dall’aula consiliare il Lembo Sergio del gruppo di opposizione, perché non concordava con la realizzazione di un impianto di compostaggio nei terreni comunali, presentando la vicenda svariate anomalie come evidenziato nella dichiarazione di voto del gruppo “Uniti per Oliveri” resa in quella sede).
Tutto ciò premesso e considerato, gli scriventi, disponibili a qualsiasi chiarimento in merito ai fatti lamentati, chiedono alle SS.LL. di adottare tutti i necessari e consequenziali provvedimenti, valutando altresì se, nei fatti esposti, siano stati commessi dal Sindaco Michele Pino eventuali reati quali l’abuso di potere e la limitazione o l’annullamento della “libertà di parola”, e che venga loro garantito il diritto di replica al comizio del 17.7.2010, alle medesime condizioni alle quali si è svolto quello del Sindaco Pino (comizio in Piazza Roma, alle ore 20.00).
Si prega di voler trasmettere eventuali comunicazioni al capogruppo Salvatore Bertino, domiciliato in Oliveri, via Stazione, 78. Recapito telefonico del predetto consigliere: 347/77 24 607.
In attesa di un cortese e sollecito riscontro, colgono l’occasione per porgere distinti saluti.
I Consiglieri Comunali del Gruppo “Uniti Per Oliveri”

martedì 4 gennaio 2011

SANITA': TICKET SULLA DIAGNOSTICA INNALZATA SOGLIA DI ESENZIONE

Alle ore 17.20 l'Ufficio Stampa Presidenza della Regione Siciliana ha pubblicato il seguente comunicato:

PALERMO, 4 gennaio 2011

E' stata innalzata, da 9.000 a 11.000 punti Isee, la soglia massima di esenzione dal costo delle prestazioni sanitarie di specialistica ambulatoriale.
Il decreto, annunciato alla fine dello scorso anno, è stato firmato dall'assessore regionale per la Salute, Massimo Russo.
Grazie a questa decisione, saranno esentati dal ticket circa i due terzi dei siciliani.
L'ampliamento della fascia di esenzione dal ticket è stato reso possibile grazie al buon andamento dei conti della sanità siciliana.
"Questo provvedimento - ha commentato l'assessore Russo - permette di ridurre una evidente disuguaglianza sociale nel territorio nazionale. I siciliani, in pratica, finora hanno pagato di più per ottenere le prestazioni cui hanno diritto a causa del deficit provocato dalla dissennata gestione delle precedenti classi dirigenti della Regione".
"Adesso dobbiamo lavorare per migliorare la qualità e la tempestività delle prestazioni da erogare: nel campo della specialistica faremo un passo avanti grazie al cosidetto "quesito diagnostico", previsto con un decreto dello scorso anno, che impone al medico - nel compilare la ricetta - di indicare l'esatta diagnosi, il livello di priorità clinica e il perchè dell'esame richiesto.
Tutto ciò, adeguatamente controllato, eviterà alcuni abusi del passato e garantirà una razionalizzazione dei tempi di attesa".
Per garantire il rispetto delle procedure e per arginare il fenomeno dell'evasioe dal ticket che negli anni passati è stato molto diffuso, l'assessorato regionale per la Salute sta attivando una serie di interventi per il potenziamento dei controlli e nelle scorse settimane è già stato siglato un protocollo d'intesa con la Guardia di Finanza.-
_____________________________________

Esultiamo e ci congratuliamo per la notizia relativa al miglioramento dei conti della sanità siciliana.
Mi permetto osservare che è IMMORALE PER TUTTI (fruitori ed Addetti alla gestione del servizio sanitario) costringere l'Amministrazione regionale a continui controlli per garantire un uso corretto ed onesto dei servizi erogati. Ricorrendo, perfino, ad un protocollo d'intesa con la Guardia di Finanza!.
E' noto a tutti che i CONTROLLI hanno un costo elevatissimo.
Se ciascuno di noi si impegnasse ad utilizzare un tantino di onestà, quante risorse economiche potrebbero ricadere a nostro vantaggio e, soprattutto, dei più bisognosi?.
I cosidetti Politici - a tutti i livelli - comincino a dare il buon esempio. Perseguano gli evasori.
Anzicchè incoraggiarli ad evadere!.-
Antonio Amodeo

CIRCUITO DEL MITO: APPUNTAMENTI DEL 5 GENNAIO

Alle ore 16.40 l'Ufficio Stampa Presidenza della Regione Siciliana ha pubblicato il seguente comunicato:

PALERMO, 4 gennaio 2011

Gli appuntamenti del Circuito del Mito di mercoledì 5 gennaio 2011 proseguono a:

TORRENOVA (Me) - Chiesa San Pietro apostolo, ore 18.30: "Messina Brass Band".
E' una band costituita da 30 professori d'orchestra e ha come obiettivo la promozione culturale della musica per gruppi di ottoni e percussioni.
L'unicità di questo evento sta proprio nella tipologia della brass band composta da solo strumenti a ottone e percussioni. L'unione di questi strumenti genera sonorità diverse da quelle delle orchestre di organici strumentali misti.
Il concerto, diretto dal maestro Giuseppe Paratore, alterenerà brani di musica classica e moderna riarrangiata, di compositori di musica "colta" contemporanea, da Morricone ai colossali futuristici di John Williams, brani di repertorio scritti appositamente per organici di ottoni riarrangiate e colonne sonore di film e pubblicità.

TORREGROTTA (Me) - Chiesa di San Paolino Vescovo, ore 19.30, "Il sacro dei musici russi" nasce dall'idea di presentare all'estero la migliore produzione musicale europea attraverso la voce e il virtuosismo dei più quotati esecutori russi del momento.
I brani musicali variano dalla tradizione religiosamente significativa della cultura ortodossa russa alle pagine musicali della tradizione di musica sacra occidentale.
In programma tra gli altri Beethoven, Trio, Pergolesi, selezioni dallo "Stabat mater", "Ave Maria" di Schubert, "Ave Valentina" dal Faust di Gounod, "la Resurrezione" di Rachmaninov.
Anche la scelta degli esecutori è di altissimo livello e unisce musicisti già affermati ai nuovi talenti della musica russa selezionati attraverso le collaborazioni con le più importanti istituzioni musicali russe, dal Mariinskiy Kirov al Mussorgskiy al Conservatorio accademico.
L'ensemble è composta da Irina Bogacheva, mezzosoprano; Olesia Petrova, mezzosoprano; Aleksandra Kabanova, soprano; Boris Pinhasovich, baritono; Boris Stepanov, tenore; Elena Guadasinskaya, pianoforte; Serghey Slovachevskiy, violoncello; Renata Bahrak, violino.-
_____________________________________

Segnalo gli appuntamenti in località della nostra provincia, situate a pochi chilometri da Oliveri, agli eventuali estimatori che volessero beneficiare dell'occasione.-
Antonio Amodeo

INTESTAZIONE DI VIE PUBBLICHE

In data 02.12.2010 la Giunta comunale di Oliveri ha deliberato di attribuire i toponimi proposti dalla Commissione Consultiva della Toponomastica.
Sconosco la composizione della predetta Commissione, i toponimi proposti e le relative motivazioni.
Ho appreso la notizia dai seguenti commenti anonimi postati su questo blog:

1) Ore 17.48 del 01 Gennaio 2011 - "Vorrei il suo autorevole commento sulla intestazione di via comunale a Francesco Gaglio.
Un uomo che non conoscendolo sarà stato generoso, avrà fatto cose per tutto oliveri, chissà cosa. non mi ricordo nei pochi anni che vivo ad Oliveri.
Non ha il suo nome nel Nostro cimitero di oliveri forse non meritava manco quello"?
Tuo lettore

2) Alle ore 12.51 del 02.01.2011 viene postato, assieme ad altri, l'estratto della predetta delibera di Giunta n. 165 del 02.12.2010.

3) Ore 18.14 del 02.01.2011 - "l'anonimo che inserisce le delibere di Giunta non specifica i nomi delle nuove vie.
Si pensa che essendo dall'altra parte dovrebbe inserire e commentare e ce n'è da commentare.
La minoranza non lo fa per paura dei parenti degli interessati che schifo.
Avete paura della Gaglio eh eh eh eh eh?
Meschini mirate a muro basso
spero che qualche muro basso vi rompi in quattro.
Amodeo grazie dello sfogo.
Un saluto".-

4) Ore 21.15 del 02.01.2011 - "Ho inserito le cifre che parlavano di somme di denaro spese.
Credo che ad oggi, le intestazioni delle vie siano secondarie rispetto a fatti primari che interessano la nostra collettività".

Tutto ciò premesso, (NON AUTOREVOLMENTE) commento:

1) Malgrado ogni benevola considerazione, non riesco a trovare un solo valido motivo che possa giustificare l'intestazione di una via a Francesco Gaglio.
Sul personaggio, in molte occasioni, ho manifestato pubblicamente la mia opinione, mentre era in vita, attribuendogli meriti e demeriti.
Non ritengo opportuno (nè utile) esprimere commenti postumi.
Non per paura degli eredi. Notoriamente innocui. Ma per un doveroso cristiano rispetto verso il defunto. Ciascuno di noi deve portare nel suo cuore e nella sua mente la propria opinione.
Non ho motivi per modificare la mia.

2) Non posso commentare la delibera senza conoscere il contenuto e le motivazioni.

3) Concordo che vi sarebbe molto da commentare. Ma giustifico che i contemporanei - TUTTI - si astengano. E non - ripeto - per paura degli eredi. La Storia giudicherà.

4) Le intestazioni delle vie NON sono fatti secondari se riguardano personaggi che non hanno i requisiti richiesti dalle vigenti disposizioni della legge che regola la materia.
Può anche essere perdonato lo sperpero di denaro pubblico.
Non può essere tollerata, invece, l'inosservanza dei principi giuridici, morali ed etici ai quali DEVE uniformarsi qualsiasi attività umana e, soprattutto, quella della Pubblica Amministrazione.

E' prematuro giudicare l'opportunità del provvedimento della Giunta Municipale.
La Storia potrà giudicare con maggiore obiettività.
Cito, per esempio, l'iniziativa di Enzo Sindoni, Sindaco di Capo D'Orlando, che ha demolito con la sua piccozza l'intestazione di una pubblica piazza.-
Antonio Amodeo

lunedì 3 gennaio 2011

EDILIZIA: LA REGIONE HA FINANZIATO 190 ALLOGGI A CANONE SOSTENIBILE

Alle ore 13.27 l'Ufficio Stampa Presidenza della Regione Siciliana ha pubblicato il seguente comunicato:

PALERMO, 3 gennaio 2011

L'assessorato regionale delle Infrastrutture e della Mobilità ha firmato coi Sindaci dei comuni di Palermo, Erice, Palazzolo Acreide, Partanna, Fiumendinisi e Alcamo i protocolli d'intesa per la realizzazione degli interventi previsti dai progetti relativi al Programma innovativo in ambito urbano "Riqualificazione urbana per alloggi a canone sostenibile".
Con questi programmi si interverrà rilevando immobili da riqualificare nei centri storici o recuperando immobili già acquisiti al patrimonio comunale, rendendoli, poi, disponibili a scopo abitativo ed a canone sostenibile.
Complessivamente saranno resi utilizzabili 119 alloggi e ne saranno realizzati altri 27 nuovi.
I 119 alloggi da recuperare sono così suddivisi: 10 nel comune di Palazzolo Acreide, 9 a Fiumendinisi, 15 a Malvagna, 16 a Partanna, 20 a Erice, 32 a Palermo e 17 ad Alcamo.
Sempre ad Alcamo saranno, inoltre, realizzati i 27 nuovi alloggi previsti dal programma.
Tutti i 146 alloggi saranno destinati a soggetti svantaggiati: giovani coppie, anziani, immigrati, soggetti diversamente abili, studenti e alle forze di polizia, che potranno affittarli a un canone decisamente ridotto rispetto a quello di mercato.
Fa parte dei programmi anche la realizzazione delle necessarie opere di urbanizzazione primaria e secondaria.
I programmi prevedono la compartecipazione finanziaria dello Stato, della Regione e degli stessi Comuni e, nel caso di Palermo, anche dei privati.
Complessivamente, le risorse da investire ammontano ad oltre 29 milioni di euro.-
___________________________________

Gli Amministratori comunali che - oltre a curare singoli privilegi individuali - si preoccupano anche di agevolare gli interessi più vasti ed assillanti della collettività, ottengono apprezzabili risultati.-
Antonio Amodeo

CONCERTO PER UN BUON INIZIO

Questo è il titolo del concerto di musica classica, sinfonica e operistica in chiave moderna eseguito ieri sera dal Quintetto Nicola Marino nella Chiesa San Giuseppe di Oliveri.
L'esecuzione è iniziata alle ore 18.00 dopo la celebrazione della Santa Messa.
Il concerto è stato organizzato dall'Associazione ANSPI con il contributo del Comune di Oliveri.
Nel corso della manifestazione è stata consegnata la targa del "Premio Nazionale Nicola Marino" (Musicista 18.01.61 - 19.12.07) 3^ Edizione 2010, al nostro stimato ed amato Parroco don Luigi Lo Presti.
E' stato delegato alla consegna il compositore e cantante Nino Marino, capostipite dei fratelli, il quale vi ha provveduto dopo la lettura di una commoventissima dedica e della seguente motivazione della Commissione:
"Un sentito riconoscimento per l'abnegazione e l'impegno sacerdotale con cui porta a compimento tutte le iniziative artistiche, culturali e tradizionali della comunità di Oliveri".
Vistosamente commosso, don Luigi ha ringraziato i fratelli Marino evidenziando l'importanza della musica nell'educazione e sensibilizzazione dell'animo umano e l'impegno dei fratelli Marino nella divulgazione di questa nobile arte.
Il concerto è stato molto apprezzato dai numerosissimi fedeli ed estimatori che vi hanno assistito.
Fra questi il Sindaco e la Giunta comunale.
Alla fine dell'applauditissimo concerto, gli Amministratori comunali hanno offerto un omaggio floreale alle due graziose donne del gruppo: Flavia e Mariagiovanna.
Il programma conteneva un vasto repertorio selezionato dall'Antologia classica, sinfonica e operettistica Internazionale.
In particolare, brani scelti dei seguenti Autori: G. Reverberi, T. Albinoni, J. S. Bach, L. Boccherini, W. A. Mozart, L. v. Beethoven, N. Paganini, G. Rossini, F. Schubert, C. Gounod, R. Schumann, G. Verdi, A. Ponchielli, P. Ciaikovski, E. Grieg, N. Piovani, G. Puccini, G. Donizzetti.
Tutti i brani eseguiti sono stati applauditi a lungo.
In modo particolare le due Ave Maria - cantate da Flavia -, Nessun dorma , E lucevan le stelle - cantate dal duo Nino e Flavia.
A gentile richiesta, è stata ripetuta l'esecuzione dell'apprezzatissima Gazza ladra.
Indimenticabile, emozionante e commovente il discorso finale del simpatico Nino Marino il quale ha voluto evidenziare la particolare sintonia fra il suo complesso ed i Cittadini di Oliveri.
La condividiamo e la coltiveremo sempre.-
Antonio Amodeo