domenica 20 giugno 2010

IMPORTANTI QUESITI DI UN ANONIMO

Alle ore 10.32 del giorno 12 c.m. un cortese anonimo ha postato un lungo commento al mio post intitolato "IL CESSOTTO".
Gli spunti offertimi sono molto interessanti e meritano un opportuno approfondimento.
Per tale motivo, non posso trattarli in un'unica puntata.
Tratterò oggi soltanto la prima parte che è la seguente:

"Mi scusi Signor Amodeo, lei ha amministrato Bene come lei dice (IO non c'ero), ma mi chiedo visto che lei parla sempre di voti, di figlia d'arte!!! di figli d'arte!!! ecc...Essendo una Persona Anziana e credo di Capire che anche in Lei vi sia un po di "Vendetta" verso certe persone!!. Come mai lei non prende tanti voti visto in passato a Amministrato Bene. Forse perchè per le persone di Oliveri è Antipatico? e non guarda la professionalità Politica? Oliveri deve crescere?".-

RISPONDO alla prima parte autentica del precitato commento:

NON HO MAI DETTO CHE HO AMMINISTRATO BENE. Ho DOVUTO elencare solo alcune delle realizzazioni concretizzate dalle Amministrazioni da me guidate.
NON PER IL PESSIMO GUSTO DI AUTOLODARMI. Ma per la NECESSARIA esigenza di contestare le infondate accuse rivolte a quelle Amministrazioni sia con anonimi volantini ed anche attraverso questo blog da me personalmente ed unicamente gestito.
Non so se lei che NON C'ERA ha potuto verificare quanto io vado affermando.
Oppure, a causa della sua anzianità, gli sia sfuggito.

L'AGGETTIVO "Figlio d'arte" NON E' UNA MIA INVENZIONE. E' stato USATO in un pubblico comizio da un candidato. Il quale, ELETTO A PIENI VOTI, ha OTTENUTO un prestigioso Assessorato ed ha dimostrato le sue indiscusse capacità.
Però, LA PIAZZA dice che quell'Amministrazione è stata "UN TOTALE FALLIMENTO".
NEPPURE QUESTO CONVINCIMENTO E' UNA MIA INVENZIONE.
Ma, siccome lei non C'ERA, io ho il dovere di informarla.
I Concittadini che c'erano e quelli che "VOGLIONO SAPERLO" lo sanno molto bene.

NON HO MAI FATTO RIFERIMENTO AD ALCUNA " FIGLIA D'ARTE".
Invero, avevo ipotizzato di sperimentare una VERA figlia d'arte.
Ho consultato telefonicamente l'interessata la quale, successivamente, mi comunicò che la mia proposta non era gradita alla sua famiglia. IL TUTTO E' FINITO PRIMA DI COMINCIARE.

NON SO A QUALE VENDETTA SI RIFERISCA L'ANONIMO.
Non ho mai nutrito sentimenti di vendetta. SPECIE IN POLITICA.
Anzi, alcuni miei sostenitori mi hanno rimproverato di avere AGEVOLATO di più gli avversari anzicchè gli amici. Questo - se vero - mi onora.
L'ESIGENZA DI SMENTIRE LE DIFFAMAZIONI E LE ACCUSE INFONDATE NON E' VENDETTA. NEI PAESI CIVILI SI CHIAMA "DIFESA PERSONALE" LECITISSIMA.
Le quali accuse hanno avuto inizio dal Giugno 1954.
Ossia, da quando, divenuto elettore all'età di anni 21, ho scelto AUTONOMAMENTE E PER CONVINZIONE di tesserarmi al Partito della DEMOCRAZIA CRISTIANA che in quel periodo, in Oliveri, otteneva una cinquantina di voti pur avendo oltre quattrocento tesserati.
Lo riferisco solo per lei Persona Anziana che non c'era. I miei concittadini lo sanno.
DUNQUE, come sempre, MI SONO SCHIERATO CON I PIU' "FORTI".
Se lei conosce l'esatto significato di "VENDETTA" me lo comunichi nel commento. Le sarò grato.
Se lei intende VENDETTA il "RACCONTARE LA STORIA", mi permetto DISSENTIRE.
Anzi, dovrei rammentarle che la storia sarebbe piena di VENDETTE.

PERCHE' NON PRENDO VOTI. Recentemente non mi sono candidato.
Dopo 39 anni consecutivi di attività amministrativa e di contemporanea DURA attività ferroviaria, PER LIBERA SCELTA, ho lasciato l'attività amministrativa per agevolare l'ingresso ai nuovi giovani TALENTI.
Sono stato in carica fino al novembre 1997 consigliere di una DIGNITOSA minoranza.
Eletto il 06.06.1993 con 48 voti di preferenza.
Preceduto da:Chiofalo Carmelo con 49, Bertino Giacomo con 49, Bertino Nicolò con 57, Giunta Filippo con 61, Barresi Francesco con 63, Maiorana Mariano con 90, Bertino Salvatore con 124.
Giudichi lei se gli elettori "hanno guardato la professionalità Politica".
RAMMENTO CHE ERA GIA' IN VIGORE L'ANTIDEMOCRATICO SISTEMA ELETTORALE DELLA PREFERENZA UNICA.
NON CONOSCO L'ATTUALE INDICE DI GRADIMENTO. Nè m'interessa conoscerlo.

SE SONO ANTIPATICO non può chiederlo a me. Dovrebbe chiederlo agli elettori

OLIVERI DEVE CRESCERE ? Crescere è normale. CHI NON CRESCE NON VIVE.
LA VITA E' UNA CONTINUA CRESCITA.
Molti anni orsono, un illustre Personaggio mi disse: "I SUOI PAESANI DEVONO ANCORA CRESCERE. CRESCERANNO, VEDRA'!
Sono cresciuti ? Devono ancora crescere? Dovranno crescere di più?.
Non posso giudicarlo io. LO GIUDICHI LEI PERSONA ANZIANA. ORA LEI C'E' .

Continuerò l'argomento appena possibile.
Mi permetta, intanto, di rivolgere a TUTTI IL SEGUENTE AVVISO:

DA DOMANI E FINO AL 30 CORRENTE MESE DOVRO' SOSPENDERE QUALSIASI COMUNICAZIONE SU QUESTO BLOG.
Chiunque voglia, può continuare a postare commenti . Saranno visionati compatibilmente con i miei impegni famigliari.
NON POSSO E NON DEVO SOTTRARMI AI MIEI DOVERI CONNESSI CON IL MATRIMONIO DI MIO FIGLIO.
L'ho molto trascurato nella sua infanzia e nella gioventù a causa dei miei gravosi impegni di lavoro e di quelli - non meno gravosi - amministrativi.
GLI CHIEDO PUBBLICAMENTE DI VOLERMI SCUSARE.
NON POSSO ULTERIORMENTE TRASCURARLO IN QUESTO IMPORTANTISSIMO AVVENIMENTO.
Arrivederci.
Antonio Amodeo

sabato 19 giugno 2010

IL GRANDE LIBRO MASTRO

Alle ore 21.51 del giorno 12 c.m. un illustre anonimo, sicuramente molto esperto in contabilità, ha postato un commento contenente svariate accuse diffamatorie nei miei confronti.
La più geniale ed interessante è la seguente:

"STIAMO PER APRIRE IL GRANDE LIBRO MASTRO, TRA POCHI GIORNI ...... E POI PERCHE' NON CRITICHI IL SINDACO ATTUALE MA FAI SOLTANTO IL LECCHINO, IN CHE COSA SPERI E STAI PUNTANDO ??????????".

Non ho capito se lo "STIAMO" iniziale è un plurale MAIESTATIS oppure si riferisce ad una SETTA.
In ogni caso, detto commento non merita alcun commento. SI COMMENTA DA SOLO.
Offenderei l'intelligenza dei lettori se azzardassi un minimo cenno di commento.
Desidero semplicemente evidenziare che qualcuno possiede ed amministra "IL LIBRO MASTRO". COSTUI E' UN MAFIOSO ? L'APPARENTE PACIFICA OLIVERI IN ODOR DI MAFIA ?. NON POSSO E NON VOGLIO CREDERCI.

SIAMO FORSE IN PRESENZA DI UN MILLANTATORE ? O DI UN RICATTATORE CHE IN ALTRA OCCASIONE MI HA AVVISATO DI STARE ATTENTO PERCHE' MI FACCIO DEL MALE ? INTERROGATIVI INQUIETANTI. MA NON PER ME.

COSTUI NON PUO' ESSERE UN ONESTO LAVORATORE CHE CONOSCE I DURI SACRIFICI DELLA FATICOSA CONDIZIONE UMANA.

DEVO RAMMENTARE A CODESTO CORTESE ANONIMO CHE QUEL LIBRO NON PUO' ESSERE UTILIZZATO A PROPRIO USO E CONSUMO.
MA VA IMMEDIATAMENTE CONSEGNATO ALLA MAGISTRATURA.
LA QUALE, SE RITENESSE DI DOVERE INDAGARE - ANCHE SULLA PROVENIENZA DEL SUDDETTO COMMENTO - FAREBBE COSA BUONA E GIUSTA.

Voglio rammentare a TUTTI che i Magistrati inquirenti nel Libro Mastro della Italtecnica non hanno trovato il nominativo di Antonio Amodeo.
Hanno trovato altri Amministratori comunali eccellenti.
Inoltre, che le mie fondate e documentate critiche ai comportamenti ed alle esternazioni del Sindaco sono molto note ai lettori di questo blog.
NON HO UNA LINGUA ADATTA PER POTERE MINIMAMENTE SFIORARE LE FASCINOSE SEMBIANZE DEL SINDACO CHE FRANCAMENTE MI RIPUGNANO.
E' MOLTO ADATTA ED EFFICACE PER ALTRI USI RISERVATI.

SPERO CHE IL SINDACO, IN FUTURO, POSSA AMMINISTRARE BENE QUESTO PAESE. FINORA NON HA PRODOTTO RISULTATI SIGNIFICATIVI.

PER I MIEI GUSTI, IL SINDACO NON POSSIEDE ALCUNA CARTA SULLA QUALE IO POSSA PUNTARE.

Per tutte le altre accuse contenute in quel commento, MI AFFIDO AL GIUDIZIO DEI CITTADINI DI OLIVERI.
LA MAGISTRATURA HA GIA' INDAGATO E GIUDICATO.

ATTENDO ORA SERENO E FIDUCIOSO IL GIUDIZIO DIVINO. -
Antonio Amodeo

venerdì 18 giugno 2010

UNA DIFESA LUNGA E PATETICA

Alle ore 22.59 del 14.06.10 un disinformato ? anonimo ha postato il seguente commento da me accettato e pubblicato trattandosi di commento a me diretto. IMPEGNO MANTENUTO.

"ALLA FINE, IO PENSO, CARO ANTONIO, CHE L'ANONIMO PIU' SINCERO E' STATO QUELLO DI PASKUINO.
IN POCHE RIGHE HA BEN INQUADRATO I DANNI IRREVERSIBILI CHE HAI FATTO AD OLIVERI ED ALLE FUTURE GENERAZIONI DI OLIVEROTI.
LA TUA DIFESA, LUNGA DIVERSI MESI, E' STATA PATETICA".
Questo il commento, controllabile sul sito, al quale rispondo:

I danni irreversibili causati ad Oliveri ed alle future generazioni di oliveroti - PER TUA INFORMAZIONE -, caro Anonimo, non possono essere attribuiti alle amministrazioni comunali guidate da Antonio Amodeo.
Le quali amministrazioni hanno fatto il possibile per ARGINARE quelli già avviati ed IMPEDIRE gli ulteriori programmati.
AFFIANCATE, in quest'opera di risanamento, da molti degli attuali CENSORI E CRITICI.

IL NON VOLERE RICONOSCERE ALL'AMMINISTRAZIONE AMODEO IL MERITO DI AVERE REALIZZATO IL LUNGOMARE CRISTOFORO COLOMBO E DI AVERE IMPEDITO, A VALLE, OGNI SPECULAZIONE, GIA' TENTATA, E' UNA PURA PERVICACE (INTERESSATA?) MIOPIA POLITICA.

L'AMMINISTRAZIONE AMODEO NON HA POTUTO CANCELLARE, con un colpo di spugna, LA DEVASTAZIONE SELVAGGIA DEL TERRITORIO DI MARINELLO.

ATTUATA DA FAMOSI PERSONAGGI (laureati) DELL'EPOCA ED AVALLATA DA ALTRE AMMINISTRAZIONI COMUNALI.

Se sei disposto a SMASCHERARE la tua faccia di " BRONZO " potremo affrontare assieme, in un pubblico dibattito, questo spinoso argomento.

POSSO CHIARIRTI, CON DOCUMENTI UFFICIALI, CHI HA "SQUARTIATO" IL TERRENO DI MARINELLO, CHI L'HA COMPRATO, CHI L'HA RIVENDUTO, CHI HA PROGETTATO, CHI E' STATO L'ILLUSTRE DOTTORE CHE HA COSTRUITO - PER LA SECONDA VOLTA SULLA SPIAGGIA - LA PRIMA VILLETTA ? DI MARINELLO IN TERRITORIO DI OLIVERI, CHI HA RILASCIATO LA PRIMA CONCESSIONE EDILIZIA, CHI HA "DOVUTO" RILASCIARE LE SUCCESSIVE, CHI E PERCHE' HA INIZIATO IL PRIMO CONTENZIOSO CIVILE, CHI E PERCHE' HA PROVOCATO UN VERO "TERREMOTO" POLITICO, ECC. ECC.-

QUEI PERSONAGGI - RISPETTATI E RIVERITI - HANNO INIZIATO IL "SACCHEGGIO" EDILIZIO DI OLIVERI.

LE AMMINISTRAZIONI COMUNALI GUIDATE DA ANTONIO AMODEO HANNO DOVUTO LOTTARE TENACEMENTE PER SALVARE IL SALVABILE.
SUBENDO ANCHE QUALCHE DISCUTIBILE CONDANNA PENALE DA PARTE DI UN PRETORE SUCCESSIVAMENTE PROCESSATO E CONDANNATO PER ALTRI FATTI.

Provvisoriamente, mi fermo in attesa di tue notizie.
Se sei in buona fede, postami un commento col quale vorrai chiarire ai cittadini di Oliveri quali IDONEI PROVVEDIMENTI HANNO ADOTTATO LE CINQUE AMMINISTRAZIONI COMUNALI SUCCEDUTESI DOPO AMODEO PER PORRE RIMEDIO AI DANNI FATTI NON DA ME PERSONALMENTE MA, EVENTUALMENTE, DALLE AMMINISTRAZIONI DA ME GUIDATE.

Dopo questi parziali chiarimenti, i gentili lettori potranno giudicare se la mia difesa cui ti riferisci è stata "LUNGA E PATETICA".

IO OSO AFFERMARE CHE TU SEI DISINFORMATO, DIFFAMATORE E PROVOCATORE. QUINDI, SCORRETTO. E, PERTANTO, D I S O N E S T O.
Antonio Amodeo

L'AMMINISTRAZIONE DEL MIO BLOG

Alle ore 14.02 del 15.06.10 un coraggioso anonimo ha postato il seguente commento al mio post intitolato "INVITO AI MIEI COLLEGHI AFFARISTI", pubblicato martedì 08.06.10.

"I TUOI COLLEGHI AFFARISTI TI HANNO TIRATO LE ORECCHIE E RICHIAMATO, SEI STATO ANCHE CAZZIATO E MAZZIATO PER SCRIVERE "Questo post è stato eliminato da un amministratore del blog" E DA CHE E' COMPOSTA L'AMMINISTRAZIONE DEL BLOG" ? Questo è il testo integrale del commento. Verificabile sul sito.

La domanda finale è legittima e merita un opportuno chiarimento.
Amministratore unico del mio blog è ANTONIO AMODEO.
Non sono un esperto. Ritengo che l'informazione "Questo post è stato eliminato da un amministratore" sia necessariamente unica ma bivalente.
Quindi, utilizzabile per l'amministrazione con diversi componenti ed anche per l'amministrazione unica. Questo è frutto del mio modesto intuito. Spero di non sbagliare.
Tuttavia, se non è così, vogliate scusare la mia ignoranza.
Posso assicurarvi che dopo l'eliminazione del post compare AUTOMATICAMENTE quella informazione.

Per quanto riguarda la prima parte del commento, non intendo polemizzare con un ANONIMO IGNORANTE, PRESUNTUOSO E VILE PROVOCATORE.
Se si ritiene un vero UOMO con i dovuti attrbuti, ABBIA LA DIGNITA' di presentarsi e potremo confrontarci civilmente e democraticamente.
Per i lettori informati, NON OCCORRONO CHIARIMENTI.
Per quelli che non conoscono le disposizioni di legge, è necessario chiarire che ho DOVUTO ELIMINARE ALCUNI COMMENTI DIFFAMATORI E LESIVI DALLA DIGNITA' ALTRUI PERCHE' ME LO IMPONE IL CODICE PENALE E QUELLO CIVILE.

NON ESISTONO IN QUESTO PAESE - OLIVERI - UOMINI CHE POSSANO TIRARMI LE ORECCHIE O RICHIAMARMI O CAZZIARMI O MAZZIARMI O RICATTARMI.

Sono convinto che tutti i miei cortesi lettori hanno capito e condiviso l'esigenza inderogabile del mio DOVUTO PROVVEDIMENTO.

Solo questo VOLGARE OTTUSO INSENSIBILE MALFATTORE non capisce una solare ed elementarissima esigenza di tutela della dignità umana.
Vorrei vedere la sua reazione se qualcuno anonimamente lo accusasse di qualsivoglia comportamento illegale o semplicemente immorale.
AMMESSO CHE EGLI ABBIA UNA MORALITA' DA DIFENDERE.

Pur potendo eliminarli, continuerò a pubblicare i suoi commenti diffamatori che riguardano la mia persona.
NON POSSO CONSENTIRGLI CHE ANONIMAMENTE DIFFAMI ALTRI.

NON INTENDO RIVOLGERMI ALLA POLIZIA POSTALE PER ACCERTARE LA PROVENIENZA.
Non sono OSSESSIONATO dall'esigenza di APPARIRE al di sopra di ogni sospetto.
TUTELO LA MIA CORRETTEZZA COL MIO QUOTIDIANO COMPORTAMENTO.
Non ho l'esigenza di dimostrare la mia ONESTA' con la posa - post mortem - di una targa ricordo o con l'intitolazione di una via cittadina. NON SONO UN EROE.
SONO UN COMUNE MORTALE.
NON ASPIRO RIPOSARE IN UNA CAPPELLA DI FAMIGLIA.
Sono molto rispettoso per chi la possiede.
HO COMPRATO DUE CELLE : UNA PER ME ED UNA PER MIA MOGLIE CHE MI HA ESPRESSO QUESTO PIO DESIDERIO.
Le ho pagate per celle complete. Ho la ricevuta dell'avvenuto pagamento.
INSPIEGABILMENTE, NON E' STATO ANCORA STIPULATO IL CONTRATTO.
I nostri amministratori sono molto INDAFFARATI in cose molto importanti.
NON LI POSSIAMO DISTRARRE PER SIMILI INEZIE.
Non si sono neppure accorti che dette celle non sono state ultimate. SONO ANCORA AL RUSTICO.
Conclusivamente, GIUDICO IMPORTANTE - MA NON ASSOLUTO - IL GIUDIZIO DI TUTTI I MORTALI TERRENI.

PER NOI CREDENTI, CONTA SOPRATTUTTO IL GIUDIZIO DIVINO.-
Antonio Amodeo

giovedì 17 giugno 2010

L'ASILO PARROCCHIALE. CONTINUAZIONE.

Assumo la paternità e la RESPONSABILITA' di tutti i commenti anonimi al mio post, pubblicato in data 03.06. c.a., relativi alla Scuola materna parrocchiale.
CHIUNQUE SIA STATO LESO, IN QUALSIASI MODO, PUO' CONTATTARMI DIRETTAMENTE PER PATTUIRE L'ENTITA' E LE MODALITA' DEL RISARCIMENTO DANNI.
ASSUMO ANCHE L'ONERE DELLA DIFESA DEI DIRITTI DELLA SCUOLA MATERNA PRIVATA ED, IN QUESTO PARTICOLARE CASO, ANCHE CATTOLICA.
In atto gestita dalla locale Parrocchia in CONVENZIONE approvata con regolare delibera del Consiglio comunale, MAI REVOCATA O MODIFICATA.

"ORA VIDEMU" lo dico IO: il cittadino Antonio Amodeo.

NON PUO' DIRLO UN ANONIMO QUALUNQUE. Non è titolato, nè autorizzato, nè delegato ad affermarlo l'ARROGANTE E PREPOTENTE ANONIMO (forse anche mafioso?) che ha postato tale sfida col commento delle ore 00.41 del 04.06.10.-
La pubblica amministrazione non è un patrimonio personale gestibile con regole private.
Prego devotamente e pubblicamente Sua Eccellenza Reverendissima MONSIGNOR IGNAZIO ZAMBITO, Vescovo di Patti, di volere PERSONALMENTE esaminare quanto denunciato dall'anonimo commentatore alle ore 20.37 del 04.06.2010.
Commento da me personalmente APPROVATO E CONDIVISO per diretta conoscenza.
Mi dichiaro disponibile ad essere ascoltato come "PERSONA INFORMATA DEI FATTI" da chiunque lo ritenesse opportuno.
Al giovane Francesco Rando esprimo la mia totale solidarietà per la particolare condizione famigliare.
ELOGIO IL SUO IMPEGNO NEL VOLONTARIATO.
Mi riservo di esaminare, appena mi sarà possibile, la sua posizione rispetto ai lavori intrapresi nell'asilo parrocchiale del quale egli dovrebbe conoscere ogni dettaglio. NE PARLEREMO DETTAGLIATAMENTE.

DESIDERO RAMMENTARE A TUTTI CHE IL VOLONTARIATO AD OLIVERI NON E'
NATO CON L'ASVO. E' CONNATURATO CON LE ORIGINI DEL NOSTRO PAESE.

ED E' STATO, FINO AD IERI, UN VOLONTARIATO SPONTANEO E GRATUITO.
NON FINANZIATO DA ENTI PUBBLICI O PRIVATI.

ULTIMA, CRONOLOGICAMENTE, LA GLORIOSA MISERICORDIA CHE E' STATA ED E' UTILISSIMA E DI CONFORTO PER NOI TUTTI CITTADINI.

IERI MOLTO AMBITA E CORTEGGIATA. OGGI ABBANDONATA SOPRATTUTTO DA COLORO I QUALI L'HANNO PIU' AMATA. CHISSA' PER QUALE MOTIVO.

NON CITO VOLUTAMENTE - MI SCUSO - TUTTE LE ALTRE ASSOCIAZIONI.
L'ELENCO E' MOLTO LUNGO.

NON POSSO OMETTERE, PERO', DI RICORDARE IL NOBILE IMPEGNO DEL COMPIANTO TINDARO SAPORITO IL QUALE, ASSIEME AD ALTRI VOLONTARI LOCALI, HA COMPIUTO SVARIATE MISSIONI OLTRE STRETTO PER PORTARE SOCCORSO ED AIUTO A QUELLE POPOLAZIONI COLPITE DA SEVERISSIME CALAMITA' NATURALI.

Con grande naturalezza e grandissima umiltà. Senza policromatiche divise. senza contributi.
Sacrificando il proprio lavoro, il riposo e la famiglia. SENZA SPOCCHIOSA ESIBIZIONE.
Con innato altruismo. Senza essere immortalato da costosissime foto e filmini.

Sintetizzando: CON VERA E GRANDISSIMA NOBILTA' D'ANIMO !.-
Antonio Amodeo

mercoledì 16 giugno 2010

QUANNU U SCECCU NON VOLI BIVIRI.......

....... E' INUTILE CHI CI FRISCHI. NON BIVI!!!!.

Questo è il proverbi0 che ci hanno tramandato i nostri saggi, incolti ed analfabeti progenitori.
CHE NON E' RIVOLTO AI GANTILI LETTORI DI QUESTO BLOG.
Ma è rivolto agli anonimi professionisti della calunnia e della provocazione.
I quali non hanno voluto accettare il mio cortese appello del giorno 4 c.m.-
Col quale li avevo pregato di "NON POSTARE COMMENTI ANONIMI DIFFAMATORI O COMUNQUE LESIVI DELLA DIGNITA' ALTRUI". Fermo restando che potevano continuare a postare qualunque commento riguardante la mia persona.
Ed aggiungevo: "NON POSSO CONSENTIRE CHE POCHI CALUNNIATORI IRRESPONSABILI UTILIZZINO IL MIO BLOG PER DIFFAMARE ANONIMAMENTE SINGOLI CITTADINI O RAPPRESENTANTI ISTITUZIONALI".
Ho pregato "CHIUNQUE SI RITENESSE DIFFAMATO, INGIURIATO o DENIGRATO" di contattarmi per postare una opportuna smentita.
Nessuno mi ha contattato.
In un momento di gravosi impegni dovuti all'imminente matrimonio di mi figlio, ho dovuto allentare la mia vigilanza sul controllo dei commenti.
Grazie alla vigile ed esperta attenzione di Maurizio Pirrotti ho scoperto la TRAPPOLA tesami dai miei affettuosi DENIGRATORI ed ho subito capito DOVE VOLEVANO CONDURMI.
HO IMMEDIATAMENTE, anche se tardivamente, attuato i rimedi preannunciati con l'avviso del giorno 4 c.m.-
Col quale affermai: "PER LIBERA SCELTA, NON INTENDEREI RICORRERE ALLA SELEZIONE DEI COMMENTI.
MA, SE COSTRETTO DAGLI ABUSI, DOVRO' NECESSARIAMENTE PROVVEDERE AL FINE DI TUTELARE IL RISPETTO DELLA DIGNITA' UMANA.
OLIVERI SI E' SEMPRE DISTINTA PER SIGNORILITA' E RISPETTO UMANO.
SONO CERTO CHE IL MIO CORTESE INVITO SARA' ACCETTATO E RISPETTATO".

HO FISCHIATO INUTILMENTE. U SCECCU NON VOSI BIVIRI.
PICCHI' U SCECCU INTELLIGENTI PINSAVA DI FARIMI CHIUDIRI I BLOG !.

Ma è rimasto FREGATO. ESISTONO ANCORA I VERI AMICI CHE VIGILANO!

I soliti "NOTI IGNOTI" anonimi hanno continuato a riversare fango su tutti.
Infangando anche la CIVILISSIMA OLIVERI.
Della quale, poco prima avevo detto che: "SI E' SEMPRE DISTINTA PER SIGNORILITA' E RISPETTO UMANO".
Incredulo, ho dovuto constatare che alcuni MALFATTORI hanno disatteso il mio invito ed hanno deliberatamente teso una micidiale trappola.
Per cui, così come promesso, sono stato costretto a rivolgermi ad un esperto per far installare il necessario accorgimento idoneo a controllare ed autorizzare la pubblicazione dei commenti.

SONO STATO MOLTO INGENUO A FIDARMI DELLA BONTA' ALTRUI.
HO DIMENTICATO CHE "IL LUPO CAMBIA IL PELO MA NON IL VIZIO".
Me lo ricorderò per tutta la vita!. Il proverbio dice: "A VECCHIA AVIA CENT'ANNI E ANCORA IMPARAVA". Non è mai troppo tardi a riconoscere i propri errori.
Ma non intendo costituirmi alibi.
MI ASSUMO PIENAMENTE TUTTA LA RESPONSABILITA' MORALE E PENALE DELLE MIE OMISSIONI.
Non credo, infatti, che le mie DOVUTE E SENTITE SCUSE possano ripagare i danni causati dagli anonimi diffamatori.
Pertanto, prego TUTTI I DIFFAMATI a volere ACCETTARE LA MIA SOLIDARIETA' IL MIO RINCRESCIMENTO E LA DISPONIBILITA' A COMPENSARE I DANNI SUBITI.
Antonio Amodeo

lunedì 14 giugno 2010

LEGGE 16.12.2008, n.22

Titolo 1
COMPOSIZIONE DELLE GIUNTE. STATUS DEGI AMMINISTRATORI LOCALI E MISURE DI CONTENUMENTO DELLA SPESA PUBBLICA.
Art. 1
Composizione delle giunte comunali e provinciali.
omissis
Nella cornice del titolo vi è inserito un concetto molto invocato da tutti ma, nei fatti, disatteso da tutti: IL CONTENIMENTO DELLA SPESA PUBBLICA.
Sicchè, ciascun Consiglio comunale dovrebbe responsabilmente cominciare ad individuare quali economie si possono realizzare per contenere la spesa di competenza.
Cominciando, ovviamente, dalla composizione della giunta, dalla dotazione organica del Personale "QUALIFICATO E COMPETENTE" necessario per gestire con la dovuta CORRETTEZZA, PROFESSIONALITA' ED EFFICIENZA i compiti ISTITUZIONALI e non quelli privati e famigliari, come usa fare da sempre qualche dipendente di nostra conoscenza.
Passando poi alla selezione delle esigenze PRIMARIE della collettività che non sono sicuramente quelle dei continui festeggiamenti. I quali, oltre a contribuire pesantemente allo sperpero di denaro pubblico, infastidiscono quei molti concittadini che, per motivi di salute o di lavoro, sono COSTRETTI a subirli perchè vengono organizzati in pieno centro abitato.
E finendo con la riduzione od - occorrendo - la totale eliminazione del FUTILE e del SUPERFLUO.
L'art. 1 della citata legge sancisce che nei comuni con popolazione fino a 10.000 abitanti il numero degli assessori non PUO' comunque essere superiore a 4.
Non impone che DEVE essere di QUATTRO.
L'espressione "non può essere superiore a 4" nè letteralmente, nè politicamente, nè giuridicamente, nè ECONOMICAMENTE, nè socialmente, nè MORALMENTE significa che "DEVE ESSERE NECESSARIAMENTE QUATTRO E NON MENO DI QUATTRO".
Nella volontà del LEGISLATORE non è insito il concetto di obbligare i Comuni a rispettare RIGOROSAMENTE tale numero.
Vi è, semmai, l'INVITO ESPLICITO a valutare responsabilmente ed oculatamente le singole reali necessità locali. SENZA, PERO', PERDERE DI VISTA il concetto ispiratore della RIDUZIONE della spesa pubblica.
Per tale motivo ,infatti, il Legislatore con l'art. 22 offre ai Comuni fino a 3.000 abitanti la possibilità di attribuire agli Assessori la responsabilità degli uffici e dei servizi ed il potere di adottare atti anche di natura tecnica gestionale. "Anche al fine di operare un contenimento della spesa".
Tutto questo, tradotto in termini pratici, significa che si può alleggerire l'organico del Personale interno ed aumentare quello esterno dando, contemporaneamente, ai cittadini elettori la possibilità di eleggere Assessori DESIGNATI con doppia funzione "POLITICA" e "TECNICA".
Tale possibilità, NECESSARIAMENTE, presuppone tre condizioni fondamentali:
1 - DEVE ESSERE CONDIVISA DAGLI ELETTORI.
2 - GLI ASSESSORI DESIGNATI DEBBONO POSSEDERE REALI E SPERIMENTATE CAPACITA' DI GESTIRE LE FUNZIONI AFFIDATE.
3 - IL CANDIDATO SINDACO DEVE RISPETTARE L'AUTONOMIA GESTIONALE DEGLI ASSESSORI SENZA RICORRERE IMMOTIVATAMENTE O DISPOTICAMENTE AL SUO INSOPPRIMIBILE POTERE DI REVOCA.
Il consiglio comunale DEVE al più presto affrontare e regolamentare questo delicato argomento.
Anche in considerazione dell'imminente arrivo del TEMPORALE: IL FEDERALISMO FISCALE CHE NON CONSENTIRA' ALCUN SCONTO AGLI SPROVVEDUTI IMPREPARATI.
Per costoro il rimedio è già pronto. Elegantemente lo chiamano ACCORPAMENTO !.
Che dovrebbe essere un ACCOPPIAMENTO ! Con chi ? QUALCUNO GONGOLA !.
Purtroppo, QUESTA SARA' L'AMARA MEDICINA PER QUEI COMUNI CHE NON SAPRANNO GARENTIRE L'AUTOSUFFICIENZA.
Meditiamo.
Antonio Amodeo

domenica 13 giugno 2010

FONTANA SAN LEO

Alle ore 23.43 dell'11 giugno c.a. un cortese anonimo ha postato il seguente commento al mio post pubblicato martedì 08.06.2010:
"FONTANA SAN LEO. IL SIG. AMODEO HA COSTRUITO. LE OPERE DI URBANIZZAZIONE LE HA CEDUTE AL COMUNE. ASPETTIAMO RISPOSTA.......".
Rispondo: Amodeo non ha costruito. Le opere di urbanizzazione saranno cedute al Comune al momento giusto.
Il Comune è garantito dalla convenzione stipulata con i lottizzanti.
Amodeo, PER GARANZIA, ha versato alla Tesoreria comunale (banca Commerciale, sede di Oliveri) la somma di lire 1.524.838,00 in data 28 agosto 2000. La somma non è fruttifera.
Congratulazioni all'anonimo che dimostra molta sensibilità per il rispetto degli obblighi assunti dai Cittadini di Oliveri verso il Comune.
MI AUGURO CHE VOGLIA UTILIZZARE UGUALE SENSIBILITA' NEI CONFRONTI DEI NUMEROSI INADEMPIENTI AGLI IMPEGNI ASSUNTI MOLTO PIU' SOSTANZIOSI E GIA' SCADUTI DA PARECCHI ANNI.
I cittadini DOVREMMO essere tutti UGUALI.-
Antonio Amodeo

sabato 12 giugno 2010

GLI ANONIMI SINCERI SONO MOLTO UTILI

Per anni, ho desiderato conoscere il motivo per cui l'Assessore Carmelo Sidoti (donna Rosa) si era dimesso dalla carica di Assessore. La piazza aveva attribuito tale decisione a non meglio definiti "CONTRASTI" col Sindaco Giovanni Gregorio.
Nel mio post precedente attribuivo, INCAUTAMENTE, la defezione ad una TROMBATURA del Sindaco. Mi scuso, sinceramente pentito, sia col Sindaco Gregorio che con i gentili lettori.
Un cortese anonimo ha voluto correggere il mio errore e chiarire i dubbi di alcuni commentatori al post relativo al Campeggio Baia del Principe.
Stamattina ho trovato nella cassetta della posta la fotocopia di un ricorso dattiloscritto datato 17.07.95 firmato da tale Barresi Giuseppe, non identificato.
Lo pubblico volentieri integralmente per informare i cittadini interessati.
Mi duole constatare che recentemente HO SFONDATO UNA PORTA GIA' APERTA NEL LONTANO 1995!. Mi vergogno e chiedo perdono a tutti. La SCHIFEZZA è molto antica.
Il ricorso venne inviato a:
- PREFETTO di MESSINA
- ASSESSORATO REGIONALE TERRITORIO ED AMBIENTE DI PALERMO
- PROCURA DELLA REPUBBLICA DI PATTI
- SINDACO DI OLIVERI

OGGETTO: Ricorso per l'annullamento della concessione edilizia in sanatoria n. 28/95 alla Ditta Baya del Principe.

- PREMESSO che l'art. 39 della L.30/12/94 di sanatoria Edilizia non è stata ancora recepita dalla Regione Siciliana; recepimento necessario dal comma 21 dell'art.39 della legge citata e che la C.E. fa solo riferimento generico alle vecchie L.R.37/85 e L.47/85 le cui domande scadevano nel 1986.
- CONSIDERATO che il progetto di sanatoria edilizia non poteva essere esaminato dalla Commissione Edilizia non esistendo legge di sanatoria.
- Visti gli elaborati progettuali che sono falsi perchè non attinenti la realtà e più volte integrati e sostituiti illegalmente dal padre dell'Assessore Sidoti Carmelo, responsabile del Baya del Principe e dal responsabile dell'istruttoria delle sanatorie Ing. Chiofalo Nunziato socio dello stesso campeggio; complice il Sindaco ed i Vigili Urbani.
- EVIDENZIATO che dalla relazione di immissione in possesso delle opere abusive al Comune da parte del tecnico comunale Geom. Ravidà al progetto per l'ottenimento assurdo ed infelice, della sanatoria in base all'art.13/47 (regolarmente passato favorevolmente dalla Commissione Edilizia) e poi con questa sanatoria inesistente (solo al momento statale) vi sono evidenti variazioni di corpi di fabbrica (ingranditi - spostati - creati).
- RILEVATO che n. 1 corpo di fabbrica adibito a servizi è stato realizzato fra la fine del 1994 e il 1995 e che non esiste nei primi progetti e nella relazione del tecnico così come è oggi.
- EVIDENZIATO che il fabbricato adibito a Direzione del Campeggio (non sanabile nè descritto nella C.E. in sanatoria) sino all'estate 1994 era in area demaniale e subito entrando a destra (notorio a migliaia di persone, Autorità comprese) nella primavera 1995 è stato demolito e rifatto entrando a sinistra in area di proprietà senza alcuna autorizzazione.
- VISTO che quest'ultimo fabbricato non è menzionato nel progetto di sanatoria perchè segnato con imbroglio nella giusta posizione da sanare e haimè! sanato anche se realizzato nel 1995.
- RITENUTO che non è possibile sanare un campeggio senza direzione essenziale per l'attività e quindi l'intero campeggio è da ritenersi non concluso che non può funzionare - perciò non sanabile.
- VISTO che l'area dei 150 metri dal mare segnata nella carta del progetto a parcheggio è di fatto da sempre (constatabile da tutti facilmente) utilizzato a campeggio con il fisso stazionamento di roulottes ed è stata realizzata con opere di urbanizzazione con piazzole per mettere le roulottes cosa insanabile per l'art.33/47.
- CONSIDERATO che è stato chiuso ed utilizzato mq. 5.000 circa di demanio dello stato ramo marina.
- SICURO che il Sindaco di Oliveri può farli lavorare abusivamente con la complicità di altre Autorità.
- NON TACIUTO che il campeggio ha fissato al cancello una tabella con la scritta "Istrutturazione e chiuso" ed ha lavorato senza problemi sia come campeggio che ristrutturazione senza le necessarie autorizzazioni.
- CONSIDERATA ridicola la norma della C.E. in sanatoria "di non potere utilizzare la fascia entro 30 Mt. dal demanio se non prima avuto l'art. 55 Cod. Nav." - visto che per anni (10 circa o più) hanno utilizzato una struttura in possesso o meglio concessa al Comune dal Demanio.
- RITENUTO giusto che l'art. 55 C.N. deve essere richiesto prima della C.E. e giusto fare lasciare prima il demanio (mettendo ad ripristinum il terreno come era prima) e dopo si rilascia la licenza.
- RITENUTA illegittimo il cmportamento del Sindaco e del tecnico comunale Ing. Chiofalo con interessi personali e Assessore Sidoti che calpestano le norme di legge da rispettare.
- PENSANDO sicuramente onesto finire prima le pratiche di sanatoria del 1986 e poi passare agli interessi particolari del tecnico e del padre dell'Assessore Sidoti.
- RILEVATO che non vi è parere favorevole dell'appositore del vincolo predisposto allo esproprio dell'area in cui ricade il campeggio cioè il Consiglio Comunale di Oliveri.
- SICURI che dimissioni o non dimissioni dell'Assessore Sidoti figlio del Presidente cioè titolare del Campeggio non possono fare passare una concessione edilizia spudoratemente illegittima e non spettante.
- INDIGNATO dalla prepotenza di questo gruppo di persone uniti in politica per propri interessi ed a solo scopo di imbrogliare, intimorire nemici e chissà cos'altro
SI CHIEDE
- L'ANNULLAMENTO DELLA CONCESSIONE EDILIZIA IN SANATORIA N. 28/95 ALLA DITTA BAYA DEL PRINCIPE PER IL CAMPEGGIO CON NECESSARIA CI CREDA INDISPENSABILE LEZIONE PENALE, CIVILISSIMA E GIUSTA, A QUESTI PERSONAGGI CHE HANNO INFANGATO IL NOME DI OLIVERI.-
lì 17 Luglio 1995
Barresi Giuseppe (dattilografato). Sovrapposta sigla.
DA PARTE MIA, NESSUN COMMENTO. AI POSTERI L'ARDUA SENTENZA.
Voglio semplicemente augurarmi che detto ricorso non sia mai arrivato ai DESTINATARI.
ABBIAMO UNA SOLA CERTEZZA: LE MISTERIOSE DIMISSIONI DI DUE ASSESSORI!.
Antonio Amodeo

venerdì 11 giugno 2010

IL CESSOTTO

In data 07.03.90 il Consiglio comunale di Oliveri, con voti unanimi, ha approvato la delibera n. 15 avente per oggetto: L.R. n. 66/53. Preventivo per acquisto toilette automatica e cestini gettacarte.
Presenti i consiglieri: Amode Antonio, Bertino Nicola, Maiorana Mariano, Bertino Giacomo, Iarrera Giovanni (u binzinaru), Gregorio Giovanni Gennaro, Maisano Filippo, D'Amico Rosario.
Con detto provvedimento HA DELIBERATO:
1) - Approvare gli allegati preventivi della Ditta ITALTECNICA per l'acquisto di una toilette automatica ed autopulente T. MATIC, con le caratteristiche di cui all'allegato preventivo e per il prezzo di lire 66.759.ooo IVA compresa e per l'acquisto di n. 20 cestini gettacarte integrato per la raccolta differenziata della capacità di litri 120, con le caratteristiche di cui all'allegato preventivo, per il prezzo di lire 511.700 cadauno e per complessive lire 10.240.000.-
2) - Chiedere all'Assessorato regionale Enti Locali, ai sensi della L.R. 14.12.53, n. 66 sulla spesa complessiva di lire 76.993.000, il contributo dell'80% pari a lire 61.594.400.-
3) - Impegnare il rimanente 20% pari a lire 15.398.600, relativo alla quota a carico del Comune sul cap. 12641/1989, destinato ad interventi straordinari per il potenziamento dei servizi.-
4) - Procedere all'acquisto, dopo aver ottenuto il contributo regionale, ai sensi e con le modalità dell'art. 95 Ordinamento Enti Locali e dell'art. 42 del relativo regolamento di esecuzione.
Dopo la concessione del contributo dell'80% dalla Regione, in data 16.02.91 venne espletata regolare gara a licitazione privata alla quale vennero invitate le seguenti Ditte:
1 - FOR.EL. Viale Regione Siciliana Palermo
2 - ITALTECNICA Via LIBERTA' PALERMO
3 - BIANCUZZO MARIA Via Vittorio Veneto CAPO D'ORLANDO
4 - ORA SPA Via Enrico Fermi ALA
5 - G.P.A. vicolo Amato PALERMO
6 - SICILCOM Via Segesta PALERMO
7 - LA STRADALE Via Serracapilli EBOLI
8 - METAL IMPIANTI Via Mariano Stabile PALERMO
9 - P.T. MATIC SPA Via Elba MILANO
10 - SALEMI GIOVANNI Strada Statale 11 VITTUONE
11 - CAMPOPLAST via xx Luglio CAMPOGALLIANO.
La migliore offerta risultò quella della Ditta ITALTECNICA alla quale venne affidata la fornitura.
Il relativo verbale di aggiudicazione venne approvato dalla Giunta Municipale con delibera n. 70 del 16.02.91.
Dopo la regolare fornitura del materiale oggetto della gara, la Giunta Municipale - presieduta dal Vice Sindaco Nicola Bertino e presenti gli Assessori Bertino Giacomo, Gregorio Giovanni ed Alessandro Carmelo - con delibera n. 351 del 13.07.91, con voti unanimi, deliberò di liquidare alla Ditta ITALTECNICA la somma complessiva di lire 76.355.987, IVA compresa.
A seguito di una indagine esperita dai Carabinieri di S.Stefano Camastra per una fornitura effettuata dall'Italtecnica in quel Comune, venne accertato che la suddetta Ditta aveva effettuato notevoli forniture in tutta la Sicilia con modalità molto sospette.
Per quanto riguarda la provincia di Messina, vennero arrestati e tradotti in carcere numerosi amministratori comunali.
L'elenco completo venne pubblicato dalla Gazzetta del Sud Venerdì 07 marzo 1995, pag. 26.
In detto elenco NON E' INCLUSO IL SINDACO DI OLIVERI, Antonio Amodeo.
Il quale, però, SOLTANTO PERCHE' "INDIZIATO", con provvedimento del GIP datato 18.03.93, VENNE SOSPESO DALLA CARICA DI SINDACO PER MESI DUE "per il concreto pericolo che il prevenuto, continuando a svolgere la funzione, possa commettere altri delitti della stessa specie".
PROVVEDIMENTO ASSURDO E SPECIOSO sia in considerazione della durata che in relazione alla imminente scadenza del mandato elettorale.
IL BRAVO SILVIO LO AVREBBE DEFINITO UN PROVVEDIMENTO AD OROLOGERIA!.
Solo che il GIP non poteva sapere che Antonio Amodeo aveva autonomamente e volontariamente deciso con largo anticipo di non candidarsi per la Sindacatura e che la locale sezione della Democrazia Cristiana aveva designato il Prof. Stefano Squadrito.
Il quale, A CAUSA DELLA SUA DIRITTURA MORALE, non era gradito ne AI SOLITI PURITANI GRUPPI DOMINANTI GESTORI DI CENTO VOTI CIASCUNO, NE' AL MOVIMENTO CONTO LORO, NE' AL RAMPANTE DEMOCRISTIANO DOC GIOVANNI GREGORIO il quale non poteva accettare che venisse interrotta la sua scalata al potere sia a Librizzi - suo paese d'origine dove era molto amato dai democristiani locali - sia ad Oliveri dove con la sua dotta penna aveva stregato gli ignari paesani che non conoscevano le sue virtù recondite.
Sicchè, FURBESCAMENTE, raccolse i voti di tutti gli "SCONTENTI" SENZA MOTIVO e di tutti i neo aspiranti amministratori fra i quali spiccava qualcuno che si autodefiniva "FIGLIO D'ARTE". Ma non abbiamo mai capito di quale tipo d'arte parlasse!.
E PER SIFFATTI MERITI, dopo la conquista del potere, ALCUNI FURONO REGOLARMENTE TROMBATI DALL'ASTUTO ED ENERGICO NEO SINDACO.
Così, liberatosi da lacci a lacciuoli, ha potuto realizzare il BENE DEL POPOLO.
Quel bene del quale ancora oggi noi tutti godiamo: IL DISASTRO IRREVERSIBILE !.
Ho voluto riferire quanto sopra a beneficio dell'anonimo che mi ha chiesto di parlare del cessotto.
L'HO PERZIALMENTE SERVITO CON UN PICCOLO ACCONTO. A gentile richiesta, possiamo continuare. Anche se ciò potrà dispiacere a chi insistentemente mi chiede di cambiare registro. TROPPO COMODO QUANDO LA PAGLIUZZA NON ENTRA NEL NOSTRO.....OCCHIO !.
A beneficio anche dell'altro anonimo che mi attribuisce il merito di avere "PROPINATO" il librizzano ed il proposito di sponsorizzarne altri. MA IN QUALE MONDO VIVETE ?.
Io tento semplicemente di far capire a chi vuol capire in quale PIANETA viviamo.
Soprattutto ai giovani ed agli immigrati che non conoscono i nostri "AMMALIATORI DI SERPENTI" e non conoscono la nostra origine e quella dei nostri avi.
Chiunque tenta di attribuirmi altre finalità, mente sapendo di mentire.
Antonio Amodeo

giovedì 10 giugno 2010

CLASSE POLITICA DEL SUD: ASCARA E TRASFORMISTA

"Il cittadino a cui manca tutto: dal lavoro alla protezione sociale, non è libero di scegliere".

Questo è il titolo di un articolo pubblicato su "LA SVOLTA DEL LAVORO" dalla CISL di Messina edizione online www. lasvoltadellavoro.it.-
Lo propongo integralmente ai lettori di questo blog.
"L'Italia non ha mai adottato una autentica politica di riequilibrio.
La Sicilia non ha mai avuto una classe politica capace di annullare la divaricazione nord-sud.
La stessa autonomia speciale non ha giovato anzi, in tanti campi, ha provocato più guasti che vantaggi.
Così, oggi, i giovani sono costretti ad emigrare, gli anziani a difendersi tra disagi sociali e sanitari e con pensioni basse (ad eccezione degli ex dipendenti della Regione che, insieme con gli onorevoli regionali, godono di assurdi privilegi) e l'intera regione fa registrare la più alta percentuale di persone povere.
Eppure la Sicilia vota centrodestra, cioè per il governo al potere.
Cuffaro ha devastato la Sicilia del lavoro, ha fatto scempio della sanità ed è stato eletto, rieletto e votatissimo.
Dei parlamentari nominati da Berlusconi raramente si è sentito che qualcuno assumesse iniziative per contrastare il dominio della lega che, insieme con Berlusconi e Tremonti, rapinava persino le risorse europee destinate al sud .
Non sono migliori gran parte degli amministratori locali, spesso trasformisti, ascari, comunque volti alle clientele, agli interessi privati, alla quotidianità, privi di spessore.
Eppure continuiamo a votarli. Perchè ?
Perchè non siamo liberi; perchè soffriamo di un deficit culturale che ci condiziona pesantemente.
Non è libero chi non riesce a trovare un lavoro; non è libero chi non può accedere ad una buona sanità o - se anziano solo o diversamente abile - ad adeguati servizi reali.
I politici e gli amministratori, tantissimi di essi, pensano a se stessi, alla loro famiglia, alle clientele, alle logge, ai clan.
Promettono, promettono, soltanto promettono.
Sembra che operino - non si capisce se per incapacità o per disegno diabolico - affinchè manchi tutto, persino la trasparenza e l'informazione, in maniera che anche ciò che viene dato perchè è un diritto possa essere spacciato per un favore che dovrà essere compensato con il voto.
Vivono di apparenza, supponenza.
Offrono qualche consulenza, qualche posto di esperto o di consigliere; vendono tanto fumo da annebbiare la testa di migliaia di persone ingenue.
Spesso sono medici, perchè la medicina non funziona e basta fare il proprio dovere per apparire benefattori; spesso sno soltanto concorrenti ad un posto: ascari, trasformisti, arrivisti, egoisti.
Ovvero soltanto dei poveretti senza arte ne parte, ma furbi, troppo furbi.
Ci libereremo dal bisogno allorchè ci libereremo di questa classe politica insignificante.
Per liberarcene, dobbiamo avere più fiducia in noi stessi, nei valori autentici della dottrina sociale cristiana, nel riformismo, nel bene comune.
"IL MONDO E' UN DISASTRO - affermava Einstein - PER COLPA DEI MALFATTORI MA ANCHE DEI GIUSTI CHE SE NE STANNO A GUARDARE" . -
Così conclude l'articolo pubblicato dalla CISL di Messina, la quale dice che questo è l'andazzo della politica del sud ed in particolare della Sicilia.
Io penso che la nostra politica locale non è tale,
Non so come la pensano i lettori di questo blog.
Antonio Amodeo

mercoledì 9 giugno 2010

UN DOVEROSO RINGRAZIAMENTO A MAURIZIO PIRROTTI

Ringrazio pubblicamente Maurizio Pirrotti per avere inserito ieri sul suo blog "OLIVERILIBERA" il video dal quale si evince CHIARAMENTE che i volontari della Protezione Civile lavorano alacremente per rinfrescare i locali che prossimamente dovranno ospitare le suore richieste per gestire l'Asilo Parrocchiale.
I bambini ed i loro genitori possono essere contenti per avere provvidenzialmente ottenuto quanto da essi auspicato e sperato.
Un pubblico ringraziamento anche ai volontari dell'ASVO ed alle Autorità Comunali che con tanto zelo curano l'interesse ed il benessere dei nostri bambini.
Ancora una volta - ma era scontato - viene dimostrato che i blog, se correttamente gestiti, CONTRIBUISCONO A DIFFONDERE LA VERITA' ED A FAR CRESCERE LA DEMOCRAZIA. Specie dove manca.
E, per quanto ci riguarda, caro Maurizio, SERVONO SOPRATTUTTO A DIMOSTRARE CHE OLIVERI E' VERAMENTE LIBERA.
Ma ancora da liberare dall'IPOCRISIA DEGLI OPERATORI LOCALI A TUTTI I LIVELLI.
Antonio Amodeo

martedì 8 giugno 2010

INVITO AI MIEI COLLEGHI AFFARISTI

In questi giorni mi sono messo alla ricerca dei documenti contabili relativi ai miei "AFFARI".
Ne ho trovati molti. Sicuramente li troverò tutti. Occorre tempo, volontà e tenacia.
Non possiedo false fatture. Ho i tronconi dei vaglia cambiari del Banco di Sicilia con cui la Ferrovia pagava gli stipendi a noi dipendenti.
Sto ricercando anche i tronconi degli assegni di conto corrente con i quali pagavo i lavori eseguiti dalle numerose ditte ed artigiani che hanno prestato la loro opera.
Riferirò dettagliatamente appena ultimata la ricerca.
INVITO TUTTI I MIEI COLLEGHI AFFARISTI A VOLERE VOLONTARIAMENTE PUBBLICARE IL RESOCONTO DEI LORO AFFARI.
Sono disponibile ad ospitarli su questo blog, se continuerà a sopravvivere.
Desidero anticipare qualche dato relativo alla costruzione della mia casa su terreno DONATOMI da mio padre.
Concessione edilizia n. 9 rilasciata in data 23 marzo 1984 dal Sindaco Girolamo Sidoti.
Progettista e Direttore Lavori Dott. Ing. Giuseppe Lo Presti.
Dal 03 ottobre 1986 sostituito Direttore Lavori con Dott. Ing. Antonio Marcoli.
Variante n. 1 in data 04 marzo 1994.
Concessione edilizia rilasciata dal Sindaco Dott. Giovanni Gregorio.
Progettista Geometra Filippo Licandro, calcolista Dott. Ing. Carmelo Liprino.
Costo progettazione e direzione lavori lire 9.336.750 (novemilioni trecentotrentaseimila settecentocinquanta) interamente pagate.
Costo del primo lavoro eseguito a cottimo fiduciario dalla Ditta Calabrese Gaetano e conteggiato dal Geometra Filippo Licandro lire 23.375.930 (ventitremilioni trecentosettantacinquemila novecentotrenta) interamente pagate.
La casa fu pronta e subito abitata in data 23 marzo 1999. Dopo 15 anni dal rilascio della prima concessione edilizia. E dopo avere riscosso ed investita la cosidetta BUONUSCITA mia e di mia moglie, nonchè dopo avere ottenuto un prestito di lire 10.000.000 (diecimilioni) generosamente concessomi dalla Banca di Messina sede di Patti.
Appena possibile, pubbicherò il resoconto totale.
SAREI FELICE SE I MIEI COLLEGHI VOLESSERO IMITARMI .-
Antonio Amodeo

lunedì 7 giugno 2010

LETTERA APERTA AGLI AMMINISTRATORI ED A TUTTI I CONSIGLIERI DEL COMUNE DI OLIVERI

La legge regionale 16 dicembre 2008 n. 22 ha per oggetto:
Composizione delle Giunte. Status degli amministratori locali e misure di contenimento della spesa pubblica. Soglia di sbarramento nelle elezioni comunali e provinciali della Regione. Disposizioni varie.
L'art. 1 - Composizione delle Giunte comunali e provinciali - recita testualmente:
1. L'art. 33 della legge 8 giugno 1990, n. 142, come introdotto dall'art. 1, comma 1, lettera e), della legge regionale 11 dicembre 1991, n. 48 e successive modifiche ed integrazioni, è sostituito dal seguente:
"Art. 33, Composizione della giunta dei comuni e delle province regionali -
1, La giunta comunale e la giunta della provincia regionale sono composte rispettivamente dal sindaco e dal presidente della provincia regionale che le presiedono e da un numero di assessori, stabilito in modo aritmetico dagli statuti, CHE NON DEVE ESSERE SUPERIORE AL VENTI PER CENTO dei componenti dell'organo elettivo di riferimento. Nei comuni con popolazione fino a 10.000 abitanti il numero degli assessori non può comunque essere superiore a 4.
2. La variazione della popolazione accertata con censimenti nel corso del periodo di carica del sindaco o del presidente della provincia regionale comporta la modifica del numero degli assessori alla scadenza, naturale o anticipata, del periodo di carica".
Art. 2.
Adeguamento degli statuti
1. I comuni e le province adeguano i propri statuti alle disposizioni del comma 1 dell'art. 33 della legge 8 guigno 1990, n. 142, come introdotto dall'art. 1, comma 1, lettera e), della legge regionale 11 dicembre 1991, n. 48, nel testo sostituito dall'art. 1 della presente legge, entro il rinnovo delle cariche elettive.
2. In mancanza del necessario adeguamento di cui al comma 1, anche con riferimento alle previsioni degli articoli 7 e 9 della legge regionale 26 agosto 1992, n. 7 e degli articoli 3 e 5 della legge regionale 1 settembre 1993, n. 26, il numero degli assessori è comunque determinato, in occasione del rinnovo delle cariche elettive, nel numero massimo individuato dal comma 1 dell'articolo 33 della legge 8 giugno 1990, n. 142, come introdotto dall'articolo 1, comma 1, lettera e), della legge regionale 11 dicembre 1991, n. 48, nel testo sostituito dall'articolo 1 della presente legge.
Art. 22
Competenze gestionali degli assessori comunali
1. I comuni con popolazione inferiore a 3.000 abitanti, fatta salva l'ipotesi di cui all'art. 97, comma 4, lettera d), del decreto legislativo 18 agosto 2000, n. 267, ANCHE AL FINE DI OPERARE UN CONTENIMENTO DELLA SPESA, possono adottare disposizioni regolamentari organizzative, se necessario anche in deroga a quanto disposto dall'articolo 107 del medesimo decreto legislativo, ATTRIBUENDO AI COMPONENTI DELL'ORGANO ESECUTIVO LA RESPONSABILITA' DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI ED IL POTERE DI ADOTTARE ATTI ANCHE DI NATURA TECNICA GESTIONALE .
2. Il contenimento della spesa è documentato ogni anno, con apposita deliberazione, in sede di approvazione del bilancio".-
IL VENTI PER CENTO DI DODICI COMPONENTI IL CONSIGLIO E' UGUALE A DUE.
L'attuale giunta comunale è composta da quattro assessori. UN NUMERO DOPPIO.
OCCORRE, QUINDI, PROVVEDERE ALL'ADEGUAMENTO ALLA NUOVA LEGGE.
Segnalo che la giunta comunale di Messina - capoluogo di provincia con una popolazione di 252.000 abitanti - è composta da 15 assessori.
Pertanto il rapporto risultante è di UNO ASSESSORE PER 16.800 ABITANTI.
Il comune di S.Agata Militello - popolazione 12.876 - ha in carica QUATTRO ASSESSORI.
Il rapporto è di UNO ASSESSORE PER 3.219 ABITANTI.
Il comune di Termini Imerese - popolazione 26.958 - ha in carica CINQUE ASSESSORI.
Il rapporto è di UNO ASSESSORE PER 5.391 ABITANTI.
Il comune di Oliveri - popolazione circa 2.200 - ha in carica QUATTRO ASSESSORI (tanti quanti ne ha S.Agata che ha una popolazione sei volte maggiore).
Il rapporto è di UNO ASSESSORE PER 550 ABITANTI.
Cari lettori, ritenete che possiamo permetterci simile LUSSO o meglio SPERPERO per ZERO UTILITA' ?.
MEDITATE !!!!!
Antonio Amodeo

sabato 5 giugno 2010

RISPOSTA AL COMMENTO DEL 05 giugno 2010 ORE 21.04

Gentile Anonimo
Anzitutto desidero chiarirle che non considero Lei un CALUNNIATORE.
Desidero riconfermare che gli anonimi sono biasimabili quando calunniano o diffamano ingiustamente determinate persone non meritevoli di essere incolpate.
CHI SUGGERISCE IDEE PUO' FARLO ANCHE ANONIMAMENTE. Io sono disponibile ad ospitare sul mio blog tutti i contributi utili a far migliorare e progredire la nostra amata Oliveri.
Chiunque voglia, può inviarmeli per posta ordinaria o per Email all'indirizzo:
amodeoantonio@alice.it -
Lei può tranquillamente, se lo ritiene utile, continuare a postare nei commenti.
Temo, però, che non tutti i lettori abbiano la curiosità di leggere i commenti a notizie precedenti.
Credo, invece, che la comunicazione immediata sia più interessante ed efficace.
Per tale motivo Le ho dedicato questo post.
Relativamente alla pubblicazione della mappa dei terreni comunali devo deluderla.
Il mio livello di esperienza informatica non mi consente di eseguire tale operazione.
Provvederò in futuro a colmare questa mia vergognosa lacuna.
Immediatamente posso fornirle una pratica indicazione molto semplice.
Allo stato attuale, i terreni comunali gravati da usi civici ricadono, prevalentemente, nella zona ubicata a monte della SS 113 compresa fra il Torrente Oliveri (ad est) ed il torrente Saia Castello (ad ovest).
Meriterebbe un approfondimento anche il commento del 05 giugno 2010, ore 19.39.
Non ho sufficienti elementi per potere compiutamente esprimere un giudizio che, inevitabilmente, dovrebbe coinvolgere il settore delicatissimo degli "AFFARI".
E siccome - PER ALCUNI MIEI AMICI - io sarei il "PRIMO AFFARISTA" di questo allegro paese, MOMENTANEAMENTE devo rinviare l'argomento.
Riservandomi di riprenderlo il più presto possibile.
Ho impegni inderogabili molto più importanti per la mia famiglia.
Vogliate scusarmi.
Antonio Amodeo

venerdì 4 giugno 2010

I COMMENTI ANONIMI

Prego i cortesi lettori di questo blog di non postare commenti anonimi diffamanti o comunque lesivi della dignità altrui.
Potete liberamente postare qualsiasi tipo di commento anche anonimo che riguarda la mia persona.
NON POSSO CONSENTIRE CHE POCHI CALUNNIATORI IRRESPONSABILI UTILIZZINO IL MIO BLOG PER DIFFAMARE ANONIMAMENTE SINGOLI CITTADINI O RAPPRESENTANTI ISTITUZIONALI.
Chiunque si ritenesse diffamato, ingiuriato o denigrato è PREGATO DI CONTATTARMI PER POSTARE UNA OPPORTUNA SMENTITA.
Ho creato questo blog per agevolare un sereno, civile e democratico confronto di opinioni su tutti gli argomenti che possono interessare tutta la popolazione di Oliveri.
NON HO INTESO E NON INTENDO OFFRIRE UN COMODO MEZZO PER DIFFAMARE O COMUNQUE INSULTARE E DENIGRARE ANONIMAMENTE.
Per libera scelta, non intenderei ricorrere alla selezione dei commenti.
Ma, se costretto dagli abusi, dovrò necessariamente provvedere al fine di tutelare il rispetto della dignità umana.
Oliveri si è sempre distinta per SIGNORILITA' E RISPETTO UMANO.
Sono certo che il mio cortese invito sarà accettato e rispettato.
Ringrazio anticipatamente.
Antonio Amodeo

giovedì 3 giugno 2010

L'ASILO PARROCCHIALE

Mi è stato chiesto se sia legittimo concedere i locali della Scuola Materna Parrocchiale ad una Associazione di volontariato per gli usi contemplati dal suo statuto, diversi da finalità scolastiche.
Occorre premettere che il suddetto edificio è stato costruito nel quadriennio 1958 - 1962 per esplicita volontà dell'Amministrazione comunale guidata dal Sindaco Cav. Lorenzo Sturniolo.
In quel periodo non esisteva la Scuola Materna Statale istituita successivamente con la Legge 18 marzo 1968, n. 444.
Il terreno sul quale sorge detto edificio venne concesso gratuitamente al Comune di Oliveri dalla Marchesa Maria Bonaccorsi in Martorana con L'ESPRESSA CONDIZIONE che la realizzanda scuola VENISSE GESTITA DA SUORE RELIGIOSE.
L'opera fu finanziata dalla Cassa per il Mezzogiorno con i fondi previsti dalla legge istitutiva.
I locali annessi all'edificio scolastico a due sezioni vennero concepiti come alloggio per il custode.
Successivamente, il Comune di Oliveri per aderire alla volontà della donatrice del terreno dovette adattare l'alloggio suddetto alla esigenze delle Suore facendo costruire anche un altarino.
Allo stato attuale la gestione è affidata alla Parrocchia di Oliveri con regolare convenzione annuale decorrente dall'1 gennaio al 31 dicembre.
La Parrocchia - dopo la motivata rinuncia delle Suore francescane - ha contattato diversi Ordini di Religiose disponibili a curare la gestione della nostra Scuola materna.
Si prevede che a breve scadenza dovrebbe realizzarsi tale aspirazione delle numerose famiglie che preferiscono affidare i propri figli a tale tipo di gestione.
Allo stato attuale, non risulta che l'Amministrazione Comunale abbia adottato alcun provvedimento ufficiale tendente a disdire la vigente Convenzione con la Parrocchia.
Ritengo che un provvedimento mirante a destinare i locali della Scuola Materna Parrocchiale ad usi diversi sarebbe palesemente ILLEGITTIMO .
Pertanto, FACILMENTE ANNULLABILE per numerosi motivi.
Ometto di elencarli perchè credo che l'attuale Amministazione comunale non intenda adottare tale inconcepibile provvedimento neppure contemplato dal suo programma elettorale.
Nè sarebbe giustificato da impreviste ed imprevedibili reali esigenze.-
Antonio Amodeo

martedì 1 giugno 2010

LA LIBERTA'

La libertà, la salute ed il benessere si apprezzano di più dopo che si perdono.
Ma dopo la perdita, la riconquista sarà più difficile.
Non è raro che in piena democrazia, si avverta il senso dell'oppressione, delle costrizioni morali o materiali. Ciò accade quando i nostri Governanti, a tutti i livelli, non riescono o non vogliono capire le necessità della gente comune. Quando si dà per scontato che tutti stanno bene.
In quel momento, occorre mobilitare le forze e correre ai ripari.
IL DOVERE DI DIFENDERE LA LIBERTA' NON E' DEL SINGOLO. E' DI TUTTI.
Il rischio è collettivo.
Il Prof. Piero Calamandrei, insigne giurista, quando spiegava ai suoi Allievi il concetto di libertà e l'esigenza di tutelarla e difenderla, soleva citare la significativa avventura di due pescatori i quali stavano pescando durante una notte, apparentemente tranquilla, su una barca avuta in prestito da un amico comune.
I due pescatori si chiamavano Peppe ed Antonio. Non era Antonio Amodeo.
Colto dalla stanchezza e dal sonno, Peppe si rannicchiò a poppa e presto si addormentò.
Antonio, rimasto volontariamente solo a remare, improvvisamente si accorse che il mare si era agitato ed era in arrivo una furiosa tempesta.
Temendo per la loro incolumità, ritenne giusto svegliare il collega urlandogli: "PEPPE .... PEPPE SVEGLIATI ! E' IN ARRIVO UNA TEMPESTA !...... LA BARCA RISCHIA DI AFFONDARE". Di rimando, Peppe gli risponde: "NON M'INTERESSA ! LA BARCA NON E' MIA" !. Effettivamente la barca non era sua. Ma la vita era sua.
Perchè ho voluto raccontare la storiella ?.
Per dire che ringrazio tutti coloro i quali mi chiedono commenti, consigli e suggerimenti "SUI FATTI DEL GIORNO" e di archiviare il PASSATO .
Le attuali esigenze non si realizzano IGNORANDO il passato. TUTTALTRO.
La conoscenza del passato, spesso, aiuta a capire le connessioni col presente e contribuisce a trovare idonee soluzioni.
Ho lucidamente suggerito pubblicamente quali sono, a mio giudizio, le attuali urgenze per Oliveri.
NON POSSO SOSTITUIRMI A CHI GOVERNA .
NE', DA SOLO, POSSO COSTRINGERLI A GOVERNARE BENE .
La "BARCA" non è mia. E' NOSTRA . E' DI TUTTI.
Dobbiamo essere tutti a tirarla in salvo. Altrmenti affonda. Ed affonda per tutti.
HO GRIDATO E CONTINUERO' A GRIDARE CHE E' IN ARRIVO IL TEMPORALE !
Chi vuole svegliarsi, si svegli. Chi vuole affogare, affoghi comodamente.
Sono disponibile a contribuire al salvataggio limitatamente alle mie capacità.
MA IL MIO SACRIFICIO NON E' NECESSARIO .
Abbiamo esperti NAVIGATORI CHE POSSONO SALVARCI !
Ma, per maggiore sicurezza, PREPARIAMOCI UN IDONEO SALVAGENTE .-
Antonio Amodeo