domenica 28 febbraio 2010

LE MIE LETTERE AL PUNGIGLIONE

Precedentemente ho comunucato che, fino a quando non ho imparato a trasmetterle direttamente per email, inviavo all'anonimo Pungiglione lettere aperte per rettificare alcune notizie divulgate che a me risultavano sicuramente errate.
Sconoscendolo fisicamente, ero costretto a distribuirne qualche copia a pochi amici e speravo che qualcuna potesse arrivare alla giusta destinazione.
Ho tentato - invano - di instaurare un dibattito civile ed efficace. Utile a convincere i nostri moderni Politici locali che i palesi compromessi (o inciuci ?), attuati in passato per "VINCERE" non producono alcun vantaggio per la collettività. Nè servono per il raggiungimento delle loro recondite finalità. Perchè poi sciaguratamente litigano fra loro per la spartizione del ...... nostro benessere.
Ho anche rivolto al Pungiglione un garbato invito alla moderazione, come può confermare la lettera che immediatamente trascrivo:
Sabato 24.10.2009
Caro Pungiglione
Mi scuso per l'uso del Tu. Credo che fra colleghi cosidetti "EDITORI" sia lecito e consueto.
Un mio amico informatico mi ha fornito copia dell'articolo pubblicato sul tuo blog sabato l'altro, 17.10.09.
Condivido le tue giuste rimostranze e quelle di tutti i Compaesani i quali hanno subito danni e/o disagi vari causati dall'allagamento delle vie cittadine in data 16.10.09.
Prossimamente mi rivolgerò a quei Concittadini i quali si sono rassegnati ad "ABBAIARE", senza mordere, soltanto in simili circostanze e solo per qualche giorno.
Ora desidero correggere - non è il primo caso - una tua macroscopica inesattezza.
Nel sopracitato spot riferisci che i soli beneficiari di quell'opera (ricostruzione di via Roma) costata seicentomila euro, sono stati l'Architetto Coglitore e l'Ingegnerissimo Carmelo Alessandro.
ERRORE ! NON E' CORRETTO DIFFONDERE NOTIZIE INESATTE !.
Informati prima di diffondere notizie su argomenti così delicati.
Non intendo assumere difese d'ufficio che non mi competono.
Presumo che tu conosca il mio indice di gradimento nei confronti del "Politico" Carmelo Alessandro.
Ho sempre stimato, invece, - e continuo a stimarlo - Carmelo Alessandro come Professionista e come Imprenditore. Sopratutto, come Uomo libero e corretto.
COME TALE HO IL PRECISO DOVERE DI RISPETTARLO.
Volendo ripristinare la VERITA' sull'argomento trattato, occorre precisare che i due Professionisti incaricati per la progettazione e direzione dei lavori relativi alla ricostruzione di via Roma sono: l'Architetto Giampaolo Coglitore e l'Ing. ANGELO LEMBO, zio dell'Ing. Carmelo Alessandro e padre dell'attuale Consigliere Comunale Sergio Lembo.
Inopportunamente riferisci anche che i due sopradetti Professionisti fecero subito sfoggio di due bellissime fuoristrada pagate dai Cittadini di Oliveri.
Per tale affermazione ti sottopongo le seguenti considerazioni:

1) Qualunque lavoratore - tale è anche un Professionista - ha diritto alla legittima remunerazione per il lavoro prestato.

2) L'automobile, oggi, à un comodo mezzo di locomozione di cui si serve la maggior parte degli Italiani.

3) Ritengo ingiusta ed ingenerosa l'equiparazione COGLITORE - ALESSANDRO sia sul piano dell'attività lavorativa che su quello prettamente economico.

4) L'automobile - fuoristrada o meno - per qualunque Professionista non è un lusso ma è un necessario ed indispensabile strumento di lavoro.

Inoltre, voglio rammentarti che la Giunta Carini era composta non solo dal Michele Pino ma anche da altri DUE ASSESSORI E DA UN VICE SINDACO - mai licenziati - DEI QUALI MI SFUGGONO I NOMI E COGNOMI. ME LI VUOI RICORDARE ? PARLIAMONE !.
Concludo citandoti il tuo amato proverbio: "Errare humanum est, sed perseverare diabolicum".
Ma non ti biasimo. Anzi ti apprezzo. Sapessi quante volte ho sbagliato anch'io .....Ed ho imparato.
Dunque, concludiamo dicendo: ERRANDO DISCITUR. SBAGLIANDO S'IMPARA !.
CONTINUA ANCORA A PUNZECCHIARE TUTTI. MA CIVILMENTE SENZA ESAGERARE !. Antonio Amodeo

venerdì 26 febbraio 2010

LA CRITICA ANONIMA

Mi è stato riferito che il nostro Presidente del Consiglio, nella seduta del giorno 19 c.m., ha pubblicamente comunicato di avere presentato querela contro il Pungiglione perchè lo avrebbe diffamato.
Forse per tale motivo il Pungiglione è stato oscurato? Ritengo sconveniente ed inefficace criticare o commentare gli avvenimenti politici anonimamente.
Specie se l'anonimo si giustifica con i motivi più volte addotti dal Pungiglione.
Al quale - prima di istruirmi ad inviare direttamente per email i miei articoli - indirizzavo lettere aperte, mai pubblicate, per indurlo ad una seria riflessione.
Desidero pubblicare integralmente quella inviata in data 11.11.09 sperando di non suscitare inopportuni commenti per la coincidenza con la festa del San ..... Vino!. Sono astemio.
Trascrivo il testo della lettera inviata Mercoledì, 11.11.09:
Caro Pungiglione
Mi è stata fornita copia dell'articolo pubblicato sul tuo Blog in data 09.11.09.
La gentile Sig.ra Francesca Greco ti ha rivolto una semplice ed ovvia domanda: "COME MAI FATE CRITICA ANONIMA ?".
Tu dai la stessa risposta fornita all'Architetto Mondello in data 27.09.09.
Ossia: "Perchè non esiste libertà di espressione, specie nella nostra terra martoriata dalla mafia; e piccoli mafiosi esistono anche nel nostro paese".
Continui, quindi, a sostenere che nel nostro bel paese turistico esistono mafiosi, fortunatamente "piccoli".
Ti chiedo: Sei veramente convinto che la denunzia anonima sia la più efficace per combattere la mafia ?.
Inoltre: Sei sicuro che la denunzia sul tuo Blog, impegnato a divulgare l'immagine turistica di Oliveri, non danneggi gravemente tale immagine ?.
Ritengo che i danni causati siano notevoli e ti esorto a volerli seriamente considerare.
Per tranquillizzare i numerosi Turisti che ci onorano della loro presenza, desidero ricordare a te ed ai tuoi lettori che durante la mia quarantennale attività amministrativa ho, più volte, denunziato pubblicamente il comportamento scorretto di personaggi locali più o meno ILLUSTRI o - come tu li definiresti - "MAFIOSI".
Ho dedicato loro parecchie ore di comizi; ho dedicato numerosi interventi scritti ed orali. Sia in pubbliche sedute del nostro Consiglio Comunale che in altre diverse pubbliche riunioni.
Non mi è mai accaduto nulla di cio' che tu pensi possa accaderti!.
Se vivi ad Oliveri, dovresti conoscere questi precedenti che dovrebbero tranquillizzarti per le conseguenze temute.
Se veramente vuoi sconfiggere i mafiosi locali, l'unico mezzo efficace è quello di collaborare con la Giustizia.
Relativamente alla presenza di "Soggetti Politici e Professionisti che hanno violentato questo paese (Oliveri) a beneficio della loro avidità" concordo pienamente con te.
Ma tale privileggio non puo' essere attribuito eslusivamente ai tre personaggi a te cari: l'attuale Sindaco, il Magnifico e l'Ingegnerissimo.
Ti posso assicurare che tale demerito va egualmente attribuito alla generalità dei PROFESSIONISTI locali ed a tutti i Soggetti Politici che si sono avvicendati all'Amministrazione del nostro Comune in quest'ultimo ventennio.
Affermo, inoltre, che va aggiunto anche qualche BUROCRATE COMUNALE non meno "VIOLENTATORE" della due categorie da te citate.
Peraltro. qualcuno ha ricoperto, per lunghi anni, contemporaneamente il doppio ruolo di Soggetto Politico e Dipendente Comunale senza avere dimostrato eccessivo interesse per i bisogni del Popolo di Oliveri.
Dichiarandomi disponibile ad ogni confronto, porgo distinti saluti.=
Antonio Amodeo
PROSSIMAMENTE PUBBLICHERO' ALTRE ANALOGHE LETTERE

giovedì 25 febbraio 2010

LE COMUNICAZIONI DEL SINDACO DI OLIVERI

Oggi sentivo in via Roma commenti sul sito istituzionale del Comune di Oliveri.
Erano state pubblicate interessantissime comunicazioni.
Ho avuto la curiosità di accedere ed ho scoperto che un mio amico burlono aveva inteso farmi uno scherzetto di ..... Carnevale.
Ho riscontrato che la pagina inizia con una simpatica locandina a colori intitolata "PROGRAMMA CARNEVALE 2010".
Nulla di strano. Evidentemente al Comune di Oliveri il Carnevale dura tutto l'anno.
La notizia successiva è che il Comune di Oliveri era presente alla BIT di Milano.
Primato assoluto! Giudico molto innovativo "lo scopo di fare conoscere Oliveri al mondo intero ed invogliare così a venire non solo turisti ma anche e soprattutto operatori economici del settore ad investire nel nostro territorio".
Viene, inoltre, annuciato l'avvio dell'assistenza domiciliare agli anziani.
Forse, il mio amico burlone voleva garbatamente dirmi che la notizia mi riguarda! Infine, DULCIS IN FUNDO, la richiesta di sopralluoghi urgenti presso i torrenti Elicona/Oliveri e saia Castello.
Viene pubblicizzata, come ennesimo sollecito, la lettera inviata dal Sindaco alla Prefettura ed al Genio Civile di Messina nonchè al Dipartimento della Protezione Civile senza destinazione.
Stranamente, la lettera non è datata ed è priva del numero di protocollo.
Trattandosi di ennesimo sollecito, si presume che vi sia stato un primo, un secondo,
un terzo .....(un quartino, frutta e dolce) ed, infine, un ennesimo.
Sicchè per me, misero ignorante, è impossibie capire quando ha avuto inizio la telenovela a puntate.
NESSUN ACCENNO AGLI STROMBAZZATI SOPRALLUOGHI RICHIESTI PER LA SAIA CANNITATA.
NESSUN ACCENNO AI PROVVEDIMENTI ADOTTATI O DA ADOTTARE.
Tuttavia noi Cittadini possiamo stare tranquilli. Non vi è alcun pericolo.
I solleciti servono per fare arrivare un po' di quattrini per sfamare.... IL POPOLO.
Stiamo calmi. Il Sindaco ha le carte in regola. E se continua a piovere .... prepariamoci gli stivali e le zattere.
Antonio Amodeo

mercoledì 24 febbraio 2010

LA QUESTIONE FERROVIARIA

Recentemente il blog OLIVERI LIBERA ha pubblicato un post intitolato "LA QUESTIONE FERROVIARIA DI OLIVERI".
Maurizio Pirrotti giustamente lamenta che "rischia di assumere i contorni di una vera e propria telenovela".
Io aggiungo che già di fatto è una telenovela a puntate e che ogni puntata ci riserva una nuova sorpresa.
Temo sia stata ideata da una mente diabolica che ha tutto l'interesse di creare confusione perchè - come di dice - NTA CUNFUSIONI U SIGNURI PIDDIU A BIRRITTA.
Noi invece abbiamo perso i treni. Si dice che presto ce ne concederanno altri due. Sommati ai quattro attuali saranno sei. Di gran lunga inferiori ai 24 che avevamo.Nessuno ci ha saputo - o voluto - spiegare il motivo di tale penalizzazione.
Sperando in un possibile futuro migliore, archiviamo momentaneamente l'argomento.
L'altra fondata preoccupazione di Maurizio riguarda il dubbio amletico: "IL TRATTO A BINARIO UNICO RESTERA' O VERRA' SMANTELLATO A GIUGNO" ?.
Oso rispondere catagoricamente: ALLA DATA ODIERNA NON ESISTE ALCUN PROVVEDIMENTO UFFICIALE OD UFFICIOSO EMANATO DAI DUE ENTI LEGITTIMATI AD ADOTTARLO: RFI e REGIONE SICILIANA.
Esisteva ed esiste la volontà ed il desiderio spasmodico di alcuni Sindaci e relative adiacenze cancerogene i quali (Sindaci ed adiacenze) DISINTERESSATAMENTE E CON MOTIVAZIONI CONTRADDITTORIE lottano eroicamente per liberare i loro sudditi dalla schiavitù delle rotaie. Dalle quali non è possibile ricavare la benchè minima percentuale di utile mentre dal gommato o da altri usi è possibile creare i presupposti per il conseguimento di sani utili.
Sconoscono costoro che non è legittimo revocare le delibere dei rispettivi Consigli Comunali con una inutile, insignificante ed inefficace Conferenza di Servizio.
Detto tratto di linea ferrata è stato imposto dalla Ferrovia la quale non ha voluto concedere le fermate sul nuovo tracciato a doppio binario.
Questo risulta agli atti esistenti nei Comuni di Patti, Oliveri, Falcone, Furnari e Terme Vigliatore.
Per tale motivo RFI non ha mai pensato nè pensa tuttora di SMANTELLARLO.
La REGIONE SICILIANA - altro Ente legittimato a chiedere la soppressione previo la manifestazione di volontà di tutti i Consigli Comunali dei cinque Comuni interessati - non puo' autonomamente revocare il proprio Decreto n. 1238 del 23.10.1987 col quale ha approvato il progetto relativo al raddoppio di tratti della linea ferroviaria Palermo - Messina.
L'art. 5 del citato Decreto testualmente recita:
"Per entrambi i progetti, Patti-Terme Vigliatore e Acquedolci-Patti, così come suggerito dal Consiglio regionale dell'urbanistica, si prescrive:
A) nel corso della progettazione esecutiva, compatibilmente con le esighenze tecniche funzionali, si dovrà effettuare il coordinamento fra l'Ente FS, il Concessionario e le Amministrazioni Comunali al fine di garentire la fruibilità delle previsioni urbanistiche con le opere connesse al tracciato principale;

B) in relazione allo smaltimento dei materiali di risulta degli scavi, prima dell'inizio dei lavori, dovrà essere redatto il piano delle discariche contenente sia la loro localizzazione che le modalità di gestione e le previsioni di recupero ambientale a discarica colmata. Tale piano dovrà essere sottoposto alle autorizzazioni previste dalla legislazione esistente;

C) L'ENTE FS, UNITAMENTE AL CONCESSIONARIO RESTA IMPEGNATO A PREDISPORRE UNO STUDIO DI INTERVENTI MOGLIORATIVI NELLA LINEA ESISTENTE UTILI PER UNA QUALIFICAZIONE DEI TERRENI URBANI ATTRAVERSATI QUALI LA ELIMANAZIONE DEI PASSAGGI A LIVELLO, L'ALLARGAMENTO DEI SOTTOPASSI FERROVIARI ED IN GENERE OGNI ALTRO INTERVENTO ORIENTATO AD UN PIU' IDONEO INSERIMENTO DELLA LINEA ESISTENTE NEL TERRITORIO".

Alcuni Comuni virtuosi hanno chiesto ed ottenuto il rispetto del citato art. 5.-
Altri distratti o disinteressati - come Oliveri - hanno omesso di richiedere il rispetto dei propri diritti.

MA L'ASPETTO PEGGIORE DELLA VICENDA E' CHE I NOVELLI SPROVVEDUTI AMMINISTRATORI RITENGONO DI POTERE RIVERSARE SUI PREDECESSORI LE LORO PALESI RESPONSABILITA'.

MA LA DOCUMENTAZIONE ESISTENTE NON GLIELO CONSENTE.-

24.Febbraio.2010 Antonio Amodeo

lunedì 22 febbraio 2010

IL NUOVO BLOG

Non è mai vano tentare di conseguire un risultato che aprioristicamente appare non realizzabile.
L'omissione, oltre ad essere un reato penalmente perseguibile, per noi cattolici costituisce anche peccato. Che non puo' essere cancellato, con un semplice colpo di spugna, mediante il pentimento e la confessione ma occore anzitutto AGIRE.
Anche quando l'azione sembra impossibile.
Ho notato che nella nostra amata Oliveri manca la CONCORDIA. In tutti i settori dell'attività umana.
La popolazione, di indole buona, anticamente molto solidale in questi ultimi anni si è sempre più isolata ed incattivita.
La cattiveria, l'anonimato, il pettegolezzo e la diffamazione hanno raggiunto, in quest'ultimo decennio, livelli esorbitanti e dannosi per noi tutti cittadini e per l'immagine del nostro paese turistico.
Fortunatamente, i Turisti che ci onorano della loro presenza non percepiscono e non patiscono questo nostro malessere.
Ma noi che viviamo in questo bel paese siamo vittime consapevoli e passivamente soffriamo perchè non riusciamo ad intercettare le cause ed i rimedi.
Alcuni amici mi hanno spesso chiesto pareri e suggerimenti.
Li ho sempre concesso - INASCOLTATO - a tutti.
Quasi sempre, gli avvenimenti hanno confermato le mie previsioni. Ma io non ho gioito. Anzi, avrei preferito essere smentito.
Con l'unico intento di fornire un modesto contributo alla VERTA' DOCUMENTATA, ho accolto l'ennesimo invito a volere trasmettere pubblicamente il mio pensiero sulle vicende locali a tutta la cittadinanza.
Mi è stato consigliato di utilizzare questo efficace moderno strumento: IL BLOG.
Strumento per me astruso. Ma - mi dicono gli esperti - sicuramente efficace.
ME LO AUGURO PER NOI TUTTI !
Ringrazio chi, lealmente, mi ha incoraggiato ed assistito nella realizzazione di questo BLOG.
Antonio Amodeo